Jazz

Pat Metheny Day Trip[mp3 320](colombo jazz)

  • Download 5x Faster
  • Download torrent
  • Direct Download
  • Rate this torrent +  |  -
Pat Metheny Day Trip[mp3 320](colombo jazz)

Free and Direct Download with Usenet.nl 300GB+ free


Torrent info

Name:Pat Metheny Day Trip[mp3 320](colombo jazz)

Total Size: 99.61 MB

Magnet: Magnet Link

Seeds: 1

Leechers: 0

Stream: Watch Online @ Movie4u

Last Updated: 2016-01-30 13:23:54 (Update Now)

Torrent added: 2009-08-24 02:30:00





Torrent Files List


Verifier-Log.txt (Size: 99.61 MB) (Files: 14)

 Verifier-Log.txt

1.93 KB

 Cover_cd_Front.jpg

1.35 MB

 Pat Metheny with Christian McBride & Antonio Sanchez - Day Trip.m3u

0.25 KB

 10 - Day Trip.mp3

13.26 MB

 Cover_cd_Back.jpg

1.50 MB

 08 - Dreaming Trees.mp3

10.99 MB

 09 - The Red One.mp3

6.70 MB

 07 - When We Were Free.mp3

12.32 MB

 06 - Is This America (Katrina 2005).mp3

6.35 MB

 04 - Snova.mp3

8.39 MB

 05 - Calvin's Keys.mp3

10.94 MB

 03 - Let's Move.mp3

7.95 MB

 01 - Son Of Thirteen.mp3

8.57 MB

 02 - At Last You're Here.mp3

11.29 MB
 

tracker

leech seeds
 

Torrent description

Release mannix - Pat Metheny - Day Trip[mp3-320](colombo jazz)

Pat Metheny   Day Trip[mp3 320](colombo jazz) preview 0

Artista : Pat Metheny & Christian McBride/Antonio Sanchez
Titolo : Day Trip
Anno : Uscita:28/01/2008 - Pubblicazione: 2008
Genere : jazz/Instrument
Casa discografica : Nonesuch
Tipo di file : mp3 VBR
Bitrate : 320
Covers Incluse Front+Back[JPEG] 1650x1632

1.: Son Of Thirteen
2.: At Last You're Here
3.: Let's Move
4.: Snova
5.: Calvin's Keys
6.: Is This America (Katrina 2005)
7.: When We Were Free
8.: Dreaming Trees
9.: Red One
10.: Day Trip

personnel:
Pat Metheny - guitar
Christian McBride - bass
Antonio Sanchez - drums

Patrick Bruce Metheny (Lee's Summit, 12 agosto 1954) chitarrista statunitense.

Sono passati otto anni dall'ultimo Trio. Il meraviglioso lavoro del 99/00 vedeva all'opera, naturalemente oltre al chitarrista del Missouri, il brillante Bill Stewart e l'eccellente Larry Grenadier. Era un lavoro di livello altissimo, un mix di nuove composizioni e di standard del jazz come "Giant Steps". Un cd che rappresenta forse uno dei punti più alti della produzione methenyana. Prima ancora, il trio di "Question And Answer"del 1990, altro lavoro assoluto che godeva della rivisitazione dello standard "Solar". Logico, o quasi, aspettarsi un prodotto di grandissima qualità.

Gennaio 2008. Questa volta Pat Metheny entra in gioco con l'incredibile batterista Antonio Sanchez e l'ottimo Christian McBride (i due sono giovanissimi). Concluso da poco il tour con Brad Mehldau, con il quale il nostro ha lavorato a due album di alterno valore, Metheny ripropone la formula essenziale chitarra-basso-batteria (come definisce Pat in stile "Old School") estremamente efficace e raffinata, che permette di mettere in grande evidenza le sapienze dei musicisti in gioco.

Il prodotto è attraente fin dalla colorata copertina. "Day Trip" è il titolo dell'opera, costruita su 10 pezzi. Il tema del front riporta ai colori di "Speaking Of Now" del 2002 e "The Way Up" del 2005 che vedeva protagonista il PMG. La filosofia, seppure con il trio, si rinnova sulle tematiche urbane e ripercorre in qualche modo, le sonorità che mancavano appunto da alcuni anni.

Dietro i colori di questo raffinato progetto si cela il talento della formazione intenta a realizzare un sound piacevole e rilassante, una sorta di easy groove, mai aggressivo. Un lavoro riflessivo che in alcuni titoli riporta a fatti di attualità "Is This America?" di una tristezza imbarazzante (pezzo ispirato dai disastri dell'uragano Katrina, che distrusse New Orleans). C'è poi un altro pezzo stile ballad malinconica: "Dreaming Trees".

C'è spazio per le rivisitazioni (è già appunto successo in trio 99/00 con "Lone Jack") di un vecchio pezzo di decadente fusion "When We Were Free" che acquista spessore e personalità rispetto alla versione del 1996 dell'isterico album "Quartet" e si amalgama all'insieme decisamente godibile e di "The Red One" del 1994, rallentato, ma sempre eseguito con il synth distorto in chiave rockettara, che riporta al lavoro con Scofield "I Can See Your House From Here".

Poi ci sono le sorprese. Il groove di "Day Trip", il pezzo che dà il titolo all'album, è fresco, giocoso, accattivante, brillante ed avvolgente. La ritmica coinvolge e riporta a vecchie sonorità, ma con l'acuta sensazione di una rinfrancante riscoperta, da parte di Pat, della chiave di lettura adatta. Tra i deja vu del trio precedente e gli accorgimenti estetici, questa chicca non passa inosservata.

"Son Of Thirtheen" apre l'album caustica e sorniona e non si dispensa sulle abilità "fiume" degli artisti. In effetti appare già come un percorso snello e positivo, essenziale, che introdurrà alla strada di un album all'altezza delle aspettative.

"At Last You're Here" è quasi prevista nella sua dolcezza melodica, come pezzo che fa da premessa alla dinamica di "Let's Move". In questa sorta di titolo onomatopeico di riscoprono i dettami di un jazz da intrattenimento "alla trio": ritmico e felino si scaglia in traiettorie prestanti, che solo il lavoro "99/00" mi ricordava. Eccolo il Pat "Old School", tornato a stupire con i suoi trucchi maestrali insaporiti di freschezza.

"Snova" è una graziosa e sapiente melodia con ritmiche intercambiabili, che spicca con le sue particolarità, pur rimanendo fedele al riconoscibile stile del vecchio Pat.

"Calvin's Keys" è altrettanto brillante e gli spazi varcati profumano di blues. In questa parte centrale, l'album merita un ascolto intenso e attento.

Un cd da scomporre e ricomporre. Un assemblaggio nato negli ultimi anni "on the road", che prende vita per raccontare e raccontarsi.

Orario di seed e banda disponibile: 24/24 - Banda 30/45 kb/sec
Sostenete (colombo jazz) Rimanete in seed grazie

related torrents

Torrent name

health leech seeds Size
 

comments (0)

Main Menu