Audio books

G Eliot Il Mulino sulla FlossMP3 ITAabookTntvillage Scambioetico

  • Download 5x Faster
  • Download torrent
  • Direct Download
  • Rate this torrent +  |  -
G Eliot Il Mulino sulla FlossMP3 ITAabookTntvillage Scambioetico

Free and Direct Download with Usenet 300GB+ free


Torrent info

Name:G Eliot Il Mulino sulla FlossMP3 ITAabookTntvillage Scambioetico

Total Size: 194.74 MB

Magnet: Magnet Link

Seeds: 1

Leechers: 4

Stream: Watch Online @ Movie4u

Last Updated: 2011-01-07 21:37:29 (Update Now)

Torrent added: 2009-08-20 08:24:20




Torrent Files List


16_ilMulinoSullaFloss.mp3 (Size: 194.74 MB) (Files: 21)

 16_ilMulinoSullaFloss.mp3

9.18 MB

 12_ilMulinoSullaFloss.mp3

8.64 MB

 17_ilMulinoSullaFloss.mp3

9.65 MB

 19_ilMulinoSullaFloss.mp3

10.46 MB

 20_ilMulinoSullaFloss.mp3

9.85 MB

 09_ilMulinoSullaFloss.mp3

8.40 MB

 13_ilMulinoSullaFloss.mp3

9.25 MB

 06_ilMulinoSullaFloss.mp3

9.38 MB

 01_ilMulinoSullaFloss.mp3

8.98 MB

 04_ilMulinoSullaFloss.mp3

9.50 MB

 10_ilMulinoSullaFloss.mp3

8.72 MB

 11_ilMulinoSullaFloss.mp3

8.82 MB

 07_ilMulinoSullaFloss.mp3

8.40 MB

 08_ilMulinoSullaFloss.mp3

9.39 MB

 14_ilMulinoSullaFloss.mp3

9.34 MB

 03_ilMulinoSullaFloss.mp3

9.38 MB

 21_ilMulinoSullaFloss.mp3

10.86 MB

 15_ilMulinoSullaFloss.mp3

9.22 MB

 05_ilMulinoSullaFloss.mp3

9.15 MB

 02_ilMulinoSullaFloss.mp3

9.04 MB

 18_ilMulinoSullaFloss.mp3

9.14 MB
 

Announce URL: http://tracker.tntvillage.scambioetico.org:2710/announce

Torrent description

G.Eliot -Il Mulino sulla Floss[MP3-ITA]abook[Tntvillage.Scambioetico]

Visit this link: More info on this torrent

§§ "Il Mulino sulla Floss" di Mary Ann Evans alias George Eliot §§
Letto da: Elisabetta Piccolomini

Image Link

Image Link Image Link

Autore: Mary Ann Evans alias George Eliot
Titolo: Il Mulino sulla Floss
Dimensione del file: 134.7 Mb
Formato del file: mp3
Qualità (Bitrate): 64 kbps
lingua: italiano
Genere: Romanzo
Anno prima pubblicazione: 1860

Da: Il 3' Anello - Ad Alta Voce - Radio Tre (Ottobre 2004)
Legge: Elisabetta Piccolomini
Introduzione: Maurizio Cucchi
Riduzione: Chiara Nicoletti
Traduzione: --
regia di: Anna Antonelli
a cura di: Fabiana Carabolante

