Rock

[tntvillage org] [mp3 320] Timoria Discografia

  • Download 5x Faster
  • Download torrent
  • Direct Download
  • Rate this torrent +  |  -
[tntvillage org] [mp3 320] Timoria Discografia

Anonymous and Direct Download 300GB+ free


Torrent info

Name:[tntvillage org] [mp3 320] Timoria Discografia

Total Size: 1.64 GB

Magnet: Magnet Link

Seeds: 24

Leechers: 8

Stream: Watch Online @ Movie4u

Last Updated: 0000-00-00 00:00:00 (Update Now)

Torrent added: 2009-08-30 06:31:29




Torrent Files List


1999 (Size: 1.63 GB) (Files: 190)

 1999

  01 Deserto.mp3

8.41 MB

  02 Ora e per sempre.mp3

9.80 MB

  03 E' così facile.mp3

9.27 MB

  04 Un volo splendido.mp3

9.63 MB

  05 B. Bl. Blu. II.mp3

2.88 MB

  06 Genova.mp3

10.68 MB

  07 Ora che sono qui.mp3

8.93 MB

  08 Profondo blu.mp3

10.32 MB

  09 Dove nessuno.mp3

9.62 MB

  10 In The Ghetto.mp3

10.47 MB

  11 Il maestro.mp3

6.28 MB

  12 L'amore è un drago dormiente.mp3

11.72 MB

 2020 SpeedBall

  01 Intro.mp3

1.70 MB

  02 20_20.mp3

7.06 MB

  03 Brain Machine.mp3

3.23 MB

  04 Senza far rumore.mp3

11.37 MB

  05 Speedball.mp3

8.25 MB

  07 Sud America.mp3

6.18 MB

  08 Weekend.mp3

4.80 MB

  09 Duna Connection.mp3

1.49 MB

  10 Europa 3.mp3

13.27 MB

  11 Mi manca l'aria.mp3

8.37 MB

  12 Via Padana superiore.mp3

6.18 MB

  13 No Money No Love.mp3

4.37 MB

  14 Guru.mp3

10.31 MB

  15 Boccadoro.mp3

9.86 MB

  16 Fare i duri costa caro.mp3

2.65 MB

  17 Fino in fondo.mp3

13.78 MB

 Colori che esplodono

  01 Sogno Americano.mp3

9.02 MB

  02 Forse un giorno....mp3

7.52 MB

  03 Milano (non è l'America).mp3

9.28 MB

  04 Confine.mp3

9.14 MB

  05 Walking My Way.mp3

8.96 MB

  06 Colori Che Esplodono.mp3

8.16 MB

  07 Non Sei Più Tu.mp3

8.01 MB

  08 Vecchio Professore.mp3

7.04 MB

  09 Siempre Nacer.mp3

10.34 MB

  10 Io non ho.mp3

10.51 MB

  11 Hey Giò.mp3

9.33 MB

  12 Rincorro Pensieri.mp3

6.75 MB

 El Topo Grand Hotel

  01 Sole spento.mp3

9.89 MB

  02 Cielo immenso.mp3

9.17 MB

  03 Mandami un messaggio.mp3

7.38 MB

  04 Vincent Gallo blues.mp3

11.79 MB

  05 Joe (part 2).mp3

10.49 MB

  06 Supermarket.mp3

6.93 MB

  07 Neve.mp3

5.24 MB

  08 1971 (live in Amsterdam).mp3

8.98 MB

  09 Magico.mp3

7.78 MB

  10 Ferlinghetti blues.mp3

6.02 MB

  11 Sunday.mp3

7.59 MB

  12 Valentine.mp3

4.52 MB

  13 Febbre.mp3

9.06 MB

  14 Strumenticomexico.mp3

1.59 MB

  15 Mexico.mp3

10.32 MB

  16 El topo grand hotel.mp3

11.81 MB

  17 Mork.mp3

15.18 MB

  18 Alba fragile.mp3

11.23 MB

  19 Cielo immenso 2.mp3

9.96 MB

 Eta Beta

  01 Sono Qui.mp3

8.21 MB

  02 Faccia da Rock Star.mp3

6.80 MB

  03 Fioriscono.mp3

9.90 MB

  04 Vola Piano.mp3

12.04 MB

  05 L'isola del Tempo.mp3

6.61 MB

  06 Bella Bambola.mp3

6.49 MB

  07 Sudeuropa.mp3

5.07 MB

  08 Dubeuropa.mp3

2.97 MB

  09 Europanic.mp3

9.17 MB

  10 Il Giardino di Daria.mp3

11.24 MB

  11 Alleluja.mp3

9.98 MB

  12 Zobie la Mouche.mp3

8.11 MB

  13 Cerco di Te.mp3

11.71 MB

  14 ...Stappo....mp3

16.37 MB

 Live - Generazione senza vento

  1

   01 Intro domo.mp3

3.64 MB

   02 Mandami un messaggio.mp3

7.76 MB

   03 Un altro giorno (senza te).mp3

10.39 MB

   04 Joe (part 2).mp3

13.06 MB

   05 Fresco.mp3

13.18 MB

   06 Sole spento.mp3

14.54 MB

   07 Valentine.mp3

4.41 MB

   08 Europanic.mp3

11.93 MB

   09 Casamia.mp3

11.86 MB

   10 Mexico.mp3

10.19 MB

   11 Un volo splendido.mp3

10.11 MB

   12 Via Padania Superiore.mp3

9.63 MB

   13 Frankenstein.mp3

9.30 MB

   14 Cielo immenso.mp3

18.67 MB

   15 Uomo nudo Blues.mp3

17.45 MB

  2

   01 Treno magico.mp3

13.91 MB

   02 1971 (live in Amsterdam).mp3

12.49 MB

