Drama

[DVDRip Xvid ITA]Alessandro Bergonzoni Le balene restino sedute[colombo bt org]

  • Download 5x Faster
  • Download torrent
  • Direct Download
  • Rate this torrent +  |  -

Torrent info

Name:[DVDRip Xvid ITA]Alessandro Bergonzoni Le balene restino sedute[colombo bt org]

Total Size: 726.08 MB

Magnet: Magnet Link

Seeds: 0

Leechers: 0

Stream: Watch Online @ Movie4u

Last Updated: 2010-12-21 18:55:20 (Update Now)

Torrent added: 2009-09-02 23:53:38




Torrent Files List


[DVDRip-Xvid-ITA] Alessandro Bergonzoni - Le balene restino sedute.avi (Size: 726.08 MB) (Files: 1)

 [DVDRip-Xvid-ITA] Alessandro Bergonzoni - Le balene restino sedute.avi

726.08 MB
 

Announce URL: http://colombo-bt.org:2710/announce

Torrent description

Uno spettacolo a cavallo. Tra un recital e una lettura, un’intercapedine tra e tra. Protagonista un leggio leggiadro tra leggenda e lealtà, una lealtà mancante di promesse ma mantenute, quindi sicure bugie. Le balene che restano sedute sono dei cetacei mentali che arrivati in stazione non scendono mai, complice il pensiero mammifero che scende e che sale. Anche per questa ragione è possibile rinnegare l’appena detto: dire, fare, baciare, lettera, esperimento. Dire! Chi ha detto che è una penitenza?
La scenografia va a caccia di eventi tesi e provate a scavalcarla se ci riuscite. Se ciò accade i casi sono trentadue: rotto per rotto che niente resti intatto! Da tutto ciò si può capire che in questo lavoro ho sposato un’apnea e fuggo con lei per ovunque, scendendo sempre più in alto durante l’ora di racconti assoluti su vita sorte ed oracoli di una storia che finalmente non c’è, per la delizia del “non c’era una volta”. Ecco, spiegato in parole poco abbienti, l’albero che comincia dai rami.
Spiegare di più sarebbe optatico e sontolo come lo sono l’inizio e la fine dello spettacolo Le Balene Restino Sedute.

Questa lettura - spettacolo è stata liberamente tratta da alcune significative pagine dell’omonimo libro di Alessandro Bergonzoni. Intorno a queste, l’autore, ha ricamato un tessuto di immaginaria e improbabili considerazioni, ricostruendo un percorso tangenziale alla narrazione letteraria rispetto alla quale ritrova un’organicità diversa e personale. E’ una strada ancora legata all’immaginario, all’uso labirintico del linguaggio e alla comicità che si rivela nelle sue pieghe, col segno riconoscibile della scrittura di Bergonzoni che egualmente emerge dalla pagina scritta e da quella teatrale.
La scena circonda il linguaggio con personale autonomia, lo avvolge nella propria articolata frantumazione mentre il leggio, sofisticata macchina del discorso, sorregge frasi aggrovigliate come la sua forma.
Al centro, Bergonzoni, tra l’apparire e lo scomparire della lettura è ancora solo con la sua comicità.

Le balene restino sedute
"il manifesto", 12 dicembre 1989

Un comico si aggira per l’Italia. Non fa la parodia dell’universo televisivo e non si diverte a scimmiottare la pubblicità Non ride/piange sulle miserie della generazione dei trentenni. Non fa satira di costume né sociologia spicciola. Ignora le macchiette dialettali, anche se viene chiaramente da Bologna. Non prende in giro la gobba di Andreotti né le palle di Craxi. Insomma, è un comico eccentrico, in un’Italia che sembra popolata di nuovi comici e aspiranti reduci di Drive In.

Eppure, ciononostante, Alessandro Bergonzoni fa ridere, per ore intere, come è accaduto al Ciak di Milano, dove ha debuttato il suo nuovo spettacolo, Le balene restino sedute (edito anche in formato libro da Mondadori). Quella di Bergonzoni è una comicità fatta soltanto di parole. È un attrezzo che smonta e scardina il linguaggio per atterrare in mondi surreali e inattesi. Una macchina che crea in continuazione paesaggi sconclusionati, abitati da personaggi adorabili e fantastici oppure sanguinari e sconvolgenti.

Quando si lascia sfuggire un accenno ai suoi "padri spirituali", Bergonzoni cita il Burchiello – ovvero Domenico di Giovanni, barbiere e poeta del Quattrocento, cui perfino le antologie scolastiche dedicano qualche riga: ed è il piacere dell’eversione linguistica, dell’invenzione sorprendente e gratuita, degli accoppiamenti poco giudiziosi. E cita anche i fratelli Marx: per il ritmo incalzante, per la torrenziale sarabanda di schegge di follia che sbalordisce e stordisce gli spettatori.

Perché in questa partita, tutti i mezzi sono buoni per sorprendere, dal sublime al banale dal trionfo della stupidità ("Fermò un camion di rane e si fece portare da una di loro a Vigevano dove c’erano certe leggi che adesso non ci sono più") al lampo di genio ("Quando il sogno finì, Ivan pensò a cosa avrebbe detto Freud se fosse stato ancora vivo. Probabilmente avrebbe detto: "Però, sono un bel po’ longevo").

Quelle applicate da Bergonzoni nella creazione delle sue surrealtà sono grammatica, sintassi, logica e buonsenso trionfalmente ribaltati. A cominciare dal gusto privato di spezzare le associazioni giudiziose ("gli Assiri, una volta tanto finalmente senza i Babilonesi, che quel giorno erano malati") o di far esplodere elenchi e classificazioni ("era comunque una femmina tutta casa, chiesa, scuola, lattaio, fornaio, droghiere, cartolaio, e poi di nuovo casa, quindi non stava fuori sempre"). Oppure lascia fantasticare di scienze immaginarie (fonte principale, la fantomatica "Enciclopedia del quieto vivere"), s’inventa giochi da Oulipo, come un mondo senza P (abitato da "Latone, Aeron de’ Aeroni, Aa Giovanni eccetera").

Disfa frasi fatte ("un bel dì, che viene dopo il bell’a, il bel bi e il bel ci"), partecipa nel suo furore tassonomico a olimpiadi dell’assurdo: "gare di statura, movimento terra, rotazione pianeti, sollevamento coperchi per buoni diavoli, corsi di roccia sui pattini, gare di morsi e rimorsi, gatta buia, gare di saluti e commiati, corsa sugli ombrelli (tra l’altro dolorosissima)..." e così via), rende omaggio ai grandi del passato ("Guglielmo Manzoni, inventore dei Promessi Sposi per radio"), si lancia in attacchi folgoranti ("Quel mattino il sole era alto e i sette nani invidiosissimi come al solito").

Rigorosamente sconclusionata e allegramente crudele, percorsa da inevitabili e matematici istinti omicidi, la comicità di Bergonzoni si nutre della possibilità di creare infiniti universi paralleli, tutti ugualmente sconclusionati autarchici. Attraverso lo scontro tra le regole del mondo quelle del linguaggio, tiene accesa la scintilla di una eterna e gratuita ribellione. Da queste imprevedibili provocazioni enigmistiche, da questi intensi e poetici (e poco giudiziosi) accoppiamenti immagini nasca la carica liberatoria dei suoi spettacoli.
http://colombo-bt.org/index.php?topic=77227

related torrents

Torrent name

health leech seeds Size
 

comments (0)

Main Menu