- Tracklist -
- n.21 Capitoli formato mp3
Image Link
Attenzione di seguito viene svelata parte o tutta la trama:
Il romanzo è ambientato nella campagna inglese del primo Ottocento e i personaggi principali sono Maggie e Tom Tulliver, due bambini, un fratello e una sorella che vivono a Darcote Mill, un mulino di proprietà del padre, il signor Tulliver, sulla riva del fiume Floss, nei pressi della città di St. Ogg’s. Nel rapporto dei due fratelli si possono probabilmente scorgere i ricordi della Evans della sua fanciullezza e del legame con il fratello Isaac. Nonostante il profondo affetto, Maggie e Tom sono destinati all’incomprensione reciproca e alla rottura, a causa della loro grande differenza di carattere, rispettivamente sensibile e sognatrice quello della prima, concreto e prosaico quello del secondo. Del resto, come afferma il signor Tulliver dopo essersi vantato dell’ intelligenza della sua bambina, “una donna non ci guadagna nulla a esser tanto intelligente” e aggiunge amaramente “ho paura che non ne verranno che guai”; queste parole sono presaghe delle future sventure che capiteranno a Maggie per la sua stessa straordinarietà.
Ben presto, nella fanciullezza, perMaggie e Tom si chiudono i cancelli dorati dell’ Eden: il padre cade in disgrazia e si ammala gravemente. Il fratello maggiore Tom può tentare diriscattare la propria posizione e quella della famiglia tramite il lavoro, Maggie, ancora ragazzina in un’ambiente sociale tale per cui se ella lavorasse potrebbe degradarsi ancor di più, perde anche l’intimità con il fratello sempre assente e con il padre, che fatica a riconoscere chi sta accanto al suo capezzale; resterà quindi sola e impotente davanti all’angoscia e al travaglio interiore. Come afferma Virginia Woolf, “gli umori controllano Maggie e la rendono amabile finchè lei è bambina e può essere soddisfatta dalla fuga da casa all’accampamento degli zingari o dai chiodi che conficca nella sua bambola(…) ,ma da adulta Maggie chiede ciò che né gli zingari né le bambole né St. Ogg’s stesso sono in grado di darle”. Lo scenario emotivo dell’ eroina diviene se possibile più grandioso :” lei deve amare; lei deve disperarsi; lei deve affogare tenedo tra le braccia il fratello”.
Maggie infatti anela alla Bellezza e all’ Amore generoso ed incondizionato, i quali però le sembrano preclusidalle infelici circostanze familiari e dalla legge castrante, assurda e arcaica del padre e poi del fratello. Pur considerando tale legge estranea ai suoi principi e perciò incondivisibile, Maggie si presta ad osservarne gli obblighi per riaffermare la sua fedeltà e il suo amore verso la famiglia. La nostra eroina, quindi, non puòappagare la sua brama di una vita piena e felice e, per vincere il senso d’impotenza e la frustrazione, non le resta che rinunciare a tutto: al desiderio stesso e a se stessa. Si sviluppa così il tenace ascetismo di Maggie, duraturo e costante, malgrado qualche temporanea ricaduta nella tentazione del desiderio.
Le uniche gioie del periodo adolescenziale della protagonista sono l’esercizio spirituale, l’accudimento del padre infermo, e poi i libri e l’amicizia con il giovane storpio Philip Wakem, innamorato di lei. In Philip, Maggie vede un dotto maestro, un fratello sollecito e affettuoso e soprattutto un infelice come lei disperatamente bisognoso d’amore.
La nostra eroina è una giovane donna che nell’ Ottocento aspira per sé ciò che la sua epoca e la sua cittadina di campagna difficilmente le concederanno gratuitamente :la libertà e l’autonomia , anche economica; all’ amico Philip dice che le piacerebbe “costruirsi un mondo al di fuori dell’amore, come fanno gli uomini” . Secondo il suo desiderio, Maggie decide di vivere da sola con i proventi del suo lavoro, malgrado Tom si offra di ospitarla e di mantenerla, e ottiene per questo la disapprovazione del fratello e dei parenti.
A questo punto, le prove che Maggie deve affrontare non sono ancora concluse, anzi. Diciannovenne, deve lottare contro“la grande tentazione”, cioè il desiderio più irresistibile per lei, quello di cedere all’ amore extra-familiare. Stephen Guest, giovane e fascinoso rampollo di St. Ogg’s, s’ innamora di Maggie e come Ade rapisce la sua Persefoneper sottrarla alla famiglia e alle sue leggi e per sposarla. Tuttavia, l’ evasione in barca con Stephen non segna per Maggie una rottura con il passato e i suoi vincoli incestuosi, perché ella ritorna il giorno successivo da Tom, “il rifugio naturale che le era stato dato”, e alla volontà di lui, che è l’unica che la sorella vuole assecondare. Eliot dice infatti che “suo fratello era l’essere umano che aveva temuto di più, fin dall’infanzia: lo temeva con quella paura che sorge in noi quando amiamo qualcuno che è inesorabile, implacabile, irremovibile, alla cui maniera di pensare non potremo mai conformarci, e tuttavia non potremo sopportare di allontanare da noi”.
L’innocente fuga di Maggie con Stephen e il ritorno in paese di lei da nubile segna la sua rovina: il paese emette la sua condanna e, superficiale ed impietoso, non coglie la lacerazione profonda di tale diciannovenne né il suo alto senso etico. Derisa, ostracizzata dai concittadini, Maggie ottiene tuttavia la solidarietà dei parenti e dell’amico Philip ma non quella di Tom. Egli le nega anche la casa paterna e con odioso piglio severo le dice “di te mi lavo le mani per sempre. Non mi riguardi più”. Ancora una volta, quindi “ l’essere umano che aveva temuto di più” e amato di più non esita a flagellarla, alla stessa maniera del passato, quando Maggie diceva “tu hai sempre provato gioia a punirmi: sei sempre stato duro e crudele con me, anche quando ero solo una bambina piccola (…) mi facevi andare a letto in pianti senza il tuo perdono”. Il fratello, quindi, dopo aver fieramente rispettato le volontà del padre defunto compresi i propositi di vendetta e i pregiudizi, dopo aver riscattato le proprietà e l’onore familiari, lascia cadere la più importante ammonizione del padre: quella di “essere buono” con la sorella quanto il signor Tulliver lo era stato con sua sorella Moss.
Il romanzo si chiude nel solo modo possibile data un’eroina siffatta, in modo tragico. Maggie, da sola su una barca sulla Floss in piena, sfida la morte per raggiungere e salvare dall’ inondazione Tom, che l’aveva abbandonata per sempre. La riconciliazione trai due è possibile esclusivamente in tale situazione estrema ed avviene solo nel momento in cui guardano la morte che lista travolgendo in un’onda. I tormenti di Maggie si dissolvono e l’amore tirannico per il fratello palesa la sua natura distruttiva con il ritrovamento nel fiume dei due fratelli affogati,dei loro corpi stretti in un abbraccio di morte.
fonte