   03 Senza Vento.mp3

10.93 MB

   04 E' così facile.mp3

10.60 MB

   05 Mork.mp3

10.11 MB

   06 Brain Machine.mp3

3.58 MB

   07 Non è divertente.mp3

8.57 MB

   08 Vincent Gallo blues.mp3

6.27 MB

   09 Mr. Run.mp3

7.24 MB

   10 Jugendflucht.mp3

6.38 MB

   11 Sacrificio.mp3

17.07 MB

   12 Supermarket.mp3

7.38 MB

   13 Sangue impazzito.mp3

19.91 MB

   14 Atti di bellezza funk.mp3

4.28 MB

   15 Mi manca l'aria.mp3

15.64 MB

   16 Bella bambola.mp3

16.99 MB

 Macchine e dollari

  01 - Macchine e dollari.mp3

6.26 MB

  02 - Tradito.mp3

6.17 MB

  03 - Ma perchè non mi vuoi.mp3

5.22 MB

  04 - Promesse.mp3

5.69 MB

 Ritmo e dolore

  01 Nata dal cuore.mp3

6.72 MB

  02 Jugendflucht.mp3

6.36 MB

  03 Albero.mp3

11.17 MB

  04 Ritmo e dolore.mp3

10.25 MB

  05 L'uomo che ride.mp3

8.71 MB

  06 ...Non tornerà mai più.mp3

6.72 MB

  07 Message for you.mp3

9.12 MB

  08 Brucia con me.mp3

7.66 MB

  09 Baby killer.mp3

16.80 MB

  10 Gloria fluxa est.mp3

8.64 MB

  11 La nave.mp3

4.63 MB

  12 Troppo tardi.mp3

9.11 MB

 Senza tempo

  01 Cuore mio.mp3

11.51 MB

  02 Senza vento (live).mp3

11.51 MB

  03 L'uomo che ride.mp3

8.67 MB

  04 Sud Europa (radio cut).mp3

7.66 MB

  05 Verso oriente.mp3

11.00 MB

  06 Europa 3 (live).mp3

14.30 MB

  07 Lasciami in down.mp3

7.10 MB

  08 Tradito.mp3

8.96 MB

  09 Io vagabondo.mp3

9.72 MB

  10 Sacrificio.mp3

10.88 MB

  11 Walking my way (remix).mp3

12.91 MB

  12 Via Padania Superiore (live).mp3

8.46 MB

  13 Terra senza eroi.mp3

8.86 MB

  14 Bella bambola.mp3

6.21 MB

  15 Ritmo e dolore.mp3

10.25 MB

  16 Pugni chiusi.mp3

5.78 MB

  17 Mi manca l'aria (live).mp3

7.93 MB

  18 2020 (live).mp3

6.24 MB

 Storie per vivere

  01 Non siamo solo noi.mp3

12.50 MB

  02 Storie per sopravvivere.mp3

10.09 MB

  03 Atti osceni.mp3

6.78 MB

  04 Nel nome dell'arte.mp3

9.52 MB

  05 Nessuno sa perché.mp3

9.87 MB

  06 Accontentarsi mai.mp3

7.60 MB

  07 Ora vai.mp3

12.22 MB

  08 Non ti fermare mai.mp3

9.35 MB

  09 Sacrificio.mp3

10.95 MB

  10 Amico mio.mp3

8.40 MB

  11 Reprise.mp3

1.68 MB

  12 Fiore di ghiaccio.mp3

11.42 MB

  13 Male non farà.mp3

13.69 MB

 Un Aldo qualunque sul treno magico

  01 Casa mia.mp3

8.80 MB

  02 Non è divertente.mp3

8.14 MB

  03 To Love Somebody.mp3

8.03 MB

  04 Fresco.mp3

13.70 MB

  05 Il mare nella strada.mp3

7.77 MB

  06 Mr. Run.mp3

6.15 MB

  07 Atomic lovers.mp3

9.14 MB

  08 Lulu.mp3

9.71 MB

  09 Caimano.mp3

366.64 KB

  10 Un altro giorno (senza te).mp3

9.71 MB

  11 Helena song.mp3

5.80 MB

  12 Vivo alla giornata.mp3

12.93 MB

  13 Alfafunk.mp3

7.36 MB

  14 Mark.mp3

592.15 KB

  15 Ciccintro.mp3

1.03 MB

  16 Symbolum 77.mp3

6.38 MB

  17 L'attesa.mp3

3.35 MB

  18 Treno magico.mp3

10.72 MB

 Viaggio senza vento

  01 Senza vento.mp3

8.23 MB

  02 Joe.mp3

2.00 MB

  03 Sangue impazzito.mp3

10.58 MB

  04 Lasciami in Down.mp3

6.94 MB

  05 Il guardiano di cani.mp3

9.75 MB

  06 La cura giusta.mp3

11.08 MB

  07 La fuga.mp3

9.58 MB

  08 Verso Oriente.mp3

12.77 MB

  09 Lombardia.mp3

8.86 MB

  10 Campo dei fiori Jazz Band.mp3

2.14 MB

  11 Freedom.mp3

5.85 MB

  12 Il mercante dei sogni.mp3

8.56 MB

  13 La città del Sole.mp3

7.10 MB

  14 La città della guerra.mp3

3.53 MB

  15 Piove.mp3

9.89 MB

  16 Il sogno.mp3

8.02 MB

  17 Come serpenti in amore.mp3

9.45 MB

  18 Frankenstein.mp3

7.60 MB

  19 La città di Eva.mp3

12.40 MB

  20 Freiheit.mp3

3.81 MB

  21 Il guerriero.mp3

9.11 MB
 

Announce URL: http://tracker.tntvillage.scambioetico.org:2710/announce

Torrent description

[SIZE=12][color=blue]Timoria - Discografia[/SIZE][/color]

