Drama

DivX Ita Mp3King Of New York Abel FerraraTNTVillage

  • Download 5x Faster
  • Download torrent
  • Direct Download
  • Rate this torrent +  |  -
DivX Ita Mp3King Of New York Abel FerraraTNTVillage

Anonymous and Direct Download 300GB+ free


Torrent info

Name:DivX Ita Mp3King Of New York Abel FerraraTNTVillage

Total Size: 702.54 MB

Magnet: Magnet Link

Seeds: 8

Leechers: 5

Stream: Watch Online @ Movie4u

Last Updated: 0000-00-00 00:00:00 (Update Now)

Torrent added: 2008-08-15 15:39:20




Torrent Files List


Abel Ferrara - King Of New York.avi (Size: 702.54 MB) (Files: 1)

 Abel Ferrara - King Of New York.avi

702.54 MB
 

Announce URL: http://tracker.tntvillage.scambioetico.org:2710/announce

Torrent description

King of New York [Tntvillage.Scambioetico]

Visit this link: More info on this torrent

Visit this link: All My Torrent

Visit this info link: Link Image Link

LINK alla Presentazione e a tutte le Releases del Ciclo "Mafia"


Image Link

[font=Arial]Il gruppo SPG è lieto di presentarVi:[/font]


ABEL FERRARA


KING OF NEW YORK

Image Link


Image Link
Visit the IMDB link: IMDB Link



SINOSSI

Questa è la storia di un uomo solo. E’ una storia violenta, oscura e notturna. L’uomo in questione si chiama Frank White ed è un gangster. Frank è appena uscito di prigione, ha scontato senza fiatare quanto c’era da scontare, per il sistema giudiziario ha reso alla comunità quanto doveva. Adesso è un uomo libero. Ma la prigione lo ha cambiato, "Ho perso del tempo, mi è sfuggito di mano". E adesso Frank è in cerca di redenzione. Riuscire a finanziare un ospedale nel Bronx, per esempio.




