Drama

Tony Manero 2008 iTALiAN LiMITED DVDRip XviD Republic [ultimafrontiera]

  • Download 5x Faster
  • Download torrent
  • Direct Download
  • Rate this torrent +  |  -
Tony Manero 2008 iTALiAN LiMITED DVDRip XviD Republic [ultimafrontiera]

Free and Direct Download with Usenet.nl 300GB+ free


Torrent info

Name:Tony Manero 2008 iTALiAN LiMITED DVDRip XviD Republic [ultimafrontiera]

Total Size: 699.93 MB

Magnet: Magnet Link

Seeds: 0

Leechers: 0

Stream: Watch Online @ Movie4u

Last Updated: 2015-08-06 13:35:53 (Update Now)

Torrent added: 2009-09-09 07:23:05





Torrent Files List


Tony.Manero.2008.iTALiAN.LiMITED.DVDRip.XviD-Republic.avi (Size: 699.93 MB) (Files: 1)

 Tony.Manero.2008.iTALiAN.LiMITED.DVDRip.XviD-Republic.avi

699.93 MB
 

Announce URL:

Torrent description

www.ufrontiera.altervista.org

Titolo originale: Tony Manero
Nazione: Cile, Brasile
Anno: 2008
Genere: Drammatico
Durata: 98
Regia: Pablo Larrain
Produzione: Fabula Productions, Prodigital


Click to enlarge.(Original size)


Alfredo Castro, Paola Lattus, Héctor Morales, Amparo Noguera, Elsa Poblete

Click to enlarge.(Original size)


[b]Mentre il suo paese, il Cile, é messo in ginocchio dalla dittatura di Pinochet, Raùl Peralta, si esalta ammirando e simulando le gesta di Tony Manero, personaggio cinematografico reso noto dal mitico John Travolta. Per cercare di assomigliargli in tutto per tutto, organizza spettacoli di danza e il week-end, si lascia trasportare dalla febbre del sabato sera sulle piste da ballo. Ma Raùl, é anche un personaggio ambiguo che si macchia la coscienza commettendo crimini; in un certo modo rispecchia la società del suo paese, o meglio, quello che la dittatura ha forzatamente plasmato...

Click to enlarge.(Original size)


Dopo l’esordio nel 2005 con "Fuga", il trentatreenne regista cileno Pablo Larraín, per il suo secondo lungometraggio, sceglie di raccontare una storia apparentemente grottesca, ma che invece risulta essere un ritratto molto interessante e riflessivo su un "malessere" storico e importante com’è stato quello della dittatura Pinochet.
L’ossessione di un cinquantenne nell’emulare, e impersonare, il suo "eroe", quel Tony Manero, il personaggio che rese celebre John Travolta nel film La febbre del sabato sera, nasce sullo sfondo di una periferia che vive quotidianamente con l’ombra della persecuzione del regime.
Un bisogno di assomigliare al suo idolo che lo porta alle azioni più violente (omicidi, furti), alle somiglianze più "maniacali" (la voce, i capelli, gli abiti, i passi di danza, le scenografie ricostruite) tutte finalizzate all’obiettivo ultimo, quello di arrivare a vincere un concorso per sosia in televisione.
Il protagonista, l’ottimo Alfredo Castro, si avvicina a quella icona che è stato il personaggio di Manero e ne è esageratamente travolto.
Già perché quell’immagine vista al cinema simboleggia per lui quel successo del cosiddetto working class hero che emerge, non solo dalla sua inferiorità sociale, ma da un intero sistema.
Il protagonista del film rappresenta infatti quel fallimento di valori: non è giovane come lo era Travolta, non sa ballare come lui e soprattutto vive in un altro contesto culturale e sociale.
Uno scenario duro, difficile (l’esercito in città, la paura dei servizi segreti, le violenze gratuite) che però non lo toccano e non lo distolgono dalla sua meta.
Il lavoro registico di Larraín è semplicemente passionale, sembra stare quasi "addosso" ai personaggi, non li lascia, li segue da vicino, ne cura così egregiamente il profilo a tal punto che alcune immagini appaiono anche fuori fuoco.
Ma è il simbolismo di linguaggio ad affascinare: uno sguardo grottesco sul Cile ai margini, privo di regole, dove in questo fallimento globale c’è tutta la tragedia e la storia di un intero Paese.
Quei desideri e quei sogni di svolta svaniscono perché sono solo tristi illusioni.
Sono le illusioni di una società che sembra voler dimenticare quel passato fatto di sofferenze, unicamente per dare di sé un’immagine più moderna e meno ignorante.
È l’interpretazione però di Alfredo Castro (premio come migliore attore, insieme a quello di miglior film, al Festival di Torino 200 a stupire, lui che qui è anche co–sceneggiatore, una performance sublime, cinica, fatta di mimiche e di silenzi penetranti, ma anche di umorismi sconcertanti che talvolta ci fanno sorridere amaro.
Gli ultimi saranno i primi?

La frase: "La sua occupazione? Lo spettacolo".
Andrea Giordano

related torrents

Torrent name

health leech seeds Size
 

comments (0)

Main Menu