Drama

Ugo Tognazzi Il fischio al naso [DviX ITA][Tnt scambioetico org]

  • Download 5x Faster
  • Download torrent
  • Direct Download
  • Rate this torrent +  |  -
Ugo Tognazzi Il fischio al naso [DviX ITA][Tnt scambioetico org]

Free and Direct Download with Usenet.nl 300GB+ free


Torrent info

Name:Ugo Tognazzi Il fischio al naso [DviX ITA][Tnt scambioetico org]

Total Size: 1.25 GB

Magnet: Magnet Link

Seeds: 12

Leechers: 13

Stream: Watch Online @ Movie4u

Last Updated: 0000-00-00 00:00:00 (Update Now)

Torrent added: 2009-09-02 22:00:52





Torrent Files List


Ugo Tognazzi - Il fischio al naso.avi (Size: 1.25 GB) (Files: 1)

 Ugo Tognazzi - Il fischio al naso.avi

1.25 GB
 

Announce URL: http://tracker.tntvillage.scambioetico.org:2710/announce

Torrent description

Visit this link: More info on this torrent

Visit this link: All My Torrent

Posted by

Darayava

IL FISCHIO AL NASO
di Ugo Tognazzi

Image Link

Image Link


[quote=Evidenzio]

Directed by: Ugo Tognazzi
SCENEGGIATURA: Rafael Azcona, Giulio Scarnicci, Renzo Tarabusi, Alfredo Pigna, Ugo Tognazzi
ATTORI: Ugo Tognazzi, Olga Villi, Alicia Brandet, Tina Louise, Franca Bettoja, Gigi Ballista, Gildo Tognazzi, Marco Ferreri, Riccardo Garrone, Alessandro Quasimodo, Max Turilli, Federico Boido, Cristina D'Avanzo, Cesare Gelli, Janine Reynaud, Luigi Leoni, Rossella Bergamonti, Renato Nicolai, Giulio Scarnicci, Renzo Tarabusi
Ruoli ed Interpreti
FOTOGRAFIA: Enzo Serafin
MONTAGGIO: Eraldo Da Roma
MUSICHE: Teo Usuelli
Production: ALFONSO SANSONE E ENRICO CHROSCICKI PER LA SANCRO INTERNATIONAL
Distribution: CINERIZ (1967) - PLAYTIME, EDEN VIDEO, CECCHI GORI HOME VIDEO
PAESE: Italia 1966
Genre: Drammatico
Length: 113 Min
FORMATO: Colore PANORAMICA, EASTMANcolor


[/quote]



Il signor Inzerna è il titolare di una fabbrica ben avviata nel settore della carta. Un giorno un fastidioso sibilo che esce dal naso lo spinge a fare dei controlli di routine alla clinica Salus Bank dove viene ricoverato al primo piano; da lì ha inizio la sua 'irresistibile ascesa'. Per motivi di vario tipo verrà infatti progressivamente trasferito ai piani più alti dove si trovano degenti sempre più gravi.
Ugo Tognazzi è alla sua prima vera regia e trae il soggetto di base dal racconto di Dino Buzzati "Sette piani" trasposto in teatro dallo stesso autore con il titolo "Un caso clinico". Se il grande scrittore, decidendo di far sentire al suo protagonista delle 'voci', trasferiva immediatamente il racconto sul piano della metafora (la clinica come la vita in cui si entra da 'sani' e ci si avvia, sempre autoconvinti di 'stare bene', verso la morte) Tognazzi imbastisce un'operazione diversa. L'avere tra gli sceneggiatori Azcona (uno degli sceneggiatori per eccellenza di Marco Ferreri) e lo stesso regista come interprete ironicamente sorridente nel ruolo del dottor Salamoia, gli fa prendere la direzione di un'amara satira nei confronti della tecnologia applicata alla salute per la quale gli uomini non sono altro che dei numeri (il 515 appeso al collo di Inzerna in qualsiasi piano si trovi).
Tognazzi non rinuncia poi (e come potrebbe?) alla carnalità del suo protagonista che imprigiona in una clinica di lusso in cui le infermiere sembrano delle modelle e dove riesce a far ricoverare anche l'amante (una luminosa Franca Bettola). Non manca poi, con accenti davvero ferreriani, la critica a una borghesia incapace di fare veri e propri passi avanti verso un capitalismo dal volto umano (si veda in proposito l'evoluzione del personaggio del padre).
Nel complesso un intelligente rilettura di uno dei piccoli capolavori di un genere letterario che da noi ha sempre fatto fatica ad affermarsi: il racconto.



