Jazz

boxset ian carr nucleus solar plexus and belladonna eac wawpack+cover

  • Download 5x Faster
  • Download torrent
  • Direct Download
  • Rate this torrent +  |  -
boxset ian carr nucleus solar plexus and belladonna eac wawpack+cover

Free and Direct Download with Usenet 300GB+ free


Torrent info

Name:boxset ian carr nucleus solar plexus and belladonna eac wawpack+cover

Total Size: 561.14 MB

Magnet: Magnet Link

Seeds: 0

Leechers: 0

Stream: Watch Online @ Movie4u

Last Updated: 2015-10-04 15:55:51 (Update Now)

Torrent added: 2009-08-24 01:20:20




Torrent Files List


nucleus solar plexus (Size: 561.14 MB) (Files: 15)

 nucleus solar plexus

  Unknown Title.log

0.89 KB

  solarplexus log.txt

0.89 KB

  nucleus solar plexus.wv

265.96 MB

  nucleus solar plexus.cue

0.81 KB

  digest.md5

0.28 KB

 nucleus belladonna

  Unknown Title.log

0.89 KB

  nucleus belladonna.wv

249.32 MB

  digest.md5

0.28 KB

  nucleus belladonna.cue

0.78 KB

 cover

  Scansione0006.tif

418.09 KB

  Scansione0004.tif

11.28 MB

  Scansione0005.tif

418.09 KB

  Scansione0003.tif

11.28 MB

  Scansione0001.tif

11.22 MB

  Scansione0002.tif

11.28 MB
 

tracker

leech seeds
 

Torrent description

ARTISTA E TITOLO

:::->Cover<-:::


:::->Dati Album<-:::
Titolo:Ian Carr Nucleus 2CD "SOLAR PLEXUS"--BELLADONNA
Anno:1971-&-1972
Genere:JAZZ ROCK-INFLUENZE SCENE PROGRESSIVE CANTERBURY
Bitrate:LOSSLESS WAWPACK

:::->Recensione<-:::

La scena jazz inglese abbracciò il jazz-rock dal momento in cui fu inventato da Miles Davis. Formati nel 1969 dal trombettista

Ian Carr, i Nucleus furono fra i primissimi gruppi a fondere jazz e rock dalla prospettiva del primo.

A parte Torrid Zone, di 8 minuti, il primo disco dei Nucleus, Elastic rock (Vertigo 1970) era frammentato in brevi schizzi che

evidenziavano la coesione all'interno del gruppo, senza concessioni commerciali. Ian Carr (tromba, corno), Karl Jenkins

(oboe, piano), Brian Smith (sax, flauto), Chris Spedding (chitarra, bouzouki), Jeff Clyne (basso) e John Marshall (batteria)

costituivano uno dei complessi più dotati tecnicamente al mondo, e ogni brano rappresenta uno sfoggio della loro bravura

(Elastic rock, Earth mother).

I pezzi iniziarono ad allungarsi su We'll talk about it later (Vertigo 1970), un lavoro più ambizioso e quasi barocco (Song for

the bearded lady, di 7 minuti) ma anche più emozionale (Sun child, Lullaby for a lonely child), anche se a tratti freddo,

cervellotico e oscuro (Oasis, di 9 minuti, Easter 1916, di 8 minuti).

Il processo evolutivo lo portò al sound orchestrale di Solar plexus (Vertigo 1971), dove la formazione di Carr, Jenkins, Smith,

Spedding, Clyne e Marshall si allarga con la sezione fiati di Kenny Wheeler, Harry Beckett e Tony Roberts, e con l'ingresso

del sintetizzatore. Metà del disco è occupata dalla suite di 21 minuti Torso / Snakehips' dream, una nuova vetta del loro

fluido stile improvvisativo, ma non meno ammalianti e affascinanti furono Bedrock deadlock, di 7 minuti, e Spirit level, di 9

minuti.

Mentre i membri originali iniziavano ad entrare nei più famosi Soft Machine, Nucleus divenne il nome di qualsiasi formazione

suonasse con Ian Carr. Su Belladonna (Vertigo 1972) il leader e Smith furono affiancati da Allan Holdsworth (chitarra), Dave

Macrae (tastiere), Gordon Beck (piano), Roy Babbington (basso), Clive Thacker (batteria), Trevor Tomkins (percussioni). I

sei pezzi (Belladonna, Summer rain, Remadione, May Day, Suspension, Hector's house) proseguono il viaggio barocco,

elegante ed orchestrale del leader, ed aumentano il livello di ricerca di timbri e ritmi.

