Hip Hop

[Italian Hip Hop] Bassi Maestro Hate (2005) [MP3 128][tntvillage scambioetico org]

  • Download 5x Faster
  • Download torrent
  • Direct Download
  • Rate this torrent +  |  -

Torrent info

Name:[Italian Hip Hop] Bassi Maestro Hate (2005) [MP3 128][tntvillage scambioetico org]

Total Size: 54.77 MB

Magnet: Magnet Link

Seeds: 1

Leechers: 0

Stream: Watch Online @ Movie4u

Last Updated: 2016-01-30 04:53:14 (Update Now)

Torrent added: 2009-08-23 22:50:23





Torrent Files List


22 - Mondo Marcio - All The Way To Chilltown.mp3 (Size: 54.77 MB) (Files: 22)

 22 - Mondo Marcio - All The Way To Chilltown.mp3

3.84 MB

 21 - Mondo Marcio - Starlight Feat. Gomez.mp3

3.40 MB

 20 - Mondo Marcio - Ti Buco L'Anima.mp3

2.67 MB

 19 - Mondo Marcio - Abbi Fede Feat. Fabri Fibra.mp3

3.17 MB

 18 - Mondo Marcio - Non Puoi Spegnerlo.mp3

2.10 MB

 17 - Mondo Marcio - Quello che So Feat. Cush.mp3

3.23 MB

 16 - Mondo Marcio - Messaggio Promozionale.mp3

416.96 KB

 15 - Mondo Marcio - Qual' è il Tuo Nome.mp3

2.31 MB

 14 - Mondo Marcio - Sweet Pussy.mp3

3.23 MB

 13 - Mondo Marcio - Mondo Marcio Gue Pequegno - Il Guercio.mp3

2.43 MB

 12 - Mondo Marcio - Make Money Money.mp3

4.11 MB

 11 - Mondo Marcio - Le Strade Feat. Jack the Smoker.mp3

3.12 MB

 10 - Mondo Marcio - Skit 3.mp3

426.98 KB

 09 - Mondo Marcio - Jack Feat. Jack the Smoker.mp3

1.72 MB

 08 - Mondo Marcio - Fuori di Qua.mp3

3.61 MB

 07 - Mondo Marcio - Skit 2.mp3

0.98 MB

 06 - Mondo Marcio - Sei Troppo Cheap Feat. Bassi Maestro.mp3

3.29 MB

 05 - Mondo Marcio - Skit 1.mp3

479.63 KB

 04 - Mondo Marcio - Showtime.mp3

3.64 MB

 03 - Mondo Marcio - Non Lasciarmi.mp3

2.78 MB

 02 - Mondo Marcio - Il Giuramento Feat. Dj Minga.mp3

3.68 MB

 01 - Mondo Marcio - Intro.mp3

176.78 KB
 

tracker

leech seeds
 

Torrent description

Artista: Bassi Maestro
Album: Hate
Genere: Rap
Anno: 2005
Etichetta: Vibra Records
Formato: MP3 128 Kbps
Cover: Presente [Front]

Tracklist

01. INTRO
02. DEDICATED
03. KNOCK 'EM OUT
04. 2XCHECK
05. B.Y.H. (BANG YOUR HEAD)
06. WHAT I AM
07. RAP PHENOMENON
08. WHY?
09. HATE
10. BRAGGIN 'N' BOASTIN'
11. THE CRIB
12. PASS THE MIC
13. RADIO SUCKER
14. KEEP YA HEAD UP
15. POP MUSIC
16. HIP HOP MARKET
17. TROUBLES
18. CALL IT THAT
19. THE LYRICS
20. YOU

