Drama

La Corazzata Potemkin Bronenosets Potyomkin [DivX Mp3]

  • Download 5x Faster
  • Download torrent
  • Direct Download
  • Rate this torrent +  |  -
La Corazzata Potemkin Bronenosets Potyomkin [DivX Mp3]

Free and Direct Download with Usenet 300GB+ free


Torrent info

Name:La Corazzata Potemkin Bronenosets Potyomkin [DivX Mp3]

Total Size: 730.38 MB

Magnet: Magnet Link

Seeds: 9

Leechers: 7

Stream: Watch Online @ Movie4u

Last Updated: 2011-01-08 23:30:13 (Update Now)

Torrent added: 2009-09-02 07:57:55




Torrent Files List


La Corazzata Potemkin - Bronenosets Potyomkin (1925).avi (Size: 730.38 MB) (Files: 1)

 La Corazzata Potemkin - Bronenosets Potyomkin (1925).avi

730.38 MB
 

Announce URL: http://tracker.tntvillage.scambioetico.org:2710/announce

Torrent description

La Corazzata Potemkin - Bronenosets Potyomkin [DivX - Mp3] [Tntvillage.Scambioetico]

Visit this link: More info on this torrent

Visit this link: All My Torrent

Visit this info link: Link Image Link

Link alla presentazione ed alle releases

Visit this info link: Link Image Link



Image Link
La Corazzata Potemkin - Bronenosets Potyomkin
Image LinkImage Link
[quote=Evidenzio]Image Link
Visit the YouTube link: YouTube Link
[/quote]
Visit the IMDB link: IMDB Link



Image Link
"La corazzata Potëmkin" (1925) fu concepito solo come episodio per uno spettacolo commemorativo dell'anniversario della rivoluzione del 1905,(non confondere con quella del 17) ma crebbe in proporzioni e divenne un lungometraggio, con concetti totalmente nuovi, sia del dramma rivoluzionario che delle tecniche di regia.
Il film accrebbe rapidamente la fama internazionale,del regista.
Dopo aver concepito un grande affresco in 6 episodi che tracciava la storia dell' Years dalla guerra russo-giapponese all' insurrezione armata di Mosca , E. decise di fissare la sua attenzione sul singolo episodio di Odessa che, nelle sue intenzioni, avrebbe dovuto condensare i tratti caratteristici della crudeltà con la quale il regime zarista schiacciava qualsiasi tentativo di protesta.

Il film è la ricostruzione dell' ammutinamento sulla Corazzata Potemkin nel 1905, che provocò una sanguinosa repressione da parte del potere zarista contro gli abitanti di Odessa, solidali con i marinai in lotta.

Il film nacque per la decisione del Comitato Centrale, nei primi mesi del 1925, di affidare a una produzione cinematografica la celebrazione del ventennale della rivolta armata del 1905. Il Goskinò (ente statale), incaricato di portare a termine l'operazione, approva una lunga sceneggiatura della trentaseienne Agadzanova,(che aveva visto gli avvenimenti) e affida la realizzazione al ventisettenne Ejzenstejn.

Proiezione fissata, il 21 dicembre al teatro Bolshioj di Mosca.

Ejzenstejn parte per i sopraluoghi, mette insieme la troupe, gira i primi ciak. All'inizio dell'estate si convince che realizzare per intero la monumentale sceneggiatura scritta da Agadzanova entro la fine dell'Years è impossibile. Propone al Goskinò di limitarsi all'episodio dell'ammutinamento della corazzata (nella sceneggiatura originale l'episodio occupa non più di 50 righe) avvenuto il 21 giugno 1905. Ottiene l'approvazione delle autototà , parte per Odessa, insieme ai suoi cinque assistenti (Aleksandrov, Strauch, Antonov, Gomarov e Levsin) e a Eduard Tissè l'operatore. Fin dall'inizio Ejzenstejn abbozza i cinque atti in cui dovrà svolgersi il dramma. Gli interpreti sono scelti tra i marinai sovietici e tra gli abitanti di Odessa e Sebastopoli; la corazzata originaria era stata da tempo demolita, viene usata una gemella (la 'Dodici apostoli'): arrugginita e non in grado di prendere più il largo, viene verniciata e ancorata nella rada di Odessa.

