Comedy

Pier Paolo Pasolini Uccellacci E Uccellini [Xvid Ita SUB Eng]

  • Download 5x Faster
  • Download torrent
  • Direct Download
  • Rate this torrent +  |  -
Pier Paolo Pasolini Uccellacci E Uccellini [Xvid Ita SUB Eng]

Free and Direct Download with Usenet.nl 300GB+ free


Torrent info

Name:Pier Paolo Pasolini Uccellacci E Uccellini [Xvid Ita SUB Eng]

Total Size: 1.17 GB

Magnet: Magnet Link

Seeds: 21

Leechers: 0

Stream: Watch Online @ Movie4u

Last Updated: 0000-00-00 00:00:00 (Update Now)

Torrent added: 2009-08-31 16:07:29





Torrent Files List


Uccellacci e Uccellini.avi (Size: 1.17 GB) (Files: 2)

 Uccellacci e Uccellini.avi

1.17 GB

 Uccellacci e Uccellini.eng.srt

59.18 KB
 

Announce URL: http://tracker.tntvillage.scambioetico.org:2710/announce

Torrent description

Pier Paolo Pasolini - Uccellacci E Uccellini [Xvid Ita SUB Eng] [Tntvillage.Scambioetico]

Visit this link: &sb=1&sd=0&cat=0]More info on this torrent

Visit this link: All My Torrent

PIER PAOLO PASOLINI

UCCELLACCI E UCCELLINI
(Hawks & Sparrow)


Image Link

- LOCANDINA -

Image Link
Image Link
Image LinkImage Link

La Tartan Video ha dedicato a Pier Paolo Pasolini due cofanetti contenenti ognuno 3 DVD con altrettanti films.
Qui presento Uccellacci E Uccellini (Hawks & Sparrow) incluso nel cofanetto vol.2.






Regia : Pier Paolo Pasolini
Soggetto : Pier Paolo Pasolini
Sceneggiatura : Pier Paolo Pasolini
Fotografia : Mario Bernardo,Tonino Delli Colli
Scenografia : Luigi Scaccianoce
Musica : Ennio Morricone
Montaggio : Nino Baragli
Aiuto regia : Sergio Citti
Direttore produzione : Fernando Franchi
Produzione : Alfredo Bini per Arco Film,Roma
Length: 88 minuti

Interpreti e personaggi:
Totò ( Innocenti Totò / Frate Ciccillo )
Ninetto Davoli( Innocenti Ninetto / Frate Ninetto)
Femi Benussi( Luna,la prostituta )
Rossana Di Rocco( l'amica di Ninetto )
Lena Lin Solaro( Urganda,la sconosciuta )
Rosina Moroni( la contadina )
Renato Capogna( uno zoticone medioevale)
Pietro Davoli( un'altro zoticone medioevale )
Umberto Bevilacqua( altro zoticone medioevale )
Riccardo Redi( l'ingegnere )
Francesco Leonetti( la voce del corvo )
Gabriele Baldini( il dantista dentista )

Altri interpreti :
Lina D'Amico, Renato Montalbano, Cesare Gelli,
Vittorio La Paglia, Alfredo Leggi, Mario Pennisi,
Flaminia Siciliano, Fides Stagni,
Giovanni Tarallo,Vittorio Vittori




- Plot -

Totò e Ninetto si recano a sfrattare della povera gente da una cascina della periferia romana. Strada facendo, si affianca loro un corvo, intellettuale veteromarxista, che racconta di come frate Ciccillo e frate Ninetto cercarono invano di convincere passerotti e falchi a fare amicizia. Dopo aver, tra l'altro, incrociato i funerali di Togliatti e fatto l'amore con una prostituta, i due hYears fame. Il corvo parla e parla: finisce divorato.