- Plot -

L'industriale Giuseppe Inzerna, afflitto da un fastidioso sibilo alle vie respiratorie, trovandosi per affari nella clinica Salus Bank viene sottoposto - alquanto di malavoglia - ad esami, analisi e prime cure. Il fischio al naso scompare ma si manifestano altri sintomi. Inzerna rifiuta di considerarsi malato e tuttavia ha paura di tornarsene a casa contro il parere dei medici, i quali, ora con una scusa ora con un altra, lo fYears salire di piano in piano, ed ognuno di questi rappresenta il successivo stadio di aggravamento del male. Inzerna è sempre più solo e indifeso (malgrado che Giovanna, l'amante, lo abbia raggiunto nella clinica), poiché i suoi familiari sembrano ben contenti di tenerlo a distanza: infatti la moglie Anita si diverte con Bertino, un debitore di Giuseppe; la figlia Gloria è scappata all'estero con un suo amico e il vecchio padre ha ripreso incautamente le redini dell'azienda. Fallito un tentativo di fuga dalla clinica, Inzerna passa in stanze sempre più disadorne con un personale che lo tratta sempre più duramente; finché, giunto al settimo ed ultimo piano della clinica, il suo stato di salute declina sempre di più e muore.


- Recensioni -

[i]Il film (...) parte da posizioni di notevole qualificazione culturale (...) (e) riesce a mantenere la linea di Buzzati (...) legandola alla attualità contemporanea, con uno svolgimento abbastanza sciolto e disinvolto (...). Ha (...) il pregio di una interpretazione - da parte di Tognazzi - misurata e attenta, come di rado accade a un attore che dirige se stesso (....). (Giacomo Gambetti, "Film Mese", 4, aprile 1967)
Incerto fra Buzzati, Kafka e Evelyn Waugh, il ricordo del Caro istinto, è vivo nella seconda parte, cioè tra allegoria, incubo e satira contemporanea, Tognazzi finisce per combinare un'opera confusa nel significato ultimo e sempre a rischio di perdersi per troppe strade diverse. Ciò nulla toglie all'efficenza complessiva dell'impianto spettacolare e della sensibilità di interprete di Tognazzi, ad un'opera d'attore non facile. (Ernesto G. Laura, Bianco e Nero)



SOGGETTO: RACCONTO "SETTE PIANI" DI DINO BUZZATI

NOTE:
- QUADRI E SCULTURE PROVENIENTI DALLE GALLERIE "OBELISCO" E "NUOVA PESCA".
- REVISIONE MINISTERO MARZO 2000.
- PREMIO GROLLA D'ORO A UGO TOGNAZZI.
- PRESENTATO AL XVII FESTIVAL DI BERLINO (1967).
fonte "RdC - Cinematografo.it"


