Audio books

L Bianciardi La Vita AgraMP3 ITAabookTntvillage Scambioetico

  • Download 5x Faster
  • Download torrent
  • Direct Download
  • Rate this torrent +  |  -
L Bianciardi La Vita AgraMP3 ITAabookTntvillage Scambioetico

Free and Direct Download with Usenet 300GB+ free


Torrent info

Name:L Bianciardi La Vita AgraMP3 ITAabookTntvillage Scambioetico

Total Size: 257.92 MB

Magnet: Magnet Link

Seeds: 2

Leechers: 3

Stream: Watch Online @ Movie4u

Last Updated: 2010-04-24 11:48:32 (Update Now)

Torrent added: 2009-08-20 14:09:01




Torrent Files List


05_7 maggio 2008.mp3 (Size: 257.92 MB) (Files: 22)

 05_7 maggio 2008.mp3

10.98 MB

 01_La vita agra.mp3

13.96 MB

 14_20 maggio 2008.mp3

10.98 MB

 06_8 maggio 2008.mp3

10.55 MB

 09_13 maggio 2008.mp3

11.58 MB

 10_14 maggio 2008.mp3

8.20 MB

 16_22 maggio 2008.mp3

12.84 MB

 12_16 maggio 2008.mp3

9.91 MB

 04_6 maggio 2008.mp3

10.69 MB

 02_La vita agra.mp3

12.37 MB

 19_27 maggio 2008.mp3

11.58 MB

 20_28 maggio 2008.mp3

12.98 MB

 21_29 maggio 2008.mp3

12.97 MB

 17_23 maggio 2008.mp3

12.27 MB

 07_9 maggio 2008.mp3

11.74 MB

 18_26 maggio 2008.mp3

13.93 MB

 03_La vita agra.mp3

12.35 MB

 13_19 maggio 2008.mp3

11.64 MB

 22_30 maggio 2008.mp3

11.57 MB

 11_15 maggio 2008.mp3

11.38 MB

 15_21 maggio 2008.mp3

10.21 MB

 08_12 maggio 2008.mp3

13.27 MB
 

Announce URL: http://tracker.tntvillage.scambioetico.org:2710/announce

Torrent description

L. Bianciardi -La Vita Agra[MP3-ITA]abook[Tntvillage.Scambioetico]

[color=red]Visit this link: More info on this torrent[/color]

[color=blue] §§ "La vita agra" di Luciano Bianciardi §§ [/color]
[color=blue] Letto da: Vittorio Giacopini [/color]

L  Bianciardi  La Vita AgraMP3 ITAabookTntvillage Scambioetico preview 2

L  Bianciardi  La Vita AgraMP3 ITAabookTntvillage Scambioetico preview 0

Autore: Luciano Bianciardi
Titolo: La vita agra
Dimensione del file: 257,9 Mb
Formato del file: mp3
Qualità (Bitrate): 64 kbps
lingua: italiano
Genere: Romanzo
Anno prima pubblicazione: 1962

Da: Il 3' Anello - Ad Alta Voce - Radio Tre (Maggio 2008)
Legge: Vittorio Giacopini
Introduzione: Elisabetta Rasy
regia di: Anna Antonelli
a cura di: Fabiana Carobolante

