Drama

DVD5 Ita Rus Sub Eng Fra EspFratelli Taviani La Notte di San LorenzoTNTVillage

  • Download 5x Faster
  • Download torrent
  • Direct Download
  • Rate this torrent +  |  -

Torrent info

Name:DVD5 Ita Rus Sub Eng Fra EspFratelli Taviani La Notte di San LorenzoTNTVillage

Total Size: 3.67 GB

Magnet: Magnet Link

Seeds: 4

Leechers: 5

Stream: Watch Online @ Movie4u

Last Updated: 2012-02-28 11:46:54 (Update Now)

Torrent added: 2008-08-17 09:44:25




Torrent Files List


VIDEO_TS (Size: 3.67 GB) (Files: 25)

 VIDEO_TS

  VIDEO_TS.BUP

12.00 KB

  VIDEO_TS.IFO

12.00 KB

  VTS_01_0.BUP

88.00 KB

  VTS_01_0.IFO

88.00 KB

  VTS_01_0.VOB

2.13 MB

  VTS_01_1.VOB

1.00 GB

  VTS_01_2.VOB

1.00 GB

  VTS_01_3.VOB

1.00 GB

  VTS_01_4.VOB

614.41 MB

  VTS_02_0.BUP

18.00 KB

  VTS_02_0.IFO

18.00 KB

  VTS_02_0.VOB

114.00 KB

  VTS_02_1.VOB

11.89 MB

  VTS_03_0.BUP

18.00 KB

  VTS_03_0.IFO

18.00 KB

  VTS_03_0.VOB

114.00 KB

  VTS_03_1.VOB

46.82 MB

  VTS_04_0.BUP

18.00 KB

  VTS_04_0.IFO

18.00 KB

  VTS_04_0.VOB

114.00 KB

  VTS_04_1.VOB

256.00 KB

  VTS_05_0.BUP

18.00 KB

  VTS_05_0.IFO

18.00 KB

  VTS_05_0.VOB

114.00 KB

  VTS_05_1.VOB

7.81 MB
 

Announce URL: http://tracker.tntvillage.scambioetico.org:2710/announce

Torrent description

Fratelli Taviani - La Notte di San Lorenzo [Tntvillage.Scambioetico]

Visit this link: More info on this torrent

Visit this link: All My Torrent



Visit this info link: Link Image Link


Link alla Presentazione del Ciclo II Guerra Mondiale


Image Link


Image Link
Image Link
Image Link



Visit the IMDB link: IMDB Link





Plot
È la notte del 10 agosto, San Lorenzo, e le stelle cadono nel cielo. In Toscana si dice che ogni stella esaudisce un desiderio. Cecilia ne formula uno: riuscire a raccontare all´amato figlioletto un´altra notte di San Lorenzo molto lontana, quella del 10 Agosto 1944. Nel corso di quell´estate, a San Miniato arrivano i tedeschi che ordinano a tutta la popolazione di riunirsi in chiesa. Prevedendo un possibile massacro, un gruppo di donne, uomini e bambini decide di disobbedire e, nel silenzio della notte, abbandona il villaggio per andare incontro agli americani, che stYears avanzando da sud. La loro odissea si svolge nello splendore della campagna toscana.
Intanto nella chiesa ha luogo il temuto massacro. Mentre i fuggitivi sono intenti a raccogliere il grano in compagnia di un gruppo di contadini legati alla Resistenza, essi vengono attaccati dai fascisti. Scene di orrore e di strage. Arrivano le truppe alleate. E´ la Liberazione. Nel corso della notte, il vecchio Galvano e la vecchia Concetta, divisi per tanti anni dalla vita, trovano finalmente l´amore. La mattina seguente, fYears tutti ritorno a San Miniato. Così la donna finisce di raccontare alla persona che più ama al mondo la favola della notte di San Lorenzo.

