TV - Other

La Storia Siamo Noi Moshe Dayan [DivX Ita Mp3] Documentario[TNTVillage scambioetico org]

  • Download 5x Faster
  • Download torrent
  • Direct Download
  • Rate this torrent +  |  -

Torrent info

Name:La Storia Siamo Noi Moshe Dayan [DivX Ita Mp3] Documentario[TNTVillage scambioetico org]

Total Size: 357.11 MB

Magnet: Magnet Link

Seeds: 0

Leechers: 0

Stream: Watch Online @ Movie4u

Last Updated: 2015-05-21 04:01:37 (Update Now)

Torrent added: 2009-08-23 23:16:52




Torrent Files List


La storia siamo noi-Moshe Dayan.avi (Size: 357.11 MB) (Files: 1)

 La storia siamo noi-Moshe Dayan.avi

357.11 MB
 

tracker

leech seeds
 

Torrent description

:::->Scheda tecnica del filmato<-:::



Titolo: Moshe Dayan
Serie Tv: La storia siamo noi
Emittente: Rai3
Trasmesso: XX/XX/XX
Genere: Documentario storico
Conduttore: Giovanni Minoli
Audio: Italiano
Sottotitoli: n.d.



:::->MIO PADRE, UOMO DEL DIALOGO<-:::

Parla la figlia pacifista di Moshe Dayan


A quarant'anni dalla guerra dei sei giorni, Yael Dayan, sessantasette anni, vicesindaco di Tel Aviv dal 2004, esponente di punta del partito pacifista “Meretz” ricorda quei giorni vissuti in prima linea

"DOPO L’OCCUPAZIONE mio padre Moshe sperava molto nella pace. Tentò in tutti i modi di aiutare i sindaci palestinesi dei territori conquistati durante la guerra dei sei giorni. Voleva avviare un dialogo con loro e con re Hussein di Giordania. L’atteggiamento del sovrano hashemita lo deluse. Gli dispiacque che non avesse offerto ai suoi sudditi della Cisgiordania l’opportunità dell’indipendenza. Hussein semplicemente se ne liberò e si dissociò da loro. Molto tempo dopo abbiamo firmato la pace con lui, ma la Giordania nel frattempo si era distaccata dalla Cisgiordania. Il monarca avrebbe potuto passare alla storia come il salvatore, l’eroe dei palestinesi...".

Yael Dayan, sessantasette anni, vicesindaco di Tel Aviv dal 2004, esponente di punta del partito pacifista “Meretz” e figlia del generale israeliano che sbaragliò le armate arabe nel giugno di quaranta anni fa, ricorda quei giorni con la vivida memoria di chi li ha vissuti in prima linea:
"Ero nel Sinai con la divisione di Ariel Sharon. Avevo il grado di sottotenente. Ero in forza all’ufficio stampa dell’Idf (le forze di difesa di Israele). Mio padre venne a passarci in rassegna. Non avemmo il tempo di scambiare neppure una parola. Tornai a casa un mese dopo la fine delle ostilità. Solo allora abbiamo avuto modo di parlarci, di discutere di quello che era successo".

Lo scrittore Tom Segev, nel suo volume intitolato “1967”, sostiene che il Paese fu travolto da una disastrosa euforia da vittoria…
"Più che del settimo giorno, si dovrebbe parlare dei sette giorni che hanno preceduto il ricorso alle armi. Segev è molto bravo a puntare il dito contro l’euforia! È facile parlare con il senno di poi. Vorrei capire qual è la sua tesi. Che non avremmo dovuto fare la guerra? Io invece penso che il conflitto fosse giustificato. Certo, l’obiettivo non era l’occupazione di terre arabe. Quello è stato il risultato delle ostilità, di sicuro non era il fine".

Le ricostruzioni di diversi storici dicono che la società israeliana temeva una sorta di secondo Olocausto. Nasser veniva etichettato come il nuovo Hitler.
"Nell’esercito la percezione non era assolutamente di questo tenore. C’era solo molta determinazione ad assestare un colpo preventivo alle armate egiziane".

Insomma, nessuno aveva paura di essere cancellato dalla carta geografica?
"La Giordania e la Siria avrebbero dovuto tenersi alla larga. Nelle nostre intenzioni c’era solo un blitz contro l’Egitto di Nasser. L’errore più grave lo commise re Hussein. Gli costò una metà del suo regno. Non saremmo entrati in Cisgiordania, se si fosse astenuto dal partecipare ai combattimenti".

Segev scrive che la presenza militare nelle terre arabe portò immoralità e corruzione. In altre parole fu la scintilla di una sorta di mutazione genetica dello Stato israeliano. È d’accordo?
"Io penso che l’occupazione dei territori palestinesi sia orribile, che deve essere risolta perché è un assoluto disastro prima di tutto per i palestinesi e poi, certo, anche per noi, come società. Ma subito dopo il 1967 consideravamo Gaza e la Cisgiordania alla stregua di carte di scambio. Eravamo pronti a restituirle in maniera del tutto pacifica. Invece sono stati necessari un’altra guerra e un intero decennio prima che l’Egitto comincias se a parlare di pace con Israele".

Torniamo all’"errore" di re Hussein. Non sarebbe stato più saggio limitarsi a sconfiggere le sue armate sul campo, senza strappargli la Cisgiordania?
"Non era possibile vincere e dire: bene, ora ce ne andiamo! C’era la questione di Gerusalemme. Avevamo il Sinai. Non era una partita di scacchi, finita la quale si rimettono i pezzi nello schieramento iniziale e si ricomincia. Si dovevano ottenere risultati".

Ora le prospettive di pace paiono ridotte al lumicino.
"Non sono d’accordo. Per la prima volta è arrivata sul tavolo un’iniziativa della Lega Araba e dell’Arabia Saudita. È una grande occasione. Al Qaeda, l’Iraq e la minaccia iraniana hanno fatto uscire dal seno del mondo arabo una proposta autentica. L’Occidente dovrebbe appoggiarla con grande forza".

E Israele?
"Dopo l’ultima guerra in Libano, che è stata un disastro totale, il Paese capisce che la nostra potenza ha limiti precisi. Incombe l’ombra inquietante dell’Iran. Dobbiamo arrivare a un’intesa globale con i palestinesi e con la Siria, non a piccoli accordi su una colonia o su pochi centimetri di territorio. Ora c’è un’opportunità".

:::->Scheda tecnica del DivX<:::



Dimensione: 357MB
Durata: 00:55:26
Sezione video: 309MB (36,62%)
Sezione audio: 22,2MB(62,42%)
Video Codec: Dvix 5.0
Video Bitrate: 780 kb/s
Risoluzione: 720x576
FPS (Frames/sec):25
QF (Frame quality): 0,075 b/p
Audio Codec: Mp3
Audio Bitrate: 56kb/s
Freq Audio: 24.000Hz

related torrents

Torrent name

health leech seeds Size
 

comments (0)

Main Menu