[tntvillage org] [mp3 320] Timoria   Discografia preview 0

Il gruppo capitanato da Omar Pedrini ha avuto come cantante Francesco Renga, che ha iniziato una fortunata carriera da solista dopo la dolorosa frattura col gruppo nel 1998, quando è stato sostituito da Sasha Torrisi.
Nel 1987 pubblicano il loro primo singolo Signor nò. Un anno dopo il primo disco "Macchine e Dollari" che li lancia nel panorama rock italiano.
Il successo si concretizza nel 1990 col disco "Colori che Esplodono".
Nel 1991 sono al Festival di Sanremo con L'uomo che ride, vincitore del Premio della Critica. La canzone sarà presente nel disco "Ritmo e Dolore" dello stesso anno.
Il 1992 per i Timoria è stato un anno importante: Ligabue li ha scelti come guest star per tutto il suo tour e ha composto la canzone "Male Non Farà" che, interpretata dai Timoria, sarà presente nel disco dello stesso anno "Storie Per Vivere". Il brano di apertura dell'album, "Non Siamo Solo Noi", è un omaggio al grande Freddie Mercury.
Nel 1993 esce Senza vento, che ottiene un buon successo, come anche l'album Viaggio senza vento in cui, tra gli altri, c'è come ospite Eugenio Finardi che interpreta la ballata "Verso Oriente".
Nel 1995 esce 2020 SpeedBall e nel 1997 Etabeta.
Nel 1998 Francesco Renga si separa dal gruppo per intraprendere la carriera solista, a lui subentrano Pippo Ummarino alle percussioni e Sasha Torrisi come chitarrista e vocalist del gruppo. Omar e gli altri omaggiano il pubblico con una raccolta dal titolo "Senzatempo" che comprende due inediti, "Cuore Mio" e "Terra Senza Eroi", una nuova versione di "Verso Oriente" senza Eugenio Finardi e diversi live tratti dal tour del 1995 registrati al Rolling Stone di Milano.
Nel 1999 esce Timoriaopenart 1999 a testimonianza del filo che lega questi artisti al mondo dell'arte, intesa in tutti i sensi possibili, non solo quello musicale. Pensato e arrangiato a "Lodolandia", questo album segna l'inizio della collaborazione con il noto artista contemporaneo Marco Lodola, che ha anche realizzato una scultura ad hoc per la copertina dell'album.
Nel 2001 esce il singolo Sole spento che traina l'album di successo El Topo Grand Hotel, nel disco è ospitato anche J-Ax degli Articolo31, nella canzone Mexico; nel 2002 la band si presenta nuovamente a Sanremo con il brano Casa mia.
Poco dopo il gruppo decide di prendersi una pausa e viene congelato, si dice, per un periodo di cinque anni. Vogliono regalare ai fan un doppio cd live nel 2003 dal titolo "Timoria Live - Generazione Senza Vento", registrato all'Alcatraz e al Leoncavallo di Milano.
Alcuni componenti dello storico gruppo, precisamente Diego Galeri e Carlo Alberto 'Illorca' Pellegrini, formano insieme ad altri musicisti, Killa ex chitarrista degli Alligator Jack, e Jack, cantante alla prima esperienza in una band sotto contratto, il gruppo Miura realizzando immediatamente un album dal titolo In Testa.
Omar Pedrini, leader carismatico del gruppo, intraprende invece la carriera solista, già sperimentata nel 1996 con l'album Beatnik - Il ragazzo tatuato di Birkenhead, proseguita nel 2004 alla realizzazione di Vidomàr che include anche il singolo Lavoro inutile con il quale ha partecipato all'edizione 2004 del Festival di Sanremo, vincendo il premio assegnato dai giornalisti per il miglior testo, e giunta nel 2006 col disco "Pane Burro e Medicine" con la canzone Schock, brano che Omar ha scritto dopo la sua degenza in ospedale. Appassionato di musica e arte, è direttore del BresciaMusicArt dal 1997, mentre nel 2001 ha pubblicato per Stampa Alternativa il libro di poesie dal titolo Acqua d’amore ai fiori gialli. Ricordiamo la sua apparizione al cinema nelle vesti di "Don Luigi", nel film Un Aldo qualunque, per il quale ha curato assieme ai Timoria anche la colonna sonora.


[color=green]:::->Cover<-:::[/color]

[tntvillage org] [mp3 320] Timoria   Discografia preview 1

[color=green]:::->Dati Album<-:::[/color]
Titolo: Macchine e dollari
Anno: 1988

[color=green]:::->Tracklist<-:::[/color]

01. Macchine e dollari
02. Tradito
03. Ma perché non mi vuoi?
04. Promesse

[color=green]:::->Recensione<-:::[/color]

[color=red]Il primo disco dei Timoria, grazie al quale ottennero visibilità a livello nazionale.[/color]

[color=green]:::->Dati Tecnici<-:::[/color]
[color=red]mp3 256 kbps vbr[/color]


[color=green]:::->Cover<-:::[/color]

[tntvillage org] [mp3 320] Timoria   Discografia preview 2

[color=green]:::->Dati Album<-:::[/color]
Titolo: Colori che esplodono
Anno: 1990

[color=green]:::->Tracklist<-:::[/color]

01. Sogno americano
02. Forse un giorno
03. Milano (non è l'America)
04. Confine
05. Walking my way
06. Colori che esplodono
07. Non sei più tu
08. Vecchio professore
09. Siempre Nacer
10. Io non ho
11. Hey Gio'
12. Rincorro pensieri

[color=green]:::->Recensione<-:::[/color]

[color=red]Arte a 360 gradi. È questo il manifesto dei Timoria.
Dopo il mini-lp chiamato “Macchine e dollari”, “Colori che esplodono” è il primo album dei Timoria ed è anche la prima pietra miliare di un percorso che li porterà a suonare sui palchi di mezza Italia, a scrivere intere pagine della storia del rock italiano e a mescolare la musica con il cinema, la poesia e le arti figurative. Un percorso che canzone dopo canzone porterà la creazione di quel gioco chiamato Timoria i cui contenuti, fortemente carichi di simbolismo si intrecceranno sempre di più, arrivando a tratteggiare un’opera ultradecennale in cui ogni pagina è poesia in musica.

"Colori che esplodono è il grido della nostra generazione
contraria al confine prudente di vecchi professori
con il sorriso ipocrita che spacciano il sogno americano.
I sogni non bastano! Noi non abbiamo!
Camminando le nostre idee, per nascere ancora, forse un giorno senza
più dei dedichiamo questo lavoro a tutti i Giò di oggi e domani."

Il disco viene prodotto da Gianni Maroccolo, figura storica del rock italiano, fondatore di Litfiba, CCCP, CSI e PGR. Appaiono inoltre Antonio Aiazzi, Francesco Magnelli e Giorgio Canali, con i quali Maroccolo dividerà più volte il palco nel corso della sua florida carriera.
Nel libretto interno i Timoria si firmano “International Pop Group”, come gli Area di Demetrio Stratos. È un altro riferimento al grande cantante: infatti nel 1989, ovvero nel decennale della scomparsa, i Timoria avevano registrato la cover del brano dei suoi Ribelli “Pugni chiusi”, un personale omaggio del gruppo a Demetrio, il “maestro della voce”.
L’album sebbene sia fortemente influenzato dalla new wave e in generale riveli reminiscenze degli anni 80 ha un sound già fortemente orientato verso il rock degli anni 90. Ampio spazio è lasciato alle tastiere: dal pianoforte ai campionamenti passando per l’organo Hammond.
Le dodici tracce portano tutte la firma di Omar Pedrini, mentre l’interpretazione vocale è affidata a Francesco Renga. Gli altri componenti del gruppo sono: Diego Galeri (batteria), Carlo Alberto Pellegrini (basso) ed Enrico Ghedi (tastiere).