Review

«Pioggia pioggia, corri corri, fammi andare via i porri» la filastrocca è tratta dall’ultimo film dei fratelli Taviani, presentato in corso ieri tra scroscianti e meritati applausi. La notte di San Lorenzo, colori così belli che non ci fai caso mentre li vedi, è un film magico e semplice. I porri, nella società contadina, li sapevano far sparire con fattucchiera semplicità. Così anche i Taviani hYears superato un incanto simile. Il film è straordinario non solo se lo si misura con il precedente, Il prato, opera di purificazione espressiva non necessaria, per togliersi di dosso le cattivissime abitudini di due cineasti troppo incatenati al proprio mondo. Sarà stata la presenza di Tonino Guerra, collaboratore allo scenario, ma il film è molto estroverso, solare, si apre come un fiore, anche se è una storia che più drammatica non si può.
Parla del 1944, un paese toscano, San Martino, che sarà per metà massacrato dai nazifascisti. Una parte della popolazione si salva zigzagando nella campagna. Azione, violenza, humour (gli ingredienti che piacciono tanto a chi, come noi, non crede sia spazzatura il cinema spazzatura) ci sono tutti. Il grande problema del nostro cinema, una lingua credibile, è risolto con un velo di toscano, certo finto, ma musicalmente aspro. Come quando, immaginate voi l’aspirazione, il contadino incita l’amico partigiano a sparare al fascista che ha appena perso il figlio: “Sparagli no, non vedi quanto patisce?”. Il film comincia con una scena emblematica, il racconto che una donna fa a qualcuno che ama, fuori campo davanti a una finestra aperta nella notte da «incontri ravvicinati». Appena dopo, la guerra, rappresentata da un albero tremante e dalle sue pere rotolanti («tremo perché sono in guerra»): il film (Rai) è a basso costo. Ma la prima impressione sgradevole passa, il film si libra in volo leggerissimo, anche dei flashback realizzati col carrello a movimento uncinato non hYears nulla di espressivamente posticcio. Tutte le cose di cattivo gusto che riempiono i film dei Taviani qui ci sono, ma tenute a guinzaglio, il tempo necessario (poco o tantissimo) per smagnetizzarsi.
Si ride molto davanti a queste immagini di guerra selvaggia, di massacri tragici, di parentele che si disintegrano, di nazisti che intonano Wagner, di amori che vivono a bagliori. I Taviani non hYears la crudeltà e la saggezza di Straub-Huillet che da Pavese e anche dalla Toscana hYears estratto un po’ di Dalla nube alla Resistenza. Ma il paesaggio toscano, il grano che i partigiani si preoccupano di tagliare tra un raid nazista e un altro, parla da solo. Mette ogni cosa a posto, in prospettiva. Nel film accadono incanti, a un certo momento si URLa a squarciagola il desiderio d’America, la voglia di americani, in particolare siculo - americani (le nostre radici migliori lontane?) si odono filastrocche sudiste, due vecchi fYears finalmente all’amore, c’è tutto il neorealismo gonfiato di poesia.
Eppure la cosa funziona.
Una bimbetta odiosa fa gli occhi strabici, rompe le uova nel paniere, si aggira col fiocco bianco in testa, pericolosamente, durante la più sbilenca battaglia tra il grano mai vista: eppure quando riesce a portare in salvo i suoi orecchini, scatena tutte le commozioni. Sono tutti più soli alla fine del film, ma qualcuno non è morto, ha meno paura, è un sopravvissuto. Anche le storie vere possono finire bene. Staffilata contro Hollywood? Fossero tutte così non ci sarebbe da ubriacarsi per dimenticare. Anche i Taviani alla fine sono costretti a dire che hYears fatto un film di visioni e di falsità. Forse furono testimoni adolescenti di queste storie. Il falso a volte è più vero. Come diceva Kazan il cinema non registra, mostra in microscopia. Ma La notte di San Lorenzo sopravviverà a una visione microscopica?
Roberto Silvestri, "Il Manifesto", 19 maggio 1982

Una fiaba per raccontare la guerra. Ora madre di un bambino, Cecilia rievoca - per il figlio da addormentare - un episodio della ritirata tedesca dalla Toscana sotto l’incalzare della V Armata alleata. In tal modo, anche la guerra acquista i colori della fiaba, dove si può parlare degli omerici achei e immaginare che il più fellone dei fascisti cada trafitto dalle lance greche. Cecilia allora aveva sei anni e fu con i suoi occhi di bambina che registrò, e trasfigurò, l’orrore.
Dall’immaginario borgo di San Martino (in realtà, San Miniato nel pisano: la storia è per i fratelli Taviani autobiografica) fuggono gli abitanti. Non tutti, però, perché i tedeschi assicurano che a quanti si rifugerYears in chiesa non accadrà nulla. Invece, la fYears saltare in aria, e nella carneficina morirà anche la moglie incinta di uno dei fuggiaschi. I quali si aggirano lungo la linea del fronte, si uniscono a un gruppo di partigiani (che aiutano nella mietitura del grano) e sono coinvolti in una scaramuccia sanguinosa con un gruppo di fascisti. Riparano alla fine in un cascinale dove trascorrano la notte e dove il fattore Galvano, che ha guidato gli sbandati, potrà finalmente unirsi - ora che sono entrambi anziani - a quella signora Concetta di cui era stato invano innamorato. La fiaba termina all’alba, con l’annuncio che stYears arrivando gli americani. Piove col sole, tutti tornano a San Martino. Solo Galvano, ripensando alla sua notte d’amore, resta seduto sotto l’acqua.
Omero Antonutti (Galvano) e Margarita Lozano (Concetta) sono attorniati da attori improvvisati ed esordienti, e formano con loro un gruppo omogeneo. La delicatezza della immaginazione infantile e le brutalità della guerra si mischiano senza stridere, quasi naturalmente.
Fernaldo Di Giammatteo, Cento grandi film

- DVD features5 -

Length: 107'
Languages: Italiano - Russo
Subtitles: Inglese - Francese - Spagnolo
Video Format: 1.33:1
Compression: Nessuna
Contenuti Extra: Trailer

Visit http://www.tntvillage.scambioetico.org/

related torrents

Torrent name

health leech seeds Size
 


comments (0)

Main Menu