Review

Questo moderno e malinconico Robin Hood deve il suo volto al magnifico Cristopher Walken, contratto e accigliato, delicato e discreto, gelido e sanguigno allo stesso tempo. Walken - premio Oscar per Il Cacciatore di Michael Cimino - ci regala una delle sue migliore interpretazioni, algido quanto basta da ricordare il collega meno sottovalutato Jeremy Irons.
Frank White è una variabile anomala nella notte di New York. Ma potrebbe essere una variabile anomala nella sua stessa vita. E’ l’unico bianco in una gang di afroamericani, si scontra con i suoi ex soci spezzando le antiche alleanze, elimina portoricani e cinesi che non si sottomettono alla sua nuova legge. Frank mira a diventare sul serio il re di New York, a porre sotto il raziocinio della droga una città che ha fatto dell’incatalogabilità la sua caratteristica d’eccellenza.
Frank non è certo un angelo, né un cuore d’oro. E’ un uomo. Il che non è certo una situazione facile, tantomeno priva di contraddizioni. Tuttavia il suo comportamento, che in un primo momento potrebbe non sembrare chiaro, in relatà è comprensibile. Redenzione. Frank sta tentando di espiare colpe che vYears ben aldilà dell’essere un narcotrafficante. Volutamente Ferrara non fa parola degli eventi che hYears cambiato Frank durante la sua detenzione. Questo non importa. Ferrara non cerca moventi, né cognizione di causa. Ci affoga metodicamente negli occhi di Walken, ci spinge tra le braccia di quest’uomo senza scrupoli che si batte per una causa ammirevole.
La domanda si insinua spontanea: può dal Male germogliare il Bene? Il Male, alla fine, paga? Esiste davvero una teoria etica valida ed applicabile con coerenza?
(In realtà sono tre le domande)
Ferrara se lo sta domandando da almeno vent’anni. Ma non da ancora cenno di aver trovato una risposta adeguata. Frank non sembra l’eroe che tutti si aspettano. In fondo lui è un gangster: non è suo compito esserlo. Ma non lo sono nemmeno i due detective che tentano di fermare la sua ascesa. Il regista è bravissimo a moderarsi - anche se Ferrara non è certo tipo da mezze misure, a non forzare i punti di vista. Frank è sì il perno del film ma Ferrara non lo ostenta, dà spazio a Jimmy Jump (Lawrence Fishburne) - all’attore e al personaggio -, ai detective Thomas Flanigan (Wesley Snipes) e Dennis Gilley (David Caruso), dipingendone etica professionale e intimità emozionali; nonchè alla splendida Jennifer (Janet Julian), avvocato e amante di Frank, descrivendo bene il rapporto difficile col protagonista.
Da una storia così violenta ci si sarebbe aspettato una considerazione scadente della vita umana. Al contrario, Frank non è un personaggio che trae ispirazione dal sadismo, né è da considerarsi un giustiziere della notte che vive di fanatismo, né ancora è accecato dalla vendetta. Si potrebbe dire che implode invece di esplodere. Ricorda piuttosto un cavaliere defraudato, che al ritorno dalle Crociate - anche queste sono espiazioni - non ritrova più lo stesso luogo natale. Ma è l’uomo ad essere cambiato.
La scalata al potere di Frank è un tuffo nel sangue. Frank uccide i siculo-americani - i suoi ex soci - che si sono arricchiti mentre lui era in carcere. Viene tradito da un sottoposto che lo vende agli sbirri. Non esita a punire con la morte. La sua presenza, pur rimanendo sempre discreta e silenziosa, è un’ombra che muove i fili dei personaggi e delle loro vite. Ancora una volta merita una lode l’interpretazione di Walken, mai invadente e di una eloquenza che non lascia spazio a fraintendimenti, e all’ottima performance di Ferrara, il quale, in coppia col fido sceneggiatore Nicholas St. John, non esita a ricorrere a soluzioni estreme e rischiose. Da ricordare la violenta scena della sparatoria in cui perdono la vita Jimmy e il detective Flanigan: in una scena cruciale che potrebbe anticipare il classico scontro finale gangsteristico, Ferrara fa sparire dalla scena il protagonista - anche se in ogni caso Fishburne la ruba a Walken in almeno un paio di occasioni. Se questo non è lavorare per sottrazione.
Ma per Frank la redenzione rimarrà un sogno. Le parabole gangsteristiche ce l’hYears insegnato. Promessa: un epilogo sanguinoso. La fine di Frank non rappresenterà un’eccezione. Ma è giusto ammettere che Ferrara riesce a farci odiare questa (pseudo)giustizia, che sia divina o meramente umana. La morte di Frank White, romantico della notte violenta e solitaria, è un dolore per lo spettatore.
Grazie ad un ottimo casting, il film - paragonato spesso a pellicole come Scarface, Carlito’s Way, perfino a Il Padrino - riesce a non cadere nei clichè del genere. Se volessimo sviluppare un paragone, potremmo dire che dove Scarface era rabbioso, King of New York è crudele, dove il primo era sfacciato, il secondo affilato e sottile. Ancora, un confronto tra i due cattivi Walken e Fishburne: il primo è freddo, cerebrale, distaccato ed elegante; il secondo, nero, animalesco, in una performance molto "ritmata".
Un film di genere che valica ogni limite, sconfina e non teme la contaminazione col noir o col dramma, opera di un regista che - si perdoni l’espressione - continua a fregarsene dei dogmi hollywoodiani. Meno male.



SCREENSHOTS

Image Link

Specifications:

Gspot v2.70a Report!
========================================

--- Informazioni sul File ---

Title:KING OF NEW YORK.avi
Dimensione File (in bytes):736,661,504
Durata(hh:mm:ss):1:38:54
Numero di tracce Audio :1

Tipo di Codec:DX50
Nome Codec Video:DivX 5.0.2
Video Codec Status:Codec(s) are Installed
Numero Frame:148330
Larghezza Frame(pixels):640
Altezza frame(pixels):368
Display Aspect Ratio ("DAR"):1.739
FPS:25.000
Video Bitrate (kbps):855
QF:0.145

--- Informazioni Audio Traccia 1---

Codec audio:0x0055 MPEG-1 Layer 3
Stato:Codec(s) are Installed
Freq.audio (Hz):44100
Bitrate(kbps):128
Tipo:CBR
Canali:2
NOTE:

Audio = Italiano Mp3
Sottotitoli = Nessuno


Visit http://www.tntvillage.scambioetico.org/

related torrents

Torrent name

health leech seeds Size
 


comments (0)

Main Menu