Tra le tante tematiche del disco, salta subito all’occhio leggendo i testi quella del “Sogno americano”, di cui sono ambasciatrici la prima, omonima, traccia e il pezzo “Milano (non è l’America)”, singolo di successo. Viene affermato il rifiuto di svendersi al mercato musicale cantando in inglese, la fierezza delle proprie origini e delle ‘storie senza eroi’.
Nel finale di “Sogno Americano” la chitarra accenna un pezzo dell’inno americano, come lo suonava Jimi Hendrix con la sua stratocaster.
I toni soffusi di “Forse un giorno” e “Milano (non è l’America)” trovano ampio sfogo nei vocalizzi di Renga nel ritornello di “Milano” dove da prova (se ce ne fosse stato bisogno) della sua abilità canora.
La musica si fa più dura in “Confine” in cui i Timoria spaziano con grande versatilità da sonorità prossime al metal a musiche di atmosfera, con l’armonica di Bertrand Cantat (Noir Desire) a pennellare il finale.
“Walking my way”, altro singolo estratto dall’album inizia con un motivo corale e parla dell’artista e del processo creativo: “La poesia sai cos’è? / è il coraggio di un’idea / tu mi senti ma senza ascoltare * parli di libertà / mentre bevi il tuo caffè / e ho sei corde a casa ad aspettare”.
“Colori che esplodono”, brano da cui prende nome l’album inizia a toni smorzati, con la tastiera che crea l’atmosfera in cui la poetica di Omar Pedrini, portata ai massimi livelli dalla voce di Renga è un omaggio ai pittori Kandisky, Van Gogh e al musicista russo Mussorgsky.
La canzone è una lenta ballata fino al momento in cui la batteria entra prepotentemente: è allora a questo punto tutta la band bresciana, trascinata dall’incredibile tonalità di Renga, che esplode in un finale fragoroso e indimenticabile.

Il secondo episodio di poesia dell’album lo ritroviamo in “Siempre Nacer”, con un testo liberamente ispirato alla omonima poesia di Pablo Neruda. Qui la chitarra si fa acustica e ritorna l’armonica di Cantat a seguire le accelerazioni e i rallentamenti della musica.

In conclusione l'album è ricco di spunti e di tematiche, che verranno successivamente approfondite e riprese nella discografia dei Timoria. Rimane uno dei capisaldi della carriera del gruppo, anche se ancora leggermente acerbo, e conserva il suo significato anche a distanza di anni. Il sound ad alcuni potrà sembrare un po' datato al primo ascolto, ma se avrete la voglia di fare vostro questo disco sono certo che lo apprezzerete.
Consigliamo “Colori che esplodono” agli amanti del rock italiano, agli amanti della poesia e dell’arte e a “tutti i giò di oggi e di domani”…[/color]

Fonte: nvision.it
Autore: Cosimo

[color=green]:::->Dati Tecnici<-:::[/color]
[color=red]mp3 320 cbr[/color]


[color=green]:::->Cover<-:::[/color]

[tntvillage org] [mp3 320] Timoria   Discografia preview 3

[color=green]:::->Dati Album<-:::[/color]
Titolo: Ritmo e dolore
Anno: 1991

[color=green]:::->Tracklist<-:::[/color]

01. Nata dal cuore
02. Jugendflucht
03. Albero
04. Ritmo e dolore
05. L'uomo che ride
06. Non tornerà mai più
07. Message for you
08. Brucia con me
09. Baby killer
10. Gloria fluxa est
11. La nave
12. Troppo tardi

[color=green]:::->Recensione<-:::[/color]

[color=red]Secondo album dei Timoria, nuovamente prodotti da Gianni Maroccolo. Il disco contiene alcuni classici del repertorio dei Timoria, tra cui L'uomo che ride, che la band porta al Festival di Sanremo, aggiudicandosi il Premio della Critica, per la prima volta assegnato ad un artista in questa occasione e La Nave, in assoluto un inno tra i fan dei Timoria, specialmente quelli di vecchia data.[/color]

[color=green]:::->Dati Tecnici<-:::[/color]
[color=red]mp3 320 kbps cbr[/color]


[color=green]:::->Cover<-:::[/color]

[tntvillage org] [mp3 320] Timoria   Discografia preview 4

[color=green]:::->Dati Album<-:::[/color]
Titolo: Storie per vivere
Anno: 1992

[color=green]:::->Tracklist<-:::[/color]

01. Non siamo solo noi
02. Storie per sopravvivere
03. Atti osceni
04. Nel nome dell'arte
05. Nessuno sa perché
06. Accontentarsi mai
07. Ora vai
08. Non ti fermare mai
09. Sacrificio
10. Amico mio
11. Reprise
12. Fiore di ghiaccio
13. Male non farà

[color=green]:::->Recensione<-:::[/color]

[color=red]Terza prova discografica dei Timoria, per la prima volta prodotti da Angelo Carrara. A dire il vero è proprio il lavoro di produzione a dividere il pubblico sull'album, che (pare) Omar stesso ha definito "il miglior disco di Francesco Renga, il peggiore dei Timoria", giudizio fin troppo critico per un album che contiene gioielli come Sacrificio ed altre pietre miliari come Atti Osceni, una delle canzoni dei Timoria più amate dai fan. Storie per vivere viene successivamente ristampato con l'aggiunta di una nuova traccia, "Male non farà", scritta per i Timoria da Ligabue, per il quale la band ha aperto oltre dieci concerti del tour di "Lambrusco, coltelli, rose e popcorn".[/color]

[color=green]:::->Dati Tecnici<-:::[/color]
[color=red]mp3 320 kbps cbr[/color]


[color=green]:::->Cover<-:::[/color]

[tntvillage org] [mp3 320] Timoria   Discografia preview 5

[color=green]:::->Dati Album<-:::[/color]
Titolo: Viaggio senza vento
Anno: 1993

[color=green]:::->Tracklist<-:::[/color]

01. Senza vento
02. Joe
03. Sangue impazzito
04. Lasciami in down
05. Il guardiano di cani
06. La cura giusta
07. La fuga
08. Verso oriente
09. Lombardia
10. Campo dei fiori jazz band
11. Freedom
12. Il mercante dei sogni
13. La città del sole
14. La città della guerra
15. Piove
16. Il sogno
17. Come serpenti in amore
18. Frankenstein
19. La città di Eva
20. Freiheit
21. Il guerriero

[color=green]:::->Recensione<-:::[/color]

[color=red]Signore e signori ecco uno dei dischi migliori del rock nostrano degli anni '90 (e oltre).