Perso Holdsworth e guadagnato Tony Levin, un sintetizzatore e una schiera di di ospiti (Kenny Wheeler, Trevor Tomkins, la

violinista Norma Winstone, il clarinettista Tony Coe) su Labyrinth (Vertigo 1973), in cui svettano Origins (11 minuti) e

Exultation / Naxos (18 minuti). Le principali innovazioni furono nelle ritmiche, che acquistarono una loro geometria

massiccia e forzarono gli elementi melodici. Carr brillava per la sua direzione impeccabile, in qualità di compositore e

arrangiatore del complesso. La musica dei Nucleus era il suono che Carr riusciva a far produrre ai suoi collaboratori.

Il talento assoluto del gruppo era tuttavia in declino, come dimostrato da Roots (Vertigo 1973), il primo album a comprendere

un cantante. Il ritmo iniziava ad avere parentele col funk e il complesso stava perdendo il suo interesse corale a causa di una

produzione troppo pulita (Roots, Images, Caliban, Whapatiti, Capricorn, Odokamona, Southern roots and celebration).

Under the sun (Vertigo 1974) presentava una formazione completamente rinnovata con, un'altra volta, un tocco di

elettronica. Nonostante i 10 minuti di Rites of man, l'album è per gran parte monotono. Così anche Snakehips etcetera

(Vertigo 1975) e Alleycat (Vertigo 1975). I quattro lunghi pezzi di In flagranti delicto (Capitol 1977) ristabilirono parzialmente

il prestigio di Carr, soprattutto per il modo in cui fondeva il jazz classico con l'elettronica (Gestalt, Mysteries, Heyday, In

flagranti delicto). Persino l'arrangiatore jazz Neil Ardley collaborò al suono elettronico dei nuovi Nucleus di Out of the long

dark (Capitol 1979), ma i risultati non furono irresistibili per l'eccessiva frammentazione, così come per l'ancor più modesto

Awakening (Mood 1980).

Live at the Theaterhaus (Mood 1985) contiene composizioni inedite. Nonostante il ritorno di John Marshall, si tratta di un

lavoro ben poco dignitoso degli originali Nucleus.

Era inevitabile che Carr arrivasse a trovarsi a giocare con la musica classica. Il risultato fu Northumbrian Sketches, per

ensemble jazz e sezione d'archi, una suite in 4 parti che appare su Old Heartland (Emi 1988).

Carr contribuì anche con Zyklus, un quartetto con Neil Ardley e John Walters all'elettronica e Warren Greveson alla batteria

elettronica, che fece uscire Virtual realities (Amp, 1992).

Il suo disco di duetti tromba-organo Sounds and sweet airs (Celestial Harmonies 1993) cercava di vendere il suo sound

sofisticato al pubblico meditativo della new age.

Ian Carr porta avanti anche un'ottima carriera di critico musicale.

:::->Dati Tecnici<-:::

EAC extraction logfile from 19. January 2007, 16:31 for CD
Unknown Artist / Unknown Title

Used drive : TSSTcorpCD/DVDW SH-S182D Adapter: 1 ID: 0
Read mode : Secure with NO C2, accurate stream, disable cache
Read offset correction : 0
Overread into Lead-In and Lead-Out : No

Used output format : F:\Programmi\EAC\REACT.exe (User Defined Encoder)
128 kBit/s
Additional command line options : REACT %o %s %d "%a" "%g" "%t" "%n" "%x" "%y" "%m" "%e" "%f" "%b" %r

Other options :
Fill up missing offset samples with silence : Yes
Delete leading and trailing silent blocks : No
Installed external ASPI interface


Range status and errors
Selected range
Filename E:\nucleus solar plexus.wav

Peak level 98.8 %
Range quality 100.0 %
CRC 2AD5E84D
Copy OK

No errors occured

End of status report
-----------------------------------------
EAC extraction logfile from 19. January 2007, 15:03 for CD
Unknown Artist / Unknown Title

Used drive : TSSTcorpCD/DVDW SH-S182D Adapter: 1 ID: 0
Read mode : Secure with NO C2, accurate stream, disable cache
Read offset correction : 0
Overread into Lead-In and Lead-Out : No

Used output format : F:\Programmi\EAC\REACT.exe (User Defined Encoder)
128 kBit/s
Additional command line options : REACT %o %s %d "%a" "%g" "%t" "%n" "%x" "%y" "%m" "%e" "%f" "%b" %r

Other options :
Fill up missing offset samples with silence : Yes
Delete leading and trailing silent blocks : No
Installed external ASPI interface


Range status and errors
Selected range
Filename E:\nucleus belladonna.wav

Peak level 100.0 %
Range quality 100.0 %
CRC 40D8134C
Copy OK

No errors occured

End of status report

related torrents

Torrent name

health leech seeds Size

Solar Plexus 5 Album

0 0 410.00 MB 0

Solar Plexus

0 0 83.00 MB 0

Solar Plexus 2

0 0 76.00 MB 0
 

comments (0)

Main Menu