Animation

Antologia Supergulp[VhsRip Divx ITA MP3][TNTVillage scambioetico org]

  • Download 5x Faster
  • Download torrent
  • Direct Download
  • Rate this torrent +  |  -
Antologia Supergulp[VhsRip Divx ITA MP3][TNTVillage scambioetico org]

Free and Direct Download with Usenet.nl 300GB+ free


Torrent info

Name:Antologia Supergulp[VhsRip Divx ITA MP3][TNTVillage scambioetico org]

Total Size: 700.05 MB

Magnet: Magnet Link

Seeds: 0

Leechers: 0

Stream: Watch Online @ Movie4u

Last Updated: 2016-08-30 04:35:06 (Update Now)

Torrent added: 2009-08-22 12:44:39





Torrent Files List


Antologia Supergulp.avi (Size: 700.05 MB) (Files: 1)

 Antologia Supergulp.avi

700.05 MB
 

tracker

leech seeds
 

Torrent description

Cominciò tutto così… Rubando a Stan Lee, il geniale inventore dei Fantastic Four, di Spiderman, di Thor e di tanti altri supereroi, le prime tre parole con le quali inizia il mitico racconto della nascita dei Fantastici Quattro, vi racconterò anch’io come nacquero trent’anni fa prima Gulp! e poi Supergulp!. Ripeto, per chi si fosse messo a leggere in questo istante, che sto per iniziare un racconto-fiume che, partendo da un approfondito esame socio-economico-politico-culturale del periodo storico che l’Europa (e l’Italia in particolare) stava attraversando in quel momento, il Sessantotto era passato da poco, toccando qua e là i più svariati argomenti, tutti comunque legati in qualche modo al fumetto come la musica – Beatles e rock generation – la moda, la pubblicità e soprattutto un certo tipo di cultura che, grazie anche ad autori e critici come Umberto Eco e Oreste Del Buono, stava scoprendo il fumetto…
Scusate un momento, mi sta squillando il telefono, un attimo e sono subito qui da voi, per favore aspettatemi. Non cambiate pagina…
… Eccomi qua, ci siete ancora tutti? Sì? Meno male, perché sono stato via più del previsto. Sapete chi era al telefono? Giancarlo Governi, sicuro, proprio quello di Supergulp!, l’amico di sempre, che mi avvertiva di avermi appena inviato un’e-mail con tutto quello che aveva scritto su Supergulp! e che sarebbe stato pubblicato su questo stesso catalogo. Ho aperto immediatamente la posta elettronica, immediatamente si fa per dire, perché per me è ancora un’operazione misteriosa che mi porta via un sacco di tempo - vi prego: se volete scrivermi usate la posta prioritaria, riesco a leggerla molto prima di una e-mail – e per poco non mi ha preso un colpo.
Il signorino, oltre ad aver iniziato il suo articolo con le stesse mie parole (quando si dice essere in sintonia), aveva già scritto, e scritto bene, tutto quello che avevo in mente di raccontarvi in queste pagine. Per cui, ora, al massimo dello sconforto, non sapendo più a che santo votarmi ho deciso di chiudere queste poche righe, quasi uguali a quelle scritte prima di me da Governi, con l’unico rammarico di non aver potuto intrattenervi più a lungo parlando di Supergulp!, una splendida avventura che occupa sempre un posto molto importante nel mio cuore e nella mia mente.
Pazienza, in fondo basta farsene una ragione… Ma, un momento, fermi tutti, Governi mica ha scritto come facemmo allora, per la prima volta in the world, a trasformare un semplice fumetto in un “fumetto per la TV”. No, non l’ha ancora fatto, e allora lo farò io che, proprio trent’anni fa assieme al caro indimenticabile amico Bonvi, riuscii a compere questa divertente operazione. Innanzitutto, ci volevano due autori geniali, estrosi, divertenti, dotati di una sfrenata e quasi delirante fantasia, capaci di inventare storie straordinarie, padroni del proprio mestiere e profondi conoscitori dei gusti del pubblico. Cos’altro potrei scrivere, visto che sto parlando di me e di Bonvi?
Diciamo, allora, che gli autori c’erano. Ci voleva un disegnatore di grande talento e quello c’era: il Bonvi. Ci voleva un grosso personaggio che sapesse subito guadagnarsi la simpatia del pubblico e quello c’era: Nick Carter. Poi, un antagonista, un avversario irriducibile e acerrimo nemico di Nick Carter; così, in un attimo, come venuto dal nulla, spuntò Stanislao Moulinsky con quel suo tormentone: “Ebbene sì, maledetto Carter, hai vinto anche stavolta!”. E poi, due comprimari da affiancare a Nick Carter ed ecco il grande e grosso Patsy e il piccolo e saggio Ten con le sue massime: “Dice il saggio…”, con quel che segue.
