Horror

Africa Ama (shockumentary)DVDRip DivX ITA MP3 tntvillage scambioetico org

  • Download 5x Faster
  • Download torrent
  • Direct Download
  • Rate this torrent +  |  -

Torrent info

Name:Africa Ama (shockumentary)DVDRip DivX ITA MP3 tntvillage scambioetico org

Total Size: 903.01 MB

Magnet: Magnet Link

Seeds: 1

Leechers: 1

Stream: Watch Online @ Movie4u

Last Updated: 2015-05-21 04:01:22 (Update Now)

Torrent added: 2008-11-07 08:35:14




Torrent Files List


1971 - Africa Ama [DVDRip Xvid - ITA MP3].avi (Size: 903.01 MB) (Files: 1)

 1971 - Africa Ama [DVDRip Xvid - ITA MP3].avi

903.01 MB
 

tracker

leech seeds
 

Torrent description

Dk. Skart's Release.... only good torrent!!!!


More info @:
http://forum.tntvillage.scambioetico.org/tntforum/index.php?showtopic=146745#



Africa Ama (shockumentary)DVDRip DivX ITA MP3 tntvillage scambioetico org preview 3

Africa Ama (shockumentary)DVDRip DivX ITA MP3 tntvillage scambioetico org preview 4

Africa Ama (shockumentary)DVDRip DivX ITA MP3 tntvillage scambioetico org preview 0




Africa Ama (shockumentary)[DVDRip DivX ITA MP3] [tntvillage.scambioetico.org]

POSTER

Original Title: Africa Ama
Source: DVD --> DVDRip
Nation: Italy
Language: Italiano
Year: 1971
Genre: Shockumentary
Direction: Angelo Castiglioni, Alfredo Castiglioni, Oreste Pellini, Guido Guerrasio
Sceneggiatura: Guido Guerrasio
Voice: Riccardo Cucciola
Text: Guido Guerrasio
Assembling: Guido Guerrasio
Music: A.F. Lavagnino
Lenght:
Dimension:
ATTENTION!!: VM 18



TRAMA(Italiano)
Sconvolta dal progresso, l'Africa primitiva sta scomparendo. Il documentario - il cui materiale ? stato raccolto percorrendo il cammino dei primi esploratori - ? dedicato a quest'Africa morente che ? violenta e crudele, ma proprio per questo bisognosa di comprensione. Le zone visitate sono quelle non ancora toccate o appena sfiorate dai bianchi: l'Alto Volta, il Dahomey, certe regioni del Togo, del Camerun, del Ciad. I momenti colti dall'obiettivo si riferiscono ordinariamente alla nascita, alla morte, ai riti di iniziazione sessuale, alla celebrazione dei matrimoni. L'angolazione ? quella del rapporto fra uomo e natura, un rapporto diretto, rispettoso, pressoch? sacrale. Tra i fenomeni principali presentati: l'inumazione dei cadaveri; le difficolt? per la nutrizione; l'atteggiamento nei confronti del gemello, dell'orfano, del nato deforme; le prove puberali e i riti di iniziazione sessuale (circoncisione, tatuaggi, prove di virilit? per i maschi, cure di bellezza per le donne); il matrimonio (compravendita della ragazza, sua deflorazione con il fallo di famiglia; rimedi contro l'impotenza maschile; punizione dell'adulterio femminile); la prostituzione e l'omosessualit?; l'uso dell'hashish. (Fonte: it.movies.yahoo.com)



PLOT(English)
This shockumentary is designed to evoke queasy stomachs and uneasy fascination with its contents, a la Mondo Cane. Based on a tour of 20 African countries, this film provides scenes of African male and female circumcision, pet massacres, scarification rituals and sexual practices, among other things. Viewer beware, as scenes in the film with anything shocking or revolting in them have a generous amount of close-ups. ~ Clarke Fountain, All Movie Guide