Nel novembre 1925 le riprese non erano ancora terminate. Ejzenstejn montò sommariamente quanto già girato e lo fa vedere alle autorità , gli mettono a disposizione la flotta sovietica del Mar Nero per l'ultima sequenza. La scena con la flotta sovietica per un errore di sincronizzazione, non fu girata da Ejzenstejn che sopperì con inquadrature tratte da vecchi cinegiornali d'attualità. "La corazzata Potemkin" fu montato in 12 giorni. Quello della proiezione al Bolshioj gli ultimi rulli non erano ancora terminati: profittando del fatto che la proiezione dei vari rulli era intercalata da un breve intervallo, Ejzenstejn e Aleksandrov riuscirono a terminare appena in tempo, durante le proiezioni: secondo il racconto di Aleksandrov, usando..... la saliva perché Ejzenstejn aveva finito il collante. Il film ebbe un grosso successo, finì per diventare in europa un cult-movie:

in Francia i surrealisti lo osannarono, la censura francese lo proibì poi sino al 1952. In Italia si dovette attendere più a lungo: fu presentato pubblicamente solo nel 1960.i nazisti tedeschi reagirono con violento disprezzo mentre l'Italia fascista ne proibì le proiezioni.

L' opera si divide in 5 parti:
1) Uomini e vermi;
2) Il dramma sul ponte di poppa
3) Il sangue grida vendetta
4) La scalinata di Odessa
5) Il passaggio attraverso la squadra.

Nel Giugno del 1905 l'equipaggio della corazzata russa Potemkin, ancorata al largo dell'isola di Tendra, è in rivolta contro i superiori, rei di distribuire il rancio attraverso porzioni di carne putrefatta condita di vermi.. La ribellione si scatena quando le autorità costringono i marinai a mangiare ugualmente il pasto distribuito; coloro che si rifiutano sono fucilati, ma il plotone incaricato di far fuoco sui propri compagni disubbidisce all'ordine dando il via all'ammutinamento vero e proprio. I marinai assumono il totale controllo della nave, ma dai tafferugli che ne seguono muore l'ideatore della rivolta, Vakulincuk.
Il suo cadavere è esposto nel porto di Odessa e la popolazione civile, incolonnata in una lunga processione, rende onore al corpo del marinaio. Centinaia di migliaia di persone fraternizzano con l'equipaggio, esternando la solidarietà attraverso comizi spontanei sulla banchisa del porto. La polizia zarista interviene sparando alla cieca sui civili raccolti sulla scalinata di Odessa, facendo strage di uomini, donne, vecchi e bambini. Dalla Potemkin la risposta non si fa attendere; i soldati sparano cYearsnate centrando in pieno il quartier generale delle forze armate dello zar.
Intanto, l'intera flotta russa dirige verso la città con l'ordine di soffocare la rivolta. La Potemkin muove verso di loro nel tentativo di raggiungere il Mar Nero e quando tutto fa presagire ad uno scontro pressoché inevitabile, arriva il colpo di scena; gli equipaggi delle altre navi rifiutano di sparare sulla corazzata e la lasciano passare tra applausi e tripudi d'ogni sorta.
Il film è un autentico capolavoro, capace di evocare il momento storico attraverso un racconto improntato in maniera semi documentarista. Eisenstein tralascia qualsiasi forma identificativa dei personaggi e costruisce il film basandolo essenzialmente sul ritmo figurativo. Il marinaio Vakulincuk quindi, è soltanto l'elemento guida della vicenda non l'eroe in cui pedagogigamente il pubblico deve identificarsi.
Il regista piega la storia a livelli di fantasia (il primo atto insurrezionale del 1905 fu in realtà represso nel sangue dalle armate dello zar), ma è capace di introdurre nell'immaginario collettivo piena attendibilità all'evento rivoluzionario, che egli ammortizza nel film seguendo una sua logica personale.
I due cardini fondamentali per l'ottimizzazione dell'opera sono da attribuire all'inquadratura e al montaggio.
Il linguaggio visivo delle immagini-
Eisenstein monta in vorticosa sequenza oltre mille inquadrature in uno spazio massimo di tre secondi una dall'altra, ottenendo così '' un'equiparazione'' tra ripresa e movimento. Soltanto l'alternarsi fotografico dai primi piani ai campi lunghi dà momenti di respiro. Persino il sottotitolo si adegua al ritmo forsennato del montaggio; didascalie di raccordo tra una scena e la successiva (ma…ed ora… improvvisamente…) sono assemblate anch'esse nel criterio narrativo della pellicola.
La straordinaria ricchezza visiva che ne scaturisce è la logica conseguenza di un preciso raccordo tra immagini di chiaro realismo e storia di pura fantasia, il tutto dosato da Eizenstein con mirabile capacità.
Anche se il resoconto storico è imperniato in cinque capitoli , lo sviluppo figurativo che ne segue si può ridurre in due atti - onore al caduto e la scalinata di Odessa - concatenati tra loro attraverso un ricco ed eloquente coinvolgimento emotivo carico di notevole vigore simbolico.
Proprio il simbolismo rappresenta il fulcro centrale del cinema di Eisenstein, ne La corazzata Potemkin questa componente assume toni emblematici. La commiserazione tramutata poi in spirito di rivolta contro la tirannide, espresse tramite la scena dell'omaggio al cadavere di Vakulincuk è il primo esempio e forse il più espressivo.
L'enorme bocca di cYearsne che ricopre l'intero schermo significa potere e potenza distruttiva, ma allo stesso tempo un importante veicolo, necessario agli insorti per il raggiungimento del fine prestabilito, la rivoluzione. Significato ambivalente
Poi.... ancora le tre inquadrature riguardanti, le statue del leone. La prima, dormiente (il popolo sopporta impotente l'angheria), la seconda, il risveglio (il popolo si ribella al despota), la terza, il ruggito (il popolo si arma e caccia il tirYears). Figure retoriche ove i primi due soggetti donno un terzo significato metaforico, stesso discorso per gli stivali dei soldati -nota il gioco ''noir'' espressionista delle ombre