Ora, si trattava di scrivere una storia ma questo, come ho detto prima, non era certo un problema per Bonvi e me. Casomai, il vero problema sarebbe stato il contrario, cioè, per un qualche motivo, non poterle scrivere. Avevamo inventato decine e decine di avventure per “Salomone il pirata pacioccone” e c’eravamo rodati a sufficienza per poter affrontare storie più lunghe, comico-grottesche come quelle di Nick Carter. La prima avventura che scrivemmo fu Il mistero dei dieci dollari, dove un biglietto da 10,5 dollari veniva, dopo un’attenta e approfondita analisi, riconosciuto falso dall’infallibile fiuto di Nick Carter. Bonvi disegnò in men che non si dica (e mi guarderò bene dal dirlo) una settantina di vignette, ciascuna con le sue brave nuvolette dentro, ed ecco pronta, “Una bella storia a fumetti”, dirà qualcuno di voi. E continuerà: “Quello lo avevamo capito subito, ma come avete fatto a trasformarla in un fumetto televisivo?”. Non fu poi così difficile. C’è da dire che chi scrive aveva già tentato per proprio conto di tradurre per il video un fumetto nato per essere stampato e letto sui giornaletti: Dick Tracy, una striscia famosissima in America negli anni Trenta, che raccontava le avventure di un detective nato dalla fervida fantasia del grande Chester Gould (diventerà protagonista di un film famoso negli anni Novanta). Quelle strisce mi avevano colpito per il susseguirsi quasi cinematografico delle loro vignette: campi lunghi con descrizioni minuziose dell’ambiente in cui si muovevano i protagonisti, scene e personaggi che sembravano disegnati come se venissero inquadrati da una macchina da presa con un assoluto rispetto della sintassi cinematografica. Mai un salto di campo, mai un errore nei controcampi o nelle angolazioni corrispondenti: il personaggio che era disegnato di fronte e a destra nella vignetta, restava a destra nella vignetta successiva anche se disegnato di spalle. Primi piani perfetti per raccontare meglio le emozioni vissute dai vari personaggi, dettagli ricchi di particolari, quando si rendevano necessari per far comprendere meglio la storia.
Feci una specie di provino su alcune di queste strisce e già riprendendole fisse e montandole una dopo l’altra, rispettando la loro successione originale, si dava a chiunque la possibilità di seguire e leggere la storia su di uno schermo televisivo allo stesso modo in cui l’avrebbe letta in un giornale a fumetti.
Pretesi allora che Bonvi disegnasse Nick Carter alla maniera di Dick Tracy, cosa che il giovanotto fece con grande entusiasmo e senso dell’amicizia, rispettando tutte le indicazioni di regia che gli davo man mano che la storia si sviluppava. I disegni vennero poi da me ripresi e fermati sulla pellicola utilizzando una vecchia “verticale”, che già mi era servita per la ripresa dei cartoni animati. Si trattava di una macchina da presa a passo singolo, cioè in grado di scattare un fotogramma alla volta, sistemata su due robuste colonne metalliche verticali (da cui il nome). Lungo queste colonne, la macchina stessa poteva scendere e salire, quindi avvicinarsi e allontanarsi rispetto ad un piano orizzontale posto sotto di essa che, a sua volta, poteva muoversi orizzontalmente in tutte le direzioni richieste dalla regia e sul quale venivano messi i disegni che sarebbero poi stati ripresi utilizzando la stessa tecnica che si usa nella produzione di un film a cartoni animati. Con una sola differenza, che i disegni non si muovevano mentre a muoversi era solo la macchina da presa.
Il tutto - accompagnato da una perfetta e puntuale colonna sonora cinematografica fatta di dialoghi, rumori, effetti e musiche di commento composte e arrangiate apposta per la storia che si voleva raccontare - diventava, alla fine, un filmato di grande impatto visivo e sonoro capace di tenere incredibilmente avvinti i telespettatori davanti al video. Ma c’era ancora un problema da risolvere: lasciare o togliere i balloons, le nuvolette, con dentro le frasi pronunciate dai vari personaggi? Decisi che non si potevano assolutamente togliere, altrimenti il “Fumetto in TV” non sarebbe più stato un vero fumetto. Ma, e questo era il vero problema, come sistemarle, queste benedette nuvolette, dentro alle varie inquadrature senza creare confusione nella lettura delle battute? Così, provai a inserirle nelle scene, facendole apparire in sincrono con le battute pronunciate dai vari personaggi accanto o sopra a ciascuno di loro, come siamo tutti abituati a vederle in un fumetto stampato. Fu l’uovo di Colombo. Tutto, finalmente, funzionava a meraviglia.
Così, con settanta disegni di Bonvi, le voci di Carlo Romano (Nick Carter), Silvio Spaccesi (Patsy), Giorgio Ariani (Ten), Mauro Mattioli (Stanislao Moulinsky) e del sottoscritto (Bartolomeo Pestalozzi e tante altre vocine) che curava anche la regia, era ufficialmente nato “il Fumetto in TV”. Correva l’anno 1972.
“Tutto qui?”, dirà il solito mai-contento. Sì, tutto qui, però se ne parla ancora oggi, dopo trent’anni. E se vi sembra poco…

