Documentary

Shoah [6/6] [TVRip Ita] Ultimo atto [TNTvillage]

  • Download 5x Faster
  • Download torrent
  • Direct Download
  • Rate this torrent +  |  -
Shoah [6/6] [TVRip Ita] Ultimo atto [TNTvillage]

Anonymous and Free Direct Download 300GB+


Torrent info

Name:Shoah [6/6] [TVRip Ita] Ultimo atto [TNTvillage]

Total Size: 553.64 MB

Magnet: Magnet Link

Seeds: 1

Leechers: 2

Stream: Watch Online @ Movie4u

Last Updated: 2010-12-25 13:05:32 (Update Now)

Torrent added: 2009-09-01 19:58:19



VPN For Torrents

Torrent Files List


La storia siamo noi - Shoah - Parte 6 - by Tricco [720x480 x264 AAC].mkv (Size: 553.64 MB) (Files: 1)

 La storia siamo noi - Shoah - Parte 6 - by Tricco [720x480 x264 AAC].mkv

553.64 MB
 

Announce URL: http://tracker.tntvillage.scambioetico.org:2710/announce

Torrent description

Visit this link: More info on this torrent

Visit this link: All My Torrent



[url=Shoah [6/6] [TVRip Ita] Ultimo atto [TNTvillage] preview 0]Image Link[/url]


Shoah (6/6)

Ultimo atto

di
Maurice Philip Remy

La storia siamo noi

by Tricco

Image Link

- Scheda del documentario -

La liberazione di Auschwitz

da La tregua di Primo Levi

La prima pattuglia russa giunse in vista del campo verso il mezzogiorno del 27 gennaio 1945. Fummo Charles ed io i primi a scorgerla: stavamo trasportando alla fossa comune il corpo di S?mogyi, il primo dei morti fra i nostri compagni di camera. Rovesciammo la barella sulla neve corrotta, ch? la fossa era ormai piena, ed altra sepoltura non si dava: Charles si tolse il berretto, a salutare i vivi e i morti.
Erano quattro giovani soldati a cavallo, che procedevano guardinghi, coi mitragliatori imbracciati, lungo la strada che limitava il campo. Quando giunsero ai reticolati, sostarono a guardare, scambiandosi parole brevi e timide, e volgendo sguardi legati da uno strano imbarazzo sui cadaveri scomposti, sulle baracche sconquassate, e su noi pochi vivi.
A noi parevano mirabilmente corporei e reali, sospesi (la strada era pi? alta del campo) sui loro enormi cavalli, fra il grigio della neve e il grigio del cielo, immobili sotto le folate di vento umido minaccioso di disgelo.
Ci pareva, e cos? era, che il nulla pieno di morte in cui da dieci giorni ci aggiravamo come astri spenti avesse trovato un suo centro solido, un nucleo di condensazione: quattro uomini armati, ma non armati contro di noi; quattro messaggeri di pace, dai visi rozzi e puerili sotto i pesanti caschi di pelo.
Non salutavano, non sorridevano; apparivano oppressi, oltre che da piet?, da un confuso ritegno, che sigillava le loro bocche, e avvinceva i loro occhi allo scenario funereo. Era la stessa vergogna a noi ben nota, quella che ci sommergeva dopo le selezioni, ed ogni volta che ci toccava assistere o sottostare a un oltraggio: la vergogna che i tedeschi non conobbero, quella che il giusto prova davanti alla colpa commessa da altrui, e gli rimorde che esista, che sia stata introdotta irrevocabilmente nel mondo delle cose che esistono, e che la sua volont? buona sia stata nulla o scarsa, e non abbia valso a difesa.
Cos? per noi anche l'ora della libert? suon? grave e chiusa, e ci riemp? gli animi, ad un tempo, di gioia e di un doloroso senso di pudore, per cui avremmo voluto lavare le nostre coscienze e le nostre memorie della bruttura che vi giaceva: e di pena, perch? sentivamo che questo non poteva avvenire, che nulla mai pi? sarebbe potuto avvenire di cos? buono e puro da cancellare il nostro passato, e che i segni dell'offesa sarebbero rimasti in noi per sempre, e nei ricordi di chi vi ha assistito, e nei luoghi ove avvenne, e nei racconti che ne avremmo fatti. Poich?, ed ? questo il tremendo privilegio della nostra generazione e del mio popolo, nessuno mai ha potuto meglio di noi cogliere la natura insanabile dell'offesa, che dilaga come un contagio. ? stolto pensare che la giustizia umana la estingua. Essa ? una inesauribile fonte di male: spezza il corpo e l'anima dei sommersi, li spegne e li rende abietti; risale come infamia sugli oppressori, si perpetua come odio nei superstiti, e pullula in mille modi, contro la stessa volont? di tutti, come sete di vendetta, come cedimento morale, come negazione, come stanchezza, come rinuncia.
Queste cose, allora mal distinte, e avvertite dai pi? solo come una improvvisa ondata di fatica mortale, accompagnarono per noi la gioia della liberazione. Perci? pochi fra noi corsero incontro ai salvatori, pochi caddero in preghiera. Charles ed io sostammo in piedi presso la buca ricolma di membra livide, mentre altri abbattevano il reticolato; poi rientrammo con la barella vuota, a portare la notizia ai compagni.



- Scheda tecnica -

[ Info sul file ]
Nome: La storia siamo noi - Shoah - Parte 6 - by Tricco [720x480 x264 AAC].mkv
Data: 18/02/2009 06:41:01
Dimensione: 580,528,557 bytes (553.635 MB)

[ Dati rilevanti ]
Risoluzione: 720 x 480
Larghezza: multipla di 16
Altezza: multipla di 32

[ Traccia video ]
Codec ID: V_MPEG4/ISO/AVC
Risoluzione: 720 x 480
Frame aspect ratio: 3:2 = 1.5
Pixel aspect ratio: 1:1 = 1
Display aspect ratio: 3:2 = 1.5
Framerate: 25 fps

[ Traccia audio ]
Codec ID: A_AAC (AAC Low complexity)
Canali (contenitore): 2
Frequenza: 24000 Hz
Frequenza di output: 48000 Hz

Visit http://www.tntvillage.scambioetico.org/

related torrents

Torrent name

health leech seeds Size
 


comments (0)

Main Menu