Biografia

Bassi Maestro (aka Busdeez aka CockDizul) si fa conoscere e apprezzare nel panorama hip hop italiano come dj, a cavallo tra gli anni 80 e gli anni 90.
Nel primi anni 90 esordisce con due demo tape, 'Bastian contrario' e 'Furia solista', che ricordano lo stile sincopato dei Public Enemy e del Lou X di 'Dal basso'.
Il primo vero album, 'Contro gli estimatori', appare invece nel 1996. È un album dal tono alquanto risentito, che mira a far crescere il genere hip hop ed in particolare lui stesso come rapper nell'asfittico mondo della musica italiana: brani come 'Meglio riconoscere' e 'Rappresento per il fine settimana' segnano i confini del territorio artistico-musicale che Bassi rivendica come suo.
Il secondo progetto solista vede la luce nel 1997 ed è intitolato 'Foto di gruppo': un lavoro più intimista del precedente, in cui è possibile apprezzare un sensibile incremento della profondità lirica dei testi: l'artista si confronta con il tema dello scorrere del tempo e del perdurare attraverso esso dei valori fondamentali dell'amicizia e del rispetto. Tracce quali 'Il tempo che è trascorso', 'Family and Business', nonchè l'eponima e bellissima 'Foto di gruppo' costituiscono una riflessione allargata a diversi momenti dell'esistenza il cui comune denominatore è rappresentato dalla musica, che tiene insieme i ricordi e permette di prendere le distanze dal reale e di analizzarlo lucidamente. Non mancano brani più leggeri e cantabili ('Dal tramonto all'alba') e altri più tradizionalmente finalizzati alla definizione del rap come genere ('Conosci il mio steelo' e 'Bionic Skillz').
Il terzo album di Bassi - che nel frattempo ha consolidato il sodalizio artistico con Dj Zeta e il duo Cricca Dei Balordi noto come Sano Business - risale al 1999, ed è 'Classico'. Bassi chiude la parentesi intimista del precedente lavoro e ritorna a toni più incisivi ed esclamativi, forte di una accresciuta consapevolezza nelle proprie capacità artistiche, derivata dall'ottima risposta del pubblico all'album 'Foto di gruppo'. Il rapper spazia allora dalla analisi disincantata della vita quotidiana di 'È così che va' alla celebrazione del proprio stile in 'Classico', farcendo il tutto con una metrica sempre fresca e delle liriche tanto immaginifiche quanto taglienti.
Nel dicembre 2000 vede la luce 'Rapper italiano', quarto album solista di Bassi. Il disco prosegue sulla scia del precedente lavoro, ma denota uno scarto stilistico e musicale notevole: in esso Bassi dimostra di essere fortemente maturato dal lato della padronanza del sostrato ritmico tipico del genere, sperimentando nuovi tipi di campionamenti e riscoprendo il valore musicale dello scratch (si veda 'Lo capisci o no' con Dj Double S). L'accresciuta orignalità delle rime e dall'eterogeneità degli stili, che variano dalle atmosfere vagamente gangsta di 'Rapper italiano' (in cui Bassi esprime tutto il suo risentimento per lo stato di anonimato in cui versa l'hip hop in Italia e l'incomprensione che lo circonda), all'ironia pungente di 'The shit dropper' fino al crunck ante litteram di 'Per i miei gorilla', fanno intendere che Bassi Maestro è vicino alle vette del suo perfezionamento musicale.
Il 2002 saluta l'uscita del quinto album solista, 'Background', da molti considerato il capolavoro di Bassi ed una pietra miliare nella storia del rap italiano.
Il successivo lavoro, 'Classe 73', esce nel 2003 e prosegue sullo stesso tenore dell'ottimo antecedente. Tuttavia, Bassi non riesce ad attingere pienamente alle vette di Background.
A un anno di distanza da 'Classe 73' segue 'Seven - The street prequel', ponte tra 'Classe 73' e 'L'ultimo testimone'. 'Seven' è uno street album meno teso, a tratti disimpegnato, ma sorretto da un'attitudine street sobria e convincente al tempo stesso. Metricamente molto valido, esso rappresenta una parentesi quasi totalmente votata alla sperimentazione di uno stile italiano che guardi con un certo interesse al gangsta East Coast, tentativo bene esemplificato da Rezpekt, cover di Lean Back della Terror Squad di Fat Joe. In questa direzione vanno letti anche i featuring contenuti nel CD, di Mondo Marcio e Jack the Smoker, lo stile dei quali ammicca alle atmosfere cupe e rancorose della G-Unit.
'L'ultimo testimone' è l'ottava fatica di Bassi. Molti hanno individuato in quest'album una deviazione verso i territori più lucrosi della musica pop, nel tentativo magari di ritagliarsi una fetta anche piccola della torta del music-biz. Altri pensano che esso testimoni di un'inesausta volontà di sperimentare e di rimettersi in gioco.
Recentemente è apparso l'ultimo lavoro solista del Bax, 'Hate'. La nona tessera del mosaico artistico di Bassi è per molti versi un ritorno alle origini, segnato dalla riscoperta delle radici americane del genere, da sonorità più scarne e old school e dal ricordo dei propri esordi di artista. Quella che dall'album si ricava è l'immagine di un Bassi completamente immerso nella sua musica, diviso tra le serate nei club e le attività di solista e produttore, che hanno contribuito a renderlo prima e a consolidarlo poi come uno degli esponenti di maggior rilievo nella scena.
Produttore, solista, intrattenitore: in questi termini si misura il contributo offerto da Bassi alla causa dell'hip hop italiano.
Bassi prosegue tutt’ora l’attività di Dj e produttore e gestisce un proprio studio di registrazione a Milano, la 'Fortezza delle Scienze'.
(fonte:vibrarecords.com)