- Tognazzi il cinico -

La carriera di Tognazzi può essere vista come la sequenza di due periodi ben distinti. Nel primo periodo, che dura quasi dieci anni, porta sullo schermo una comicità giovialmente farsesca, genialmente sopra le righe, positivamente "macchiettistica", mood che viene accentuato dal sodalizio artistico con Raimondo Vianello, con il quale l'attore fa coppia fissa in numerosi lavori cinematografici (consiglio Psycosissimo) e non solo. Il secondo periodo, che inizia con l'incontro con Salce, lo vede invece impegnato in pellicole socialmente urticanti, caustiche commedie, farse grottesche e cattive (tra cui Il federale, La voglia matta, I Mostri, L’ape regina, La donna scimmia). Storicizzando questa scelta, potrebbe sembrare un suicidio artistico, per un attore che, gigioneggiando tra tanti ruoli di ingenuo si era costruito una maschera apprezzata e commercialmente fruttuosa, passa d'improvviso a ruoli così poco politically correct (ma sicuramente meno ipocriti e più sinceri di altri edulcorati ritratti umani). Va invece apprezzato (specie col senno di poi) il coraggio di un artista che non si è riposato sugli allori, che ha cercato nuovi stimoli e un nuovo approccio al suo lavoro, mettendosi in gioco e rischiando in prima persona, ma regalandoci ritratti italiani di spietata sincerità. E per il suo esordio come regista, Tognazzi sceglie proprio questa commedia cinica, che prende spunto dal racconto "Sette piani" di Dino Buzzati, dal quale l'autore trasse "Un caso clinico", messo in scena nel 1953 al Piccolo Teatro di Milano. Il borghese insoddisfatto Inzerna è un personaggio cinico e sfruttatore, dalla mentalità imprenditoriale consumistica e quasi "immorale". E la sua famiglia non è da meno: quando viene ricoverato e la sua condizione fisica peggiora di giorno in giorno (e di piano in piano), i suoi familiari sembrano ben contenti di tenerlo a distanza... La moglie Anita si diverte "amabilmente" con Bertino, un debitore di Giuseppe; la figlia Gloria scappa all'estero con un suo amico (con cui combina "il guaio") e il vecchio padre riprende incautamente le redini dell'azienda, ritrovando una vitalità che aveva perso. Il cast del film è composto da amici e famiglia di Tognazzi: Franca Bettoja è sua amante nel film e sua moglie nella vita; Gildo Tognazzi è suo padre sia sullo schermo sia nella realtà; Marco Ferreri, tra i registi più corrosivi del panorama italiano, interpreta uno dei tanti dottori della Salus Bank. Ma su tutti troneggia Ugo Tognazzi, che con una performance mai sopra le righe, ma sempre asciutta e controllata, comunica, dall'ironia all'amarezza, tutte le sfumature possibili del suo personaggio. Un film da riscoprire.


Il racconto
I sette piani
di Dino Buzzati

Nella novella I sette piani Giuseppe Conte, sofferente di una leggerissima forma di una certa malattia, viene ricoverato all'ultimo piano di una clinica, costruita su sette livelli, a seconda della gravità del paziente. Una volta disceso un piano l’uomo non può più ritornare al livello superiore; di piano in piano Conte si avvicina al termine dei suoi giorni. Un «implacabile peso» l'opprime infine quando, giunto al primo piano dello stabile; il buio piomba sulla sua stanza, tutto sembra piegarsi a «un misterioso comando» e, inesorabilmente, cala il sipario.

La casa di cura, in cui ha luogo questa metaforica discesa rappresenta la provvisorietà della vita umana. Man mano che l’uomo guadagna consapevolezza di questa caducità, sente crescere dentro di sé il disagio della solitudine. Egli comincia a pensare che quest’ultima condizione sia causata dal suo allontanamento dal «mondo della gente normale», dove tutti sYears esattamente che cosa fare e soprattutto cosa si è obbligati a fare, dove esistono regole ben precise che non si possono infrangere. Il protagonista scivola velocemente nella disperazione man mano che la barriera tra lui e quel mondo si erige sempre più alta. «Egli cercava di persuadersi di appartenere ancora al consorzio degli uomini sani» .. Ma esiste una definizione inconfutabile di normalità? Esiste veramente una condizione comune in cui tutti possano sentirsi a proprio agio soltanto perché questa assicura il riconoscimento da parte della collettività?

La figura di Conte è emblematica dell’uomo che non si concentra sulla malattia, cerca fuori di sé la guarigione, invece di guardare dentro la propria anima per ritrovarsi. L’ansia di tornare a far parte della comunità dei normali al più presto aggrava la sua patologia e gli impedisce di incontrare la sua dimensione più profonda, dove risiede la sua salute.



Image Link Image Link

Image Link Image Link

::: - Specifications del DivX - :::
::: - dati ottenuti con AviInfo - :::


Nome: Ugo Tognazzi - Il fischio al naso.avi
Size: 1.2Gb
Length: 01:46:48
Video Codec: DivX5
qf:
Video Bitrate: 1.5Mbps
Resolution: 720x576
FPS (Frames/sec): 25
Audio Codec: mp3
Audio Bitrate: 160Kbps
Freq Audio: 44KHz
Canali Audio: Stereo



*Note: Orari di seed 22.00-06.00 e banda disponibile 500kb



Visit http://www.tntvillage.scambioetico.org/

related torrents

Torrent name

health leech seeds Size
 

comments (0)

Main Menu