- Review -

Pasolini continua a farci sorprese. Ora ha inventato il film «ideo-comico», che sarebbe l’umorismo applicato alla politica e alla sociologia, ovverosia l’impegno ideologico superato dalla favola; insomma, il cervello scavalcato dalla poesia. Per capirci meglio: Pasolini è un intellettuale scontento, che andando in là con gli, anni sente l’insufficienza degli schemi razionali della cultura di sinistra, e capisce come qualmente la storia proceda per vie ignote e misteriose, sulle quali però l’intelligenza del cuore incide più delle formule dottrinarie. Questa presa di coscienza è netta, ma poiché Pasolini diffida di se stesso (ancora qualche Years, e l’Immoralista sarà tutto risucchiato nella sua matrice borghese), intanto ha prodotto una singolare figura di artista, il quale non vuole rinunziare alla speranza marxista ma nel contempo è corretto dall’esperienza sentimentale, e faticosamente cerca di rispondere al solito «quo vadis?» sposando Cristo a Marx, passando se occorre attraverso il Croce.
Chiamato ad esprimere questo viluppo di stati d’animo e di stimoli intellettuali, ha avvertito che l’unico modo per cautelarsi dalle tentazioni di un pio storicismo era di ribaltare il suo sentimento d’amore, di pietà, di tolleranza universale in ironia punteggiata di sarcasmo verso il proprio ambiente: un «mea culpa» pronunciato con tono giocoso e scanzonato, cominciando dai titoli di testa che esorcizzano l’amarezza dell’autoritratto, ma dove è facile leggere cicatrici sempre aperte, dalle quali sgorgano umori contraddittori, non ancora decantati nell’ispirazione poetica.
Uccellacci e uccellini è appunto la confessione, sincera e confusa, di un momento di crisi successivo alla sconfitta, ma espresso in un tal cocktail di polemica culturale e di slanci lirici, e così vagamente risolto sul piano del racconto, che il film assume il carattere di un’agenda di fatti personali; certamente di grande interesse per l’intellighenzia che si diverte a riconoscere, fra gli interpreti, artisti e scrittori del bel mondo romano, poco più di un amabile gioco cabalistico per il grande pubblico, costretto a dibattersi in una rete di simboli e di citazioni che vYears da Lukàcs a Giorgio Pasquali. Il film consiste grosso modo di due episodi, ambedue interpretati da Totò e dal giovane Ninetto Davoli: due figure picaresche assunte a simbolo dell’umanità incamminata verso l’ignoto. In un paesaggio di periferia, i due, padre e figlio, si aggirano fra le borgate; nei loro strani incontri si ricapitola l’assurdità del mondo contemporaneo, dove l’antico mistero della vita e della morte si intreccia alle sorprese dei nuovi costumi, e ne nascono interrogativi sul destino di fronte ai quali i due innocenti pellegrini rimangono muti. La realtà è così indecifrabile che in loro non desta alcuna, sorpresa l’arrivo di un corvo parlante. L’animale dichiara di venire dal paese di Ideologia, d’esser figlio del dubbio e della coscienza. E racconta a suo modo un fatto accaduto nel Miileduecento.
Ora Totò è frate Ciccillo, che insieme al giovane frate Ninetto ha avuto da san Francesco l’ordine di predicare l’amore agli uccelli. Come dirla, bisogna intanto imparare il linguaggio dei pennuti. Dopo un Years d’immobilità e di preghiera, frate Ciccillo canta vittoria; in un colloquio fatto di stridi trasmette ai falchi il messaggio evangelico. Un altro Years di meditazione, quanto basta per capire che i passeri si esprimono saltellando, e il contatto è stabilito, con una specie di balletto, anche con quei mansueti uccellini. Ma la predicazione non dà frutti, perché i falchi continuano ad azzannare i passerotti. Addolorati e delusi, i due frati si convincono che questa è la fatalità del mondo, la sopraffazione dei deboli. «Bisogna cambiarlo, il mondo», ribatte san Francesco, e li manda a ricominciare tutto da capo. Vale a dire, spiegherà Pasolini, che le singole classi sociali possono essere singolarmente evangelizzate, ma non sono ancora sufficientemente educate a rispettarsi fra loro. Con tanti saluti alla lotta di classe. (E infatti Pasolini farà sapere che le parole del suo san Francesco riecheggiano le considerazioni sulla pace espresse da Paolo VI all’Onu).
Secondo episodio, sul tema dell’egoismo e del diritto di proprietà. Dopo essere stato preso a fucilate perché ha abusivamente concimato un campo, ed essersi visto ripagato con una patacca (antifecondativi fuori uso in luogo d’un callifugo) dell’aiuto prestato a una compagnia di guitti, Totò si presenta, in veste di padrone di casa, a una povera donna, e per sfrattarla assume il tono del più spietato uomo d’affari. Ma poco dopo, sempre accompagnato dal corvo chiacchierone, tocca a lui prostrarsi, in veste di debitore insolvente, a un riccone che sta offrendo un party intellettuale. Stesi a terra, lui e Ninetto, da minacciosi cani lupo, supplicano pietà.
Riprendono il cammino, assistono ai funerali di Togliatti (un inserto di cinegiornale che ci ripaga, con la sua verità, degli apologhi cifrati), si svagano, padre e figlio, con una sgualdrinella di nome Luna. E finalmente, ammazzano il corvo saccente che per tutto il tempo ha continuato a fare sfoggio di dialettica marxista, se lo mangiano e continuano il viaggio. Con l’aiuto del libro che Pasolini ha dedicato al film si viene a sapere come sotto il velame sia da intendere che l’umanità nel suo procedere verso un orizzonte ignoto divora quel che deve divorare; in questo caso un certo razionalismo ideologico di tipo stalinista, ormai superato ma non tanto da non servire di nutrimento, ecc. ecc. E che il discorso degli anni Cinquanta è superato dal messaggio giovanneo.
Orbene. Impenetrabile ai più nello sterpeto delle metafore, Uccellacci e uccellini è uno scherzo surreale (imparentato talvolta con Zavattini), un girotondo fittiziamente popolaresco, in realtà uno sfogo personale che rivela ancora una volta i guasti portati dal sovraccarico di cultura in una personalità artistica sempre notevole sul piano dell’immediatezza espressiva. Anche chi, e sarYears i più, non riuscirà ad afferrare i nessi logici e i sottintesi del film (il commento musicale alterna canti della Resistenza a brani classici), sarà infatti colpito dal buffo delle situazioni, dal controcanto ironico di Ninetto, dalla precisione con cui il paesaggio - il romanico di Tuscania soprattutto - è chiamato a evocare un’atmosfera di grottesca magia (ma il vecchio difetto, il racconto bloccato da certi estetismi, la trasandatezza della recitazione in attori usati soltanto come isole decorative, Pasolini non l’ha perso).
E il resto lo fa Totò, che col suo impagabile istinto comico, servito da una mimica stavolta magistralmente controllata, riassume e affranca il film mutando un personaggio bislacco nella vivente idea dell’assurdo.
Da Corriere della Sera, 5 maggio 1966