L'episodio di Odessa è raccontato in modo da rappresentare simbolicamente l'intera storia rivoluzionaria russa.

Il rancio immangiabile sta per le condizioni disumane in cui vivono i lavoratori; l'ammutinamento sta per i tanti coraggiosi tentativi insurrezionali; la strage sulla scalinata per le spietate repressioni zariste, la bandiera rossa al vento per il trionfo di ottobre. Ejzenstein intendeva mostrare il tutto attraverso una sua parte, coniando la prima sinnedoche cinematografica(vedi righe seg.); tragedia classica in cinque atti (ma senza eroe individuale) di un rigore quasi matematico-il nostro aveva studiato Ingegneria-

Nella Corazzata Potëmkin, Ejzenstejn non utilizza attori,piuttosto ricerca"tipi"che,senza troppo caratterizzarsi individualmente,possano ben inserirsi nel carattere corale,collettivo,della storia; ma ripetiamo,il regista non ha paura di inventare episodi, di manipolare il set e la drammaturgia ai propri fini formali.

Applica il principio pars pro toto(la parte per il tutto), quando i marinai della Potëmkin in rivolta scaraventano in mare il medico di bordo e ciò che di lui viene inquadrato sono solo gli occhiali a stringinaso rimasti impigliati ad una gomena. Inventa la scena nella quale i capi dei rivoltosi debbono essere fucilati e per questo sono radunati e ricoperti sotto un grande telone,prassi a quanto pare inesistente nella marina zarista, giustificata unicamente dalla necessità di avere un elemento plastico forte (come il telone)sotto il quale si agitano i corpi dei marinai

L'intenzione è quella di far provare allo spettatore un'intensa commozione(pathos), come precisa lo stesso Ejzenstejn:

"Il pathos dimostra la sua efficacia quando obbliga lo spettatore a balzare in piedi dalla sua poltrona; o ad accasciarsi là dove si trova; o ad applaudire,a gridare fortissimo; quando fa brillare i suoi occhi di gioia prima di fargli spargere lacrime di felicità...;quando,in-somma,lo spettatore è costretto........''