Che i Timoria non fossero dei cretini lo si sapeva ma questo disco è un capolavoro. Un concept-album (soprattutto negli anni '70 i gruppi rock erano soliti, almeno una volta nella loro carriera, incidere un cosiddetto concept) sulla storia di un fantomatico Joe la cui avventura tra l'altro è raccontata all'interno del booklet.
Infatti questo lavoro dei Timoria, anche alla luce di quanto detto, è molto insolito per la storia discografica italiana. A mio giudizio pochissimi in Italia sono riusciti a produrre un disco rock di questo spessore con influenze progressive e con una spiccata vena melodica.
I testi sono veramente ispirati e la voce di Francesco Renga sappiamo essere all'altezza (peccato per la strada intrapresa ultimamente sia da lui che da Omar Pedrini). In quest'album le chitarre rendono i pezzi solidi e compatti grazie ad un Omar Pedrini in stato di grazia (oltre a lui tutto il gruppo, in occasione di questo disco, è di ottima resa).

I pezzi migliori sono l'opener Senza Vento, la stupenda ballata elettrica Sangue Impazzito, La Cura Giusta e Il Mercante Dei Sogni ma tutto il disco è eccezionale e non mi stancherò mai di ripeterlo.
Forte anche di preziose collaborazioni, come quella di Eugenio Finardi in Verso Oriente e Mauro Pagani al violino in Lombardia, questo disco è sicuramente il migliore dei Timoria, un gruppo che ha detto tanto al rock di casa nostra e che poteva ancora dire molto.

Alla faccia di chi dice che il rock in Italia non esiste (o non è esistito) e che copiamo dagli americani o dagli inglesi: certo, questo purtroppo succede (anche troppo spesso) ma generalizzare non fa mai bene perché di gente che fa della buona musica ce n'è e non bisogna necessariamente avere tantissima visibilità di pubblico.[/color]

[color=green]:::->Dati Tecnici<-:::[/color]
[color=red]mp3 320 kbps cbr[/color]


[color=green]:::->Cover<-:::[/color]

[tntvillage org] [mp3 320] Timoria   Discografia preview 6

[color=green]:::->Dati Album<-:::[/color]
Titolo: 2020 Speedball
Anno: 1995

[color=green]:::->Tracklist<-:::[/color]

01. Intro
02. 2020
03. Brain Machine
04. Senza far rumore
05. Speed Ball
06. Dancin' Queen
07. Sudamerica
08. Week End
09. Duna Connection
10. Europa 3
11. Mi manca l'aria
12. Via padana superiore
13. No money, no love
14. Guru
15. Boccadoro
16. Fare i duri costa caro
17. Fino in fondo

[color=green]:::->Recensione<-:::[/color]

[color=red]Nel 1995 il rock italiano era più vivo che mai, grazie a gente come Ligabue e Vasco Rossi ma anche e soprattutto grazie a Litfiba, Negrita, Afterhours, Marlene Kuntz, C. S. I. (scusate se ho tralasciato altri gruppi). E naturalmente Timoria.
A 2 anni di distanza dal bellissimo "Viaggio Senza Vento" il gruppo (con Renga alla voce, Pedrini alle chitarre, Illorca al basso, Ghedi alle tastiere e Galeri alla batteria) pubblica quest'album che vira verso un rock elettrico influenzato da sonorità metal.

L'album si apre, dopo una bizzarra intro, con una delle title-track "2020" che fa già capire cosa ci troviamo davanti con il suo riff granitico e pesante e un testo contro l'amore virtuale. Dopo il riempitivo "Brain Machine" eccoci di fronte a uno dei migliori pezzi della storia dei Timoria, la bellissima ballata "Senza Far Rumore" con degli arpeggi bellissimi e un finale in crescendo che culmina con uno stupendo assolo. Segue la seconda title-track "Speed Ball" molto simile alla prima per sonorità. Un altro bellissimo brano è "Dancin' Queen" che mescola metal, dance, percussioni world-music e un cantato simile al rap. Seguono "Sudamerica" e "Weekend", 2 canzoni nel puro stile Timoria e si arriva alla parte centrale dell'album dove si susseguono un capolavoro dietro l'altro. Dopo la divagazione latina inutile di "Duna Connection" parte "Europa 3" iniziando alla "Shine On You Crazy Diamond", continuando come ballata e finendo alla Pantera. Segue il quasi death-metal di "Mi Manca l'Aria" con un canto in growl e l'altra ballatona "Via Padana Superiore" cantata da Pedrini. Dopo un altro inutile riempitivo ("No Money, No Love") arriva "Guru" che si segnala per l'intro orientaleggiante, sonorità e riff pesantissimi e il miglior assolo del disco. Nel finale "Boccadoro", in cui prevalgono le chitarre acustiche, l'ennessimo riempitivo "Fare i Duri Costa Caro" e "Fino in Fondo" con un bellissimo testo non fanno che confermare quanto detto.

In definitiva un bellissimo album con delle perle assolute...[/color]

[color=green]:::->Dati Tecnici<-:::[/color]
[color=red]mp3 320 kbps cbr[/color]


[color=green]:::->Cover<-:::[/color]

[tntvillage org] [mp3 320] Timoria   Discografia preview 7

[color=green]:::->Dati Album<-:::[/color]
Titolo: Eta Beta
Anno: 1997

[color=green]:::->Tracklist<-:::[/color]

01. Sono qui
02. Faccia da rockstar
03. Fioriscono
04. Vola piano
05. L'isola del tempo
06. Bella bambola
07. Sudeuropa
08. Dubeuropa
09. Europanic
10. Il giardino di Daria
11. Alleluja
12. Zobie la mouche
13. Cerco di te
14. ...Strappo...