- PASOLINI PARLA -


« Uccellacci e uccellini è stato il mio film che ho amato e continuo ad amare di più, prima di tutto perché come dissi quando uscì è "il più povero e il più bello" e poi perché è l'unico mio film che non ha deluso le attese. Collaborare con lui [con Totò] "reduce da quegli orribili film che oggi una stupida intellighenzia riscopre" fu molto bello: era un uomo buono e senza aggressività, di dolce cera. Voglio ricordare anche che oltre che un film con Totò, "Uccellacci e uccellini" è anche un film con Ninetto, attore per forza, che con quel film cominciava la sua allegra carriera. Ho amato moltissimo i due protagonisti, Totò, ricca statua di cera, e Ninetto. Non mancarono le difficoltà, quando giravamo. Ma in mezzo a tanta difficoltà, ebbi in compenso la gioia di dirigere Totò e Ninetto: uno stradivario e uno zuffoletto. Ma che bel concertino »

(Pier Paolo Pasolini a parla a proposito del film)

- PREMI -


* Festival di Cannes 1966: menzione speciale a Totò per l'interpretazione
* Nastro d'Argento 1967: "miglior soggetto originale", "miglior attore protagonista" (Totò)


- RAPPORTO AVINAPTIC -

[ Info sul file ]

Nome: Uccellacci e Uccellini.avi
Data: 30/04/2009 09:52:57
Size: 1,258,020,864 bytes (1199.742 MB)

[ Info generiche ]

Length: 01:25:00 (5099.92 s)
Tipo di contenitore: AVI OpenDML
Streams totali: 2
Tipo stream n. 0: video
Tipo stream n. 1: audio
Audio streams: 1
ISFT: VirtualDubMod 1.5.10.2 (build 2540/release)
JUNK: VirtualDubMod build 2540/release

[ Dati rilevanti ]

Resolution: ALTA (688 x 368)
Larghezza: multipla di 16 (BENE)
Altezza: multipla di 16 (BENE)
Qualità DRF medio: MEDIA (3.476760)
Qualità deviazione standard: ALTA (0.668348)
Media pesata dev. std.: ALTA (0.401289)

[ Traccia video ]

FourCC: xvid/XVID
Resolution: 688 x 368
Frame aspect ratio: 43:23 = 1.869565 (~1.85:1)
Pixel aspect ratio: 1:1 = 1
Display aspect ratio: 43:23 = 1.869565 (~1.85:1)
Framerate: 25 fps
Frames totali: 127498
Stream size: 1,129,433,122 bytes
Bitrate: 1771.687590 kbps
Qf: 0.279905
Key frames: 1044 (0; 300; 600; 900; 1200; ... 127355)
Null frames: 0
Min key int: 1
Max key int: 300
Key int medio: 122.124521
Ritardo: 0 ms

[ Traccia audio ]

Audio tag: 0x2000 (AC3)
Bitrate (contenitore): 192 kbps CBR
Canali (contenitore): 2
Frequenza (contenitore): 48000 Hz
Chunks: 127482
Stream size: 122,392,943 bytes
Preload: 224 ms
Max A/V diff: 248 ms
Initial skip: 5,999 bytes
AC-3 frames: 159358
Length: 01:24:59 (5099.456 s)
Chunk-aligned: No
Mode: stereo
Ritardo: 0 ms

[ Info sulla codifica MPEG4 ]

User data: XviD0046
Packed bitstream: No
QPel: No
GMC: No
Interlaced: No
Aspect ratio: Square pixels
Quant type: H.263
Frames totali: 127498
Drop/delay frames: 0
Frames corrotti: 0

[ Analisi DRF ]

DRF medio: 3.476760
Deviazione standard: 0.668348
DRF max: 6

Rapporto generato da AVInaptic (18-11-2007) in data 2 mag 2009, h 09:47:36

- NOTE FINALI -

Length: 86'
Languages: ITALIANO
Subtitles: INGLESE
Video Format: XVID

Visit http://www.tntvillage.scambioetico.org/

related torrents

Torrent name

health leech seeds Size
 

comments (0)

Main Menu