[color=red] - Tracklist - [/color]
- n. 22 Capitoli formato mp3
L  Bianciardi  La Vita AgraMP3 ITAabookTntvillage Scambioetico preview 3
Attenzione di seguito viene svelata parte o tutta la trama:
Alla fine del 1962, con "La vita agra", Luciano Bianciardi diventa celebre da un momento all'altro. Aveva scritto un libro "incazzato" contro Milano e sperava che "s'incazzassero anche gli altri. E invece-scrive alla sorella- è stato un coro di consensi, pubblici e privati, specialmente a Milano". Colmo del colmi, Montanelli lo chiama al "Corriere" e gli offre trecentomila lire per due articoli al mese. Per Bianciardi, che traducendo come un matto guadagna pochissimo e ha due famiglie da mantenere, sarebbe la salvezza senza la rinuncia all'indipendenza. Non è vero che in questa società che comincia a profilarsi e che Bianciardi è stato tra i primi a descrivere non ci sia posto per gli anarchici. Sembra che ci sia posto per tutti, quindi anche per loro.
Ma Bianciardi è qualche cosa di più di un anarchico. Che cosa sia, glielo dice Montanelli sul punto di congedarlo. Conosce i suoi polli, immagina che Bianciardi scriverà stupito all'amico grossetano Mario Terrosi: "Quel che potevo l'ho fatto, e non è servito a niente. Anziché mandarmi via da Milano a calci in culo come meritavo, mi invitano a casa loro". Montanelli è uno di questi, ma sa che cosa frulla in testa ai toscani maledetti e perciò dice al convocato: "Mi raccomando, non fare il bischero". Lui ci pensa su e rifiuta la proposta, fa proprio il bischero. Almeno per qualche tempo, poi si mette a collaborare al "Giorno", pensando che sia un male minore, a poco a poco scivola nella vita mondana di Milano, beve enormemente, si trasferisce a Rapallo senza intuire che è una `'piccola Milano", continua a bere, torna a Milano e qui muore di cirrosi epatica alla fine del 1971, a quarantanove anni. A un bravo bischero è difficile sopravvivere in un mondo di furbi e di ricchi che sta divenendo tutto come Milano.
La questione se i giornalisti possano o meno diventare scrittori non è poi tanto difficile da risolvere, perché dal mestiere di giornalista si può imparare a dire in breve le cose che si sanno bene oppure a dire prolissamente le cose che non si sanno punto. Corrias appartiene alla prima categoria, in un libro non ha nemmeno bisogno di perdere parole con le testimonianze, che si susseguono senza soste: "dice Arpino, ricorda Terrosi, Maria, Ripa di Meana...". È un libro migliore di cento romanzi e che avrebbe potuto essere scritto solo da un giornalista. Che cosa si vuole di più? Corrias non ha mai conosciuto Bianciardi ma si è informato scrupolosamente dai familiari, dall'amante Maria, dagli amici. Ne è uscito fuori un libro bellissimo. Io Bianciardi l'ho conosciuto prima a Pisa, dove lui appariva qualche volta con l'(allora) inseparabile Cassola, poi l'ho rivisto un paio di volte a Milano, dove non gli pareva vero di incontrare un milanese autentico con cui poteva sparlare della mia città natale e rimpiangere le sue maremme. Ma leggendo questo libro mi accorgo di aver sempre saputo assai poco di lui. Il fatto è che a Milano rientravo nei ranghi ed evitavo la bohème di via Brera, che permise a Luciano di sopportare quella città per qualche anno e che tanta parte ha in questo libro. Avevo studiato alla scuola di marxismo-leninismo che la bohème è solo il rovescio della piccola borghesia. È vero, però... certe volte rimpiango di non essere capace di ubriacarmi e di non essere morto di etilismo acuto come Bianciardi, finché non c'era la droga e poteva avere un senso farlo.
Di Bianciardi non ci si dimentica, neanche l'"Indice" se n'è dimenticato e in occasione della ristampa del "Lavoro culturale" ha addirittura promosso questo libro "libro del mese" (cfr. anno VIII, n. 5, maggio 1991). Ma nel libro di Corrias non c'è solo lui, c'è tutta una tragedia italiana in tre atti: una provincia piena di vitelloni intelligenti e irrequieti, un miracolo economico accompagnato da qualche speranza che esso possa assorbire e riabilitare quelle virtù dell'arretratezza, infine il crollo di queste speranze e la scelta tra l'integrazione e la morte. Bianciardi non s'era mai fatto illusioni, tuttavia in qualche modo "ci stava", un po' per l'inerzia e il fatalismo del "piedone" (così soprannominato a Grosseto) di provincia, che lasciava che le circostanze decidessero per lui, un po' perché il miracolo economico, per antipatico che fosse, gli rermetteva di sopravvivere senza tirar troppo la cinghia. Come in certe opere di Brecht, nell'"Integrazione" aveva rappresentato le sue due anime in due persone distinte, due fratelli di cui uno rimaneva ribelle, l'altro s'integrava. Questo sdoppiamento gli permetteva di guardare quanto avveniva sia dal difuori che dal didentro. E quanto avveniva era l'avvento tumultuoso di ciò che allora, sempre con qualche speranza in corpo che fosse revocabile o correggibile, si chiamava "neocapitalismo". Nessun libro di storia racconta questa svolta fondamentale con la stessa chiarezza e evidenza come fa Corrias in poche pagine, spesso citando Giorgio Bocca, che retrospettivamente dice: "Chi non ha visto la Milano di quegli anni non può capire la fuga a occhi chiusi verso il benessere e le radici della crisi economica e morale di oggi. Fingevamo di essere moderni, mentre avevamo alle spalle dei serbatoi immensi di manodopera sottopagata e le campagne abbandonate". Bocca era proprio il tipo che "ci stava" fino in fondo, allora, e che per questo non amava frequentare Bianciardi, che con il suo aspetto luttuoso (il nero doveva essere una specie di uniforme grossetana, perché anche Cassola, per tanti rispetti diverso dall'amico, ne faceva sfoggio) raggelava le speranze del popolo del danee. Ma che cosa poteva opporre a queste speranze? Il lutto che Bianciardi e Cassola si erano tirati dietro dalla maremma era il lutto di un'Italia che stava scomparendo e che meritava di scomparire, ma non con lo scoppio che uccise i quarantanove minatori di Ribolla cui i due grossetani dedicarono l'indagine "I minatori della Maremma", uscita da Laterza nel 1956. Come, allora?
Nessuno lo sa. L'avvento del miracolo economico rende tutti soli, ma soltanto Luciano lo capisce fino in fondo. Nella "Vita agra" c'è un uomo solo che si batte per la sopravvivenza in una città invivibile. È un romanzo, una finzione, ma troppo vicina alla realtà per non suscitare la legittima reazione della compagna Maria Jatosti, riferitaci da Corrias: "La donna del protagonista non fa che dormire, leggere, passeggiare, mentre lui è solo contro tutti... E io dov'ero? Le mie angosce, la mia fatica dov'erano?" E dov'erano i pittori e i fotografi di via Brera la cui amicizia li aveva sorretti entrambi in quegli anni? Certo, Bianciardi aveva avuto torto a ometterli dal quadro, a differenza di Corrias che ce li rimette tutti e forse per questo ha raccolto i suffragi di un vecchio amico dello scrittore, Giampaolo Dossena, che dichiara di non poter più rileggere i suoi libri. Ma era destino che Bianciardi compisse la sua parabola di solitario, abbandonato anche dai grossetani e accompagnato solo da Maria nonostante l'offesa arrecatale. Forse ha ragione Dossena: tutto sommato questo di Corrias è il miglior libro di Luciano Bianciardi, se non altro perché inquadra mirabilmente la sua storia nella nostra di noi sopravvissuti. È una storia tragica, forse però meno di quella di Malcolm X, che, come ci ha raccontato recentemente lo stesso Corrias sulla "Stampa", a quasi trent'anni dal suo assassinio è diventato grazie al film su di lui un oggetto di culto riprodotto in milioni di poster, di distintivi e di fibbie a cura dei suoi assassini. Per sua fortuna, la provincia maremmana e italiana ha risparmiato a "piedone" un destino simile.
[ibs.it]