[color=green]:::->Recensione<-:::[/color]

[color=red]Probabilmente il disco più difficile dei Timoria, un album di rottura arrivato al culmine di un periodo che porterà la band e Francesco Renga a dividersi. Eta Beta è un ulteriore passo in avanti rispetto al sound già potente di 2020 e Viaggio senza vento. La musica dei Timoria si fa più "europea", con sperimentazioni e nuovi suoni che spaziano dal Rock al Dub. Numerose le collaborazioni, tra cui spiccano quelle con Leon Mobley, percussionista di Ben Harper, David "Fuze" Fiuczynski, virtuoso chitarrista di New York e Luca "Zulu" Persico dei 99 Posse. Alle canzoni sono spesso alternate poesie ed haiku di Omar Pedrini, Lawrence Ferlinghetti e Fausto Pirito.

Eta Beta è dedicato a Stefano Ronzani, figura fondamentale del giornalismo rock in Italia.[/color]

[color=green]:::->Dati Tecnici<-:::[/color]
[color=red]mp3 320 kbps cbr[/color]


[color=green]:::->Cover<-:::[/color]

[tntvillage org] [mp3 320] Timoria   Discografia preview 8

[color=green]:::->Dati Album<-:::[/color]
Titolo: Senzatempo - Dieci anni
Anno: 1998

[color=green]:::->Tracklist<-:::[/color]

01. Cuore mio
02. Senza vento (live)
03. L'uomo che ride
04. La nave
05. Sudeuropa (edit)
06. Verso oriente (voce Omar)
07. Europa 3 (live)
08. Lasciami in down
09. Tradito
10. Io vagabondo (cover Nomadi)
11. Sacrificio
12. Walking my way (remix)
13. Via padana superiore (live)
14. Terra senza eroi
15. Bella bambola
16. Ritmo e dolore
17. Pugni chiusi
18. Mi manca l'aria (live)
19. 2020 (live)

[color=green]:::->Recensione<-:::[/color]

[color=red]Antologia "atipica" che celebra i primi dieci anni di attività dei Timoria, contiene i due inediti "Cuore mio" e "Terra senza eroi" oltre a cover, remix e versioni alternative, tra cui spicca una inedita Verso oriente cantata unicamente da Omar. Particolarmente emozionanti gli estratti live dal concerto del Rolling Stone di Milano nel 1995, filmato anche in Timoria 1985-1995.[/color]

[color=green]:::->Dati Tecnici<-:::[/color]
[color=red]mp3 320 kbps cbr[/color]


[color=green]:::->Cover<-:::[/color]

[tntvillage org] [mp3 320] Timoria   Discografia preview 9

[color=green]:::->Dati Album<-:::[/color]
Titolo: 1999
Anno: 1999

[color=green]:::->Tracklist<-:::[/color]

01. Deserto
02. Ora e per sempre
03. È così facile
04. Un volo splendido
05. B.bl.blu. I&II
06. Genova
07. Ora che sono qui
08. Profondo blu
09. Dove nessuno (decide per te)
10. In the ghetto
11. Il maestro
12. L'amore è un drago dormiente

[color=green]:::->Recensione<-:::[/color]

[color=red]Primo disco dei Timoria con la nuova formazione di cui entrano a far parte in pianta stabile Sasha Torrisi (Chitarra e voce) e Filippo Ummarino (Percussioni).

1999 è stato arrangiato a Pavia presso Lodolandia, l'atelier di Marco Lodola, scultore e pittore pavese che firma anche il cavallo ritratto sulla copertina del disco.

1999, significa un album. 1999 significa un anno di rottura. 1999 significa l’inizio della fine.

Le parole che possiamo spendere riguardo a quest’album, triste effige di un periodo travagliato, sono parole amare e disordinate. Come dopo ogni divorzio, dopo la fine di ogni storia, quelle che si spendono sono parole confuse figlie di un momento di minor lucidità. Il processo di attribuzione delle cause e delle colpe è una distrazione inutile, non ci sono ne santi, ne vincitori, ne colpevoli, si è, in ogni caso, solamente perdenti. Si sono persi gli anni, il lavoro fatto insieme, la storia in comune, il desiderio di non essere, come gli altri, destinati a perire.

I Timoria con il loro miglior lavoro “Viaggio senza vento” erano fino a quell’anno innocuo considerati come una delle più dignitose rappresentazioni del rock italiano. Più noto alle cronache del giorno d’oggi, ma non più per amor delle note, sul finire dello scorso decennio, Francesco Renga, voce riconoscibile, potente, carica e adatta al rock asciutto dei Timoria, decide di lasciare il gruppo, in seguito alle divergenze e ai dissapori con la mente, il leader celato del gruppo, Omar Pedrini. I seguaci dei Timoria, un drappello di appassionati ristretto ma solido, videro infrangersi una squadra, che da sempre aveva dato l’idea e predicato un viaggio sulla stessa “nave”; un gruppo ancora in buona forma, come dimostrava l’ultimo lavoro “2020 speedball”.

Le mie parole a riguardo sono parole intrise di adolescenza che svilisce, di tristezza personale, di confusione nello scrivere di un divorzio, di una vicenda altrui...[/color]

[color=green]:::->Dati Tecnici<-:::[/color]
[color=red]mp3 320 kbps cbr[/color]


[color=green]:::->Cover<-:::[/color]

[tntvillage org] [mp3 320] Timoria   Discografia preview 10

[color=green]:::->Dati Album<-:::[/color]
Titolo: El Topo Grand Hotel
Anno: 2001

[color=green]:::->Tracklist<-:::[/color]

01. Sole spento
02. Cielo Immenso
03. Mandami un messaggio
04. Vincent Gallo Blues
05. Joe (Part 2)
06. Supermarket
07. Neve
08. 1971 (Live in Amsterdam)
09. Magico
10. Ferlinghetti Blues
11. Sunday
12. Valentine
13. Febbre
14. Strumenticomexico
15. Mexico
16. El Topo Grand Hotel
17. Mork
18. Alba fragile
19. Cielo immenso 2

[color=green]:::->Recensione<-:::[/color]

[color=red]Il livello culturale di un paese si evince anche dalla qualità della musica che in esso è prodotta.
Senza cadere nei troppi luoghi comuni già esistenti, è bene sottolineare come il livello culturale italiano sia mediocre e, soprattutto in questa stagione, davanti alle prime luci del nuovo millennio, lo stato del nostro genio creativo è piuttosto arido. L’omologazione, la necessità di rendere tutto funzionale alle vendite, la tirannia della superficie, troppe sono ormai le scuse addotte per nascondere una povertà di talento e di ambizione ingiustificata, sono troppi gli alibi davanti a questa eloquente crisi.