Recensione

Dei tanti motivi utilizzabili per introdurre questo nuovo disco di Bassi Maestro ho deciso di non sceglierne nessuno per il semplice fatto che sono pigro. Tanto il personaggio ormai lo conoscete tutti e non penso sia poi così necessario ricamarci sopra ulteriormente.

"Hate" (eight, omofonia) è appunto l'ottavo disco di Bassi Maestro e finalmente, dopo una serie lavori piuttosto effimeri e mediocri, siamo di fronte ad un album convincente e ispirato, un tributo alla vecchia scuola quantomai attuale e ricco di senso. Se poi si tiene conto che è solo all'ottavo che troviamo l'mc/produttore milanese alle prese con un disco tutto suo, niente featuring di sorta nè ai beats nè al microfono, viene da chiedersi l'utilità di molte delle sue precedenti uscite, zeppe di gente ma spesso prive di direzione.

Un tributo alla vecchia scuola dicevamo, ed è così innanzitutto a livello musicale, in molti inseriscono elementi old school nei propri beats, pochi lo sanno fare con stile. Bassi è uno di questi, è bravo perchè non si limita a ricreare il sound dei pionieri ma amalgama questi elementi al suo tipico fare beats, creando un ibrido convincente in sè e coerente rispetto al suo modus operandi. Basti notare, per esempio, come riesce a spremere ulteriore juice da un break stra-abusato come "Impeach The President" (in "What I Am"). Ottimo anche l'uso dello scratch, mai solipsistico eppur efficace nel completare i pezzi con samples vocali cuttati dai super classici del rap made in Usa.

Al microfono nessuna rivoluzione in atto, chi detesta Bassi difficilmente se ne innamorerà ascoltando queste 20 tracks. La solita attitudine, il solito stile, la solita strafottenza: c'è chi lo ama per questo e chi per questo lo odia, lascio a voi scegliere da che parte stare. Nonostante ciò va sottolineata la cura con cui è stata concepita ogni traccia e l'acume con cui Bassi resta fedele a se stesso senza eccedere negli atteggiamenti che nel corso degli anni han contribuito, negativamente, a stereotipare la sua immagine. Così abbiamo sia la zarraggine ("Troubles" o "Pop Music") che il citazionismo ("The Lyrics", "The Phenomenon" e "The Crib"), sia la malinconia ("You" ed "Hate") che l'aggressività ("Bang Your Head" e "Knock 'em Out"). Un lavoro compatto e completo il cui unico limite, se così possiam chiamarlo, è quello di essere ottimo a livello musicale e "solo" buono a livello lirico, creando un dislivello talvolta davvero accentuato. Il pezzo migliore del disco è sicuramente "Dedicated": Bassi stende un beat in puro stile Sano Business e ci rappa sopra la "sua" storia, da Vito War ai Public Enemy, da Esa all'Area Cronica, da Next One ai Cypress Hill per un intrigante flashback di luoghi, personaggi ed emozioni nella storia dell'hip hop in Italia, dai primi anni '90 ad oggi.

related torrents

Torrent name

health leech seeds Size
 

comments (0)

Main Menu