la scalinata di Odessa

in questa sequenza è raccolta la visione più negativa del potere (i civili trucidati senza riguardo) e l'accorato appello alla pietà (la donna che sale le scale facendosi incontro ai soldati con in braccio il figlio malato, o la giovane donna colpita a morte che non può fermare il carrozzino rotolante lungo la scalinata). Questa scena intrisa di esacerbata violenza e accorato pietismo, rappresenta uno dei punti di forza più espressivi della storia cinematografica. la sovrapposizione delle immagini rende il tutto un vortice-

Le attrazioni del film sono feroci, misurate, reali; Ejzenstein indugia sui cadaveri, su un bambino riverso sui gradini, su una donna con l'occhio spappolato; sulla madre che, colpita, cadendo spinge la carrozzella giù dalle scale; su baionette e stivali; sono una serie di flash discontinui, come tanti impulsi il cui ritmo è il ritmo dell'azione, futuristicamente veloce.
Dramma espressionista, ambienti costruttivisti (Costruttivismo,movimento artistico russo).

E' difficile parlare in maniera canonica di "Plot", di "plot" (fabula), rispetto alla produzione ejzensteiniana, tipico stile dell'avanguardia il suo ,come nel romanzo del primo novecento, la fabula viene distrutta in una narrazione che si sviluppa su di un tempo discontinuo.
Ejzenstejn è un grande orchestratore filmico dei movimenti della folla. Nella famosa sequenza della strage sulla scalinata di Odessa il montaggio crea una contrapposizione tra lo spazio e il tempo. Mentre lo spazio in cui l'azione si svolge è ampio e dilatato,il tempo narrativo è fatto di frammenti sempre più ellittici e contratti.

Scrive Béla Balàzs, il grande teorico ungherese: "...nell'epica sequenza della scalinata,morti e feriti giacciono riversi sui gradini. L'inquadratura riprende volti umani cosparsi di sangue e inondati di lacrime. Subito dopo, riprende anche i cosacchi che sparano sulla folla,malo spettatore non vede che i loro stivali: non sono più uomini, ma stivali che calpestano volti umani. E tanto stupidi e infami essi ci appaiono che istintivamente lo spettatore si ribella. Ecco l'effetto metaforico del film."

Nato come strumento di celebrazione politica,La corazzata Potëmkin si rivela dunque come un concreto, formidabile esempio di cinema intellettuale,di cinema come macchina per la produzione di metafore,quindi come scrittura poetica, o di pensiero,né più né meno della letteratura o della filosofia. Montando assieme tre inquadrature di tre diversi leoni di pietra(uno addormentato, uno accucciato ma vigile,uno in procinto di slanciarsi), Ejzenstejn non si limita a produrre una banale metafora ma una immagine filmica un pensiero attraverso le immagini

Nel grande dibattito sul cinema che andò sviluppandosi allora nell'Unione Sovietica,si contrapponevano essenzialmente due posizioni.

Da una parte, c'era il cosiddetto "cineocchio"di Dziga Vertov,che sosteneva un cinema di tipo documentaristico,senza manipolazioni preventive della realtà, senza trame precostituite e senza attori.

Dall'altra al "cine-occhio", Ejzenstejn contrapponeva il "cine-......''pugno",vale a dire l'emozione violenta prodotta dall'accostamento in sede di montaggio di scene e inquadrature diverse. In questo, Ejzenstejn si basava anche sugli studi di un altro grande regista e teorico del montaggio, Lev Kulesov.

I riferimenti storici sono solo occasionali anche se come abbiamo detto La corazzata Potemkin" fu realizzata per la celebrazione del ventennale della rivolta realmente avvenuta nel 1905, quando i settecento uomini dell'equipaggio si ammutinarono con la scusa immediata del rifiuto del rancio e con quella indiretta del generale fermento rivoluzionario che andava crescendo in Russia dopo la guerra russo-giapponese. In realtà il progetto era molto più ampio, ma i tempi brevi per la realizzazione limitarono l'opera ad uno "stralcio", che non comprende, infatti, la descrizione del finale della rivolta della Potemkin che nella realtà, dopo essere riuscita a ripartire dal porto di Odessa, raggiunto il porto rumeno di Costanza , si autoaffondò. L'equipaggio fu internato e la nave restituita al governo russo.