[color=green]:::->Scheda tecnica del DivX<-:::[/color]

[ Info sul file ]

Nome: Antologia Supergulp.avi
Data: 11/06/2008 13:56:30
Dimensione: 734,054,400 bytes (700.049 MB)

[ Info generiche ]

Durata: 01:00:24 (3623.68 s)
Tipo di contenitore: AVI OpenDML
Streams totali: 2
Tipo stream n. 0: video
Tipo stream n. 1: audio
Audio streams: 1
ISFT: VirtualDubMod 1.5.10.1 (build 2366/release)
JUNK: VirtualDubMod build 2366/release

[ Dati rilevanti ]

Risoluzione: 640 x 480
Larghezza: multipla di 32
Altezza: multipla di 32
DRF medio: 5.553448
Deviazione standard: 1.272012
Media pesata dev. std.: 0.758715

[ Traccia video ]

FourCC: divx/DX50
Risoluzione: 640 x 480
Frame aspect ratio: 4:3 = 1.333333
Pixel aspect ratio: 1:1 = 1
Display aspect ratio: 4:3 = 1.333333
Framerate: 25 fps
Frames totali: 90592
Stream size: 677,474,435 bytes
Bitrate: 1495.660621 kbps
Qf: 0.194747
Key frames: 1846 (0; 25; 53; 54; 55; ... 90521)
Null frames: 0
Min key int: 1
Max key int: 250
Key int medio: 49.074756
Ritardo: 0 ms

[ Traccia audio ]

Audio tag: 0x55 (MP3)
Bitrate (contenitore): 112.04 kbps VBR
Canali (contenitore): 1
Frequenza (contenitore): 48000 Hz
Chunks: 150980
Stream size: 50,746,944 bytes
Preload: 504 ms
Max A/V diff: 520 ms
Tipo: MPEG-1 Layer III
Encoder: LAME3.93
MPEG frames: 150980
Durata: 01:00:24 (3623.52 s)
Bitrate (bitstream): 112.038998 kbps VBR
Chunk-aligned: Sì
Emphasis: none
Mode: mono
Ritardo: 0 ms

[ Info sulla codifica MPEG4 ]

User data: DivX503b1031p
Packed bitstream: Sì
QPel: No
GMC: No
Interlaced: No
Aspect ratio: Square pixels
Quant type: H.263
Frames totali: 90592
Drop/delay frames: 0
Frames corrotti: 0

I-VOPs: 1846 ( 2.038 %) #
P-VOPs: 45331 ( 50.039 %) #############
B-VOPs: 43415 ( 47.924 %) ############
S-VOPs: 0 ( 0.000 %)
N-VOPs: 0 ( 0.000 %)

Max consecutive B-VOPs: 1

[ Analisi DRF ]

DRF medio: 5.553448
Deviazione standard: 1.272012
DRF max: 9

DRF<2: 0 ( 0.000 %)
DRF=2: 3 ( 0.003 %)
DRF=3: 1548 ( 1.709 %)
DRF=4: 20876 ( 23.044 %) ######
DRF=5: 22935 ( 25.317 %) ######
DRF=6: 21453 ( 23.681 %) ######
DRF=7: 21221 ( 23.425 %) ######
DRF=8: 0 ( 0.000 %)
DRF=9: 2556 ( 2.821 %) #
DRF>9: 0 ( 0.000 %)

I-VOPs DRF medio: 4.378114
I-VOPs deviazione std.: 0.891173
I-VOPs DRF max: 7

P-VOPs DRF medio: 4.588405
P-VOPs deviazione std.: 0.648575
P-VOPs DRF max: 7

B-VOPs DRF medio: 6.611056
B-VOPs deviazione std.: 0.868084
B-VOPs DRF max: 9

[ Profile compliancy ]

Profilo da testare: MTK PAL 6000
Risoluzione: Ok
Framerate: Ok
Min buffer fill: 71%

related torrents

Torrent name

health leech seeds Size
 

comments (0)

Main Menu