RECENSIOENE(Italiano)
L’Italia classica era certo il paese meno razzista del mondo. Chiunque vada a leggere le memorie dei nostri viaggiatori del passato, ? colpito dalla loro incapacit? di distinguere le diversit? etniche. C’era, per loro, una sola civilt?, che era poi quella dell’umanesimo, e l’uomo non era n? italiano n? africano n? cinese ma soltanto uomo. Nell’Italia moderna, il razzismo sembra invece esistere, sia pure di un genere particolare, collegato curiosamente con quello stesso umanesimo che in passato impediva ai nostri viaggiatori di essere razzisti. Perch? questo capovolgimento? Perch? il mondo moderno ha umiliato e ripudiato l’umanesimo; e il piccolo borghese italiano, il quale ha questa sola carta nel suo gioco culturale, ? costretto a rifarsi sui cosiddetti “primitivi” per rassicurarsi e sentirsi meno frustrato. Si tratta, dunque, di un razzismo di rivalsa per nulla scientifico e germanico, basato sulla “civilizzazione”, un po’ come quello vittoriano, ma senza l’ottimismo missionario. L’uomo civile, cio? il piccolo borghese che ? stato a scuola e all’universit?, che si lava e si rade tutti i giorni, che possiede gli elettrodomestici, l’utilitaria, l’appartamento, ? razzisticamente pessimista sulla capacit? dell’africano di accedere a sua volta alla “civilizzazione”. Questo pessimismo d’altra parte gli ? necessario; senza la pietra di paragone dell’Africa, come abbiamo gi? notato, il sentimento di superiorit? dovuto alla “civilizzazione”, cadrebbe nel vuoto. All’origine, dunque, del razzismo italiano c’? l’idea del “cattivo selvaggio”, irrimediabilmente portato a essere “primitivo”. Quest’idea, ? vero, non ha trovato espressione che in un particolare filone del nostro cinema documentario, il cui iniziatore ? stato Jacopetti. Ma se si riflette che il cinema ?, per antonomasia, arte di massa e che i film razzisti sull’Africa sono piaciuti cos? al pubblico delle domeniche come alle giurie di certi premi, si capir? che l’indicazione sociologica e psicologica fornita dal successo di questi film non ? poi cos? irrilevante. Queste riflessioni ci sono venute in mente assistendo alla proiezione del documentario Africa ama di Angelo e Alfredo Castiglioni, Oreste Pellini e Domenico Guerrasio. Nel giornale il film ? annunziato come un “Viaggio di pi? di centomila chilometri alla ricerca di riti e abitudini di vita in Africa”. S?, questo ? il pretesto. In realt? si tratta di un prodotto sensazionalistico di tipo sadico, nel quale i “cattivi selvaggi” sono tartassati senza piet? con la scusa dell’informazione antropologica. Riti e abitudini sono spezzettati in innumerevoli e compiaciuti primi piani di clitoridi asportate, di circoncisioni praticate col coltello, di mammelle appiattite e ciondolanti, di occhi chiusi ricoperti di mosche, di pasti di insetti, di sevizie agli animali, di piaghe e di deformazioni. Il razzismo ? l’ingrediente indispensabile di simili rappresentazioni, in quanto un’idea oggettiva e non razzista dell’Africa non ne consentirebbe lo sfruttamento sadico. D’altra parte, a riprova, si veda come l’obiettivo insista monotonamente su crudelt? e brutture che non hanno niente a che fare con i “riti e le abitudini di vita”. Ma forse l’idea razzista ? soprattutto presente nella sommariet? delle indicazioni geografiche e topografiche. Centomila chilometri percorsi e tuttavia non ci si dice mai dove siamo. L’Africa ? immensa; ma gli autori del documentario la costringono in due ore di film accozzando insieme, con sospetta confusione, le superstiti vecchione coi piattelli nelle labbra della zona equatoriale con gli imbacuccati nomadi della fascia sudanese. E non si vede mai nulla: un paesaggio, una citt?, un villaggio, una foresta, un deserto, una savana; nulla, assolutamente, all’infuori dei primi piani, sconsigliabili (come ? scritto in un cartellone al botteghino) per le persone impressionabili, i quali servono al tempo stesso a ribadire l’idea del “cattivo selvaggio” e a eccitare con visioni di sesso e di sangue il sadismo latente dello spettatore “civilizzato”. (Fonte: mymovies.it)


COVER

Africa Ama (shockumentary)DVDRip DivX ITA MP3 tntvillage scambioetico org preview 1


SCREENSHOT

snapshoot 4

snapshoot 3

snapshoot 2

snapshoot 1




INFO
Africa Ama (shockumentary)DVDRip DivX ITA MP3 tntvillage scambioetico org preview 2
At the end of download, rest in seed please
Visit www.tntvillage.scambioetico.org
Good download

related torrents

Torrent name

health leech seeds Size
 


comments (0)

Main Menu