Gli economisti, sono soliti dire che “la crisi è un punto di svolta”, certo, talora negativo, ma, non meno, speranza in una nuova stagione, in una nuova ripresa, in una nuova promessa. A pensare così, è rimasto solo chi si è fatto carico di continuare un lavoro in nome di prodotti culturali di qualità e, in particolare, mi sto riferendo ad Omar Pedrini. Personaggio incerto, nascosto, leader celato di uno dei migliori gruppi rock italioti, oggi produttore, regista e divulgatore di buoni prodotti artisitci, Pedrini dall’inizio degli anni ’90, sino ad oggi, oltre a perseguire obiettivi ambiziosi con i Timoria si è molto prodigato in nome della rinascita culturale italiana, come artista, ma soprattutto, come organizzatore e direttore artistico del Brescia Music Art, apprezzato festival delle arti e della contaminazione tra discipline diverse. Si potrà essere d’accordo o meno con i concetti di contaminazione e cross-over, ma non si può che convenire sul nobile tentativo di Omar di cambiare le carte in tavola, di poter riportare alla luce certe sfumature e dare visibilità a forme d’arte vissute e viventi nella penombra.

L’uscita de El Topo Grand Hotel, segue a breve una delle stagioni più fortunate del Brescia Music Art ed è un’opera di forte contaminazione, tra stili, tempi, idee e personaggi differenti, molto attesa dai seguaci più attenti e già inutilmente supportato dalla critica come migliore disco dell’anno ancor prima della sua nascita. I “nuovi” Timoria, quelli senza Francesco Renga, giungono alla loro seconda prova dopo l’album dai toni Pop, 1999. Giungono a El Topo carichi delle suggestioni e delle idee del leader Omar Pedrini, carichi di influssi esterni al semplice mondo sonoro, con un lavoro decisamente poco conformista, un concept-album difficile, che risponde al solo volere dei propri compositori, senza altre logiche.

El Topo è un film di Jodorowski del 1971. Il disco è un omaggio a quel film (la storia di una talpa che, abbagliata dalla luce, è costretta a rifugiarsi di nuovo sottoterra), con l’aggiunta di Grand Hotel, proprio perché la storia contenuta nel disco si svolge in un albergo sotterraneo. Una metafora pessimista, come il film, una storia visionaria, allucinogena che racchiude un cross-over di generi artistici che conducono il protagonista Joe al suo destino. Un viaggio nel tempo e nella crisi, superabile solo con la fuga, il disco è fuga nell’arte del povero Joe, è scappatoia magica da una brutta società e da un brutto momento storico.

Quanto sono lontani i Timoria; in un turbine di sensazioni miste tra amarezza per l’identità perduta e ammirazione per la nuova varietà dei suoni, per le molteplici idee, per la sincerità del prodotto, per il suono classico e d’avanguardia al tempo stesso. Nel disco Omar ha coinvolto numerosi artisti: Lawrence Ferlinghetti, testamento spirituale della Beat Generation, Alejandro Jodorowsky, poeta e regista cileno, entrambi presenti con reading di loro poesie; ha accolto suggestioni di diversa provenienza, influenze beat, il mitico Mork che viene da Ork, Ugo Tognazzi e qualche vecchio blues, melodie hip-hop e Pop anglosassone, Castaneda e una ricca sezione di strumenti a completare la band. Momenti di vera tensione, di impegno (Sole spento, La Febbre) istanti più leggeri e scanzonati in un bell’equilibrio.
Il viaggio si snoda in un mondo magico, in cui ci si sente oppressi e schiacciati da un "Sole in cui senti freddo” e dalla falsità. Unico riparo da questo mondo pare il pensiero, sicuro rifugio per Joe.
Solo grazie a un "Cielo immenso" si può dimenticare almeno per un attimo la tetra realtà che torna spesso nei 19 brani dell’album (dallo splendido e malinconico blues di "Vincent Gallo" sino a "Magico"). Il viaggio continua con "Neve", un uomo solo con se stesso che si ferma a guardare la neve che rende tutto più leggero e impalpabile e guardabili anche le cose più abiette. Con "1971", resoconto di una vacanza in terra olandese e “Sunday”, canzone decisamente leggera, ma molto gradevole, si respira un solo attimo incalzati dal giro di basso. "Magico" è, poi, uno dei momenti più intensi di questo lungo percorso atemporale: il vecchio Joe ha ormai imparato a restare solo con se stesso, non si spaventa più, ormai è diventato un "guerriero di città che vive il suo momento magico". Il senso di inquietudine che certe atmosfere e certi giri armonici contribuiscono a creare ("Febbre", ad esempio, riesce a trasmettere tutta l'ansia e la preoccupazione di chi soffre e non trova appigli in nessuno, grazie all'arpeggio della chitarra e al suono avvolgente del sax, “Sole spento” porta il dolore della soffocante esperienza carceraria), non si stempera mai, la grigia società in questo disco non ha soluzioni alternative, se non la fuga di Joe oltre i propri sensi, nel magico, nell’’interiore, nell’arte, nell’altrove Messaggio anche musicale, sonoro, indirizzato ad una società malconcia in cui dovranno essere gli artisti a farsi carico della crisi creativa e culturale ed iniziare a combatterla, prima dello Stato e delle istituzioni, indirizzato ad una società in cui la musica è suonata dai DJ; ecco allora i continui rimandi agli anni ’70, agli Hippies, al Beat, alla psichedelia. C’è un gruppo che non trova spazio nel suo tempo, un male che dalla notte dei tempi colpisce gli artisti più sensibili.