Image Link
George Eliot, pseudonimo di Mary Anne (Marion) Evans (Arbury, 22 novembre 1819 – Londra, 22 dicembre 1880), è stata una scrittrice britannica, una delle più importanti dell'epoca vittoriana. I suoi romanzi sono ambientati prevalentemente nella provincia inglese e sono famosi per il loro stile realista e la loro perspicacia psicologica.
Eliot usò uno pseudonimo maschile per essere sicura che le sue opere fossero valutate seriamente e senza pregiudizi, nonostante il fatto che, già a quell'epoca, numerose autrici pubblicassero liberamente i propri lavori con il loro vero nome. Preferì usare uno pseudonimo anche per difendere la propria vita privata dal giudizio pubblico, ed evitare scandali riguardanti la relazione extraconiugale con George Henry Lewes.
[Wikipedia]

Il mulino di Dorlcote è presentato all’inizio in modo molto positivo: è una costruzione in perfetta armonia con la natura, rassicurante e serena, dove perfino il rumore della ruota che gira assomiglia ad una musica. Ecco alcune parti di questa descrizione riportate dal libro:
-’Una vasta pianura, dove la Floss, allargandosi, si affretta al mare tra le verdi rive [..]. Molto lontano, ai due lati, si distendono ricchi pascoli, interrotti da toppe di terra nera, pronta a ricevere il seme della verde messe fogliosa [..]’.
-’Ed ecco il mulino di Dorlcote. Anche per questo tempo spoglio del finir di febbraio, è piacevole a vedersi: forse che la stagione un po’ fredda e umida aggiunge fascino alla casa civile ben tenuta ed accogliente, antica quanto gli olmi ed i castani. La corrente ora è gonfia, e invade questa breve piantagione di salici,e quasi sommerge il ciglio erboso del prato di fronte alla casa’.
In realtà, poichè la protagonista, per la sua condotta,coerente ai suoi principi ma dissonante rispetto al perbenismo borghese della società,verrà allontanata dal mulino; quest’ultimo viene a rappresentare il baluardo dell’ordine maschile dal punto di vista, appunto, maschilista imperante. Inoltre, poichè Maggie, alla fine, muore annegata insieme al fratello davanti al mulino e lo stesso mulino viene distrutto, si ha l’impressione che la stessa società, di cui il mulino è simbolo, mentre condanna la ‘strega’ Maggie,crolli essa stessa, vittima delle sue contraddizioni. Tutto questo si lega anche alla prima parte del racconto, dove la madre di Maggie,Bessy, più volte pare presagire la morte della figlia in uno specchio d’acqua, e dove il padre, Mr.Tulliver, le regala un libro che parla di un paese dove abitava una vecchia creduta da tutti i paesani una strega. Per averne la conferma, essi decidono di fare una prova che consisteva nel buttarla in acqua; se fosse rimasta viva allora era veramente una strega e sarebbe stata condannata a morte, mentre se fosse annegata voleva dire che si erano sbagliati. La donna, quindi, sarebbe morta comunque. Tutto questo, riferito al contesto del romanzo e della società in cui esso si svolge, è la conferma che Maggie, essendo annegata, non è mai stata una ‘strega’, ma solo una povera ragazza che cercava di far valere i suoi principi, anche se completamente diversi da quelli di tutte le altre sue coetanee.
Tuttavia la stessa società basata sull’ordine maschile viene ricostituita alla fine e mostra, nella visione del mulino ricostruito, il suo volto equilibrato e sorridente, ma garante delle consuete discriminazioni.
fonte
***** °°°° ***** °°°° *****

..::Note::..

Ringrazio:
Il terzo anello, per l'abook,
wikipedia, per le informazioni riportate e la voce dedicata all'opera
imageshack, che permette di abbellire un poco la grafica;

e TNTvillage che ci ospita e incentiva;

Image Link

§§ Buon Ascolto!!! §§

Visit http://www.tntvillage.scambioetico.org/

related torrents

Torrent name

health leech seeds Size
 

comments (0)

Main Menu