L  Bianciardi  La Vita AgraMP3 ITAabookTntvillage Scambioetico preview 4
Collaborò attivamente con varie case editrici, riviste, quotidiani contribuendo significativamente al fermento culturale italiano nel dopoguerra. La sua opera narrativa è caratterizzata da punte di ribellione verso un establishment culturale, a cui peraltro apparteneva, e da un'attenta analisi dei costumi sociali dell'Italia del boom economico, tanto che alla finzione narrativa si mescolano spesso brani saggistici che sfociano sovente nella sociologia. Dopo un periodo di oblio pressoché totale, nel 1993, la biografia di Pino Corrias, Vita agra di un anarchico, edita da Baldini & Castoldi, ne riporta in auge l'opera, notevole per la qualità della scrittura, e l'attualissima vena antimoderna.
Un secondo tentativo critico per salvare l'autore grossetano dall'oblio è stato condotto dall'ISBN Edizioni e da ExCogita (la casa Editrice fondata da Luciana Bianciardi, figlia dello scrittore) nel dicembre 2005 pubblicando il primo volume della sua opera omnia intitolata emblematicamente L'Antimeridiano, polemizzando con la rinomata collana dell'editoria italiana de I Meridiani della Mondadori dedita alle raccolte più ampie e complete dei maggiori autori di tutti i tempi. Nel gennaio 2008 un secondo volume ha raccolto l'intera sua produzione giornalistica.
[wikipedia.it]
***** ***** *****

[color=red]..::Note::..[/color]

Ringrazio:
Il terzo anello, per l'abook,
wikipedia, per le informazioni
imageshack, che permette di abbellire un poco la grafica;

e TNTvillage che ci ospita;

L  Bianciardi  La Vita AgraMP3 ITAabookTntvillage Scambioetico preview 1

§§ Buon Ascolto!!! §§

Visit http://www.tntvillage.scambioetico.org/

related torrents

Torrent name

health leech seeds Size
 

comments (0)

Main Menu