Ciascuna delle inquadrature del Potemkin obbedisce a precise leggi compositive: equilibrio, armonia , dinamismo delle linee e dei volumi. E contrariariamente alla prassi del periodo, si inquadra una scena da diversi punti di vista sovrapponendoli, quasi per dare di un'immagine diverse dimensioni;in questa insistenza, alcuni critici vedono un'influenza diretta del cubismo, cioè il tentativo di rappresentare su un solo piano - mediante scomposizione - un oggetto nella totalità delle sue dimensioni.

La Corazzata Potemkin è la massima espressione di applicazione del montaggio a posteriori, cardine delle teorie e dell'opera di E.; secondo il regista "Il montaggio è un'idea che nasce dallo scontro di inquadrature indipendenti o addirittura opposte l'una all'altra" per cui attraverso il montaggio non crea soltanto il movimento fisico, ma anche il movimento delle idee. La potenza trascinante e angosciosa della sequenza della scalinata è ottenuta invece con l'uso di quello che lo stesso regista chiama montaggio ritmico: la tensione, per accelerazione di tempi, è raggiunta accorciando progressivamente la durata delle inquadrature, ma anche inserendo elementi di maggiore intensità e con un tempo diverso. Quest'uso molteplice del montaggio, definito come lo ''specifico filmico'' (proprio del linguaggio di un film) -

L'impostazione scenica ricorda da vicino quella della tragedia (si faccia a tal proposito particolare attenzione al tema del terzo atto che funge da spartiacque).

Ejzenstein. ci dice: (noti l'allievo la padronanza del discorso critico nelle citazioni )

«Quando si parla del Potemkin si osservano in genere due aspetti:
L'unità organica della composizione nel suo complesso, e il pathos del film...Il Potemkin sembra una cronaca (o cinegiornale) di avvenimenti, ma in realtà colpisce come il dramma. E il segreto di questo effetto consiste nel fatto che il ritmo della cronaca si adatta alle leggi rigorose della composizione tragica; e, più ancora, della composizione tragica nella sua forma più classica: la tragedia in cinque atti. ..........

(La struttura del film, 1939 in "S.Ejzenstein", Castoro Cinema).

la sequenza delle scale-
Da allora fino ad oggi è stata ripresa più volte, in forme e ambientazioni diverse (Gli intoccabili, 1987 di Brian De Palma)
Nel 1949 una giuria internazionale riunita in Svizzera, proclamò La corazzata Potemkin quale miglior film del secolo. Il film fu proiettato la prima volta Mosca nel 1925, ma ostacoli di carattere burocratico e politico impedirono la messa in circolazione della pellicola nel resto d'Europa. Passarono ventisette anni e soltanto nel 1952 il film approdò nei cinematografi di tutto il mondo.

Un discorso a parte merita la musica, ne esistono tre edizioni e aprirebbe un discorso specifico- basta comunque ricordare che essa è parte integrante del film.


Image Link
Image Link

Image LinkNome File: La Corazzata Potemkin - Bronenosets Potyomkin (1925).avi
Size: 765,857,792 Bytes
Length: 1:11:01
Video Codec: DivX 5.0.2
Video Bitrate: 1300 kb/s
Resolution: 648x536
Frames/sec: 25.000
QF: 0.150 b/px
Audio Codec: 0x0055 MPEG-1 Layer 3
Audio Bitrate: 128 kb/s
Freq Audio: 44100 Hz


Image Link
La sera dalle 20 in poi, 7g/7 a 15/20k salvo inconvenienti
Si ringrazia Image Linkper l'hosting delle immagini
Image Link

Visit this info link: Link Image LinkImage LinkVisit this info link: Link Image LinkImage LinkVisit this info link: Link Image LinkImage LinkVisit this info link: Link Image LinkImage LinkVisit this info link: Link Image LinkImage LinkVisit this info link: Link Image LinkImage LinkVisit this info link: Link Image LinkImage LinkVisit this info link: Link Image LinkImage LinkVisit this info link: Link Image LinkImage LinkVisit this info link: Link Image LinkImage LinkVisit this info link: Link Image LinkImage LinkVisit this info link: Link Image LinkImage LinkVisit this info link: Link Image Link

Visit http://www.tntvillage.scambioetico.org/

related torrents

Torrent name

health leech seeds Size
 

comments (0)

Main Menu