Un disco innovativo, difficile, libero da forme e schemi pre-stabiliti, lontano dal facile clichè del sequel (Viaggio Senza Vento II). Una boccata d’ossigeno in un ambito di ristagno, come il palcoscenico italiano di fine ‘900. Un disco ambizioso, come lo sono le opere concepite con la passione ed il desiderio di comunicare qualcosa. Non tutto è perfetto, anzi, molte idee e accostamenti sono addirittura pessimi, un po’ banali, ma contribuiscono in qualche misura a creare un aroma unico, un album dalla identità originale, riconoscibile benchè dai confini indefiniti.

“Il nostro pianeta è diventato così brutto che non ci resta altro da fare che fuggire” disse Pedrini al momento di presentare questo album. Mi chiedo, con tutto il rispetto, Omar oggi dove sia?[/color]

[color=green]:::->Dati Tecnici<-:::[/color]
[color=red]mp3 320 kbps cbr[/color]


[color=green]:::->Cover<-:::[/color]

[tntvillage org] [mp3 320] Timoria   Discografia preview 11

[color=green]:::->Dati Album<-:::[/color]
Titolo: Un Aldo qualunque sul treno magico
Anno: 2002

[color=green]:::->Tracklist<-:::[/color]

01. Casa mia
02. Non è divertente
03. To love somebody
04. Fresco
05. Il mare nella strada
06. Mr. Run
07. Atomic Lovers
08. Lulù
09. Caimano
10. Un altro giorno (senza te)
11. Helena song
12. Vivo alla giornata
13. Alfafunk
14. Mark
15. Ciccintro
16. Symbolum 77
17. L'attesa
18. Treno Magico

[color=green]:::->Recensione<-:::[/color]

[color=red]Beat… dall’inglese “battuto”? “perdente”? oppure come suggeritoci da Kerouac abbreviazione del latino “beatus” (beato, aspirante la santità?). Forse è proprio questo “Un Aldo qualunque sul treno magico”, è un cerchio che si chiude e porta a termine la restaurazione Beat iniziata dai Timoria nel 1999. In quell’anno l’uscita di Francesco Renga dal gruppo rese l’etica e lo stile Beat, l’identificazione del santo nel perdente, caratteristiche salienti dell’opera dei Nostri. "Un Aldo Qualunque..” è quindi il punto di arrivo non intenzionale, l’epilogo di una carriera, il punto più alto della ricerca tematica e stilistica incominciata anni addietro, un concept-album non propriamente detto, che segue un filo logico, una trama ben precisa e, non a caso, è il più cinematografico tra le opere timoriane. Se mi è consentita una piccola licenza, la carriera stessa dei Timoria potrebbe considerarsi un “concept”, un viaggio speso ad indagare certi temi, valori ed ideali, in un processo di affinamento tanto profondo e scrupoloso da cambiare, infine, i connotati stilistici e sonori dello stesso gruppo. Quest’ultimo lavoro, è un viaggio che, a differenza dei precedenti (Viaggio Senza Vento e El Topo Grand Hotel), non riguarda più l’eroe puro e perdente, Joe, ma i Timoria stessi, la loro storia (Non è divertente, Casa mia, Treno Magico).

Un salto nel passato

Negli anni 1960 la Beat Generation prima, poi il movimento hippy e la contestazione studentesca, introdussero nuovi argomenti, valori e obiettivi polemici nel pensiero giovanile internazionale: la critica alla civiltà delle macchine e dei consumi, al perbenismo e alla burocrazia, al dogmatismo delle religioni e degli stati; gli ideali del pacifismo, dell'uguaglianza sociale e razziale, dell'ecologia; le utopie della vita comunitaria, del solidarismo, di una società senza denaro fondata sul baratto e sulla produzione alternativa, del viaggio e della musica come fattori di esperienza e di comunicazione. Di questo patrimonio “ideale” i Timoria furono i maggiori ereditari almeno nel panorama rock italiano degli anni 1990. Il gruppo trasse, da quella stagione “magica”, alcuni filoni tematici, che negli anni, vennero elaborati sempre con maggior perizia, divenendo presto effigie del gruppo stesso.

Le radici

In primis, mi piacerebbe sottolineare come ripiombi al centro di questo album una tematica storica, il rapporto tra generazioni diverse, che già fu cavallo di battaglia del movimento beat italiano (per esempio, Nomadi e Guccini). In questo lavoro i Timoria, che avevano già affrontato il tema in precedenza (L’Albero, Sacrificio, Senza Vento, ecc), indagano il rapporto generazionale attraverso tinte sonore e tematiche ben evidenti che sospirano, invidiano e ammirano, quella generazione, i valori che le furono propri e il “vento” che ne mosse le gesta (Il mare nella strada), temi e sonorità figli di un epoca, appunto, “migliore”, invidiata e ormai perduta.

L'arte cita se stessa

Nuovamente, fa capolino un profondo amore per la contaminazione; i Timoria vantano una interdisciplinarietà artistica raramente conquistata da altri gruppi del panorama rock nazionale. Pensiamo alle citazioni numerose e di ogni sorta: Neruda, Campana, Ferlinghetti, Calvino, Hugo, Leone, Jodorowskji, Hesse, Kerouac, Dostoevskji, Castaneda, Camus, i poeti maledetti. Ricordiamo già in Ritmo&Dolore del 1991 la poesia di Hermann Hesse “Jugendflucht” riadattata e incisa, o “L’uomo che Ride” ispirata al romanzo di Hugo, ancora da Hesse traggono spunto “Boccadoro” contenuto in 2020-Speedball e l’intero disco “Viaggio Senza Vento”, in cui si può ravvisare la medesima parabola umana presente nello splendido “Siddartha” dello scrittore tedesco. “Un Aldo qualunque..” è l’estrema conseguenza di questo amore per la contaminazione tanto che le canzoni del disco sono anche la colonna sonora dell’omonimo film di Dario Migliardi. Le musiche e i testi delle canzoni rispecchiano le atmosfere descritte nella pellicola, ambientata nella Torino degli anni '70. Il suono è debitore di molti gruppi storici e non è casuale venga ripreso un concetto in voga trent’anni fa, quello del "magic bus" (convertito in “Treno Magico”), introdotto dagli Who e poi divenuto simbolo di un'epoca.

L'illusione e il controllo

Terzo tema rievocato nell’album è la critica al mondo virtuale, tema su cui furono spese le canzoni dell’album 2020-Speedball, e sul quale i Timoria sono tornati in altre occasioni (Mandami un messaggio), denunciando il potenziale pericolo degli strumenti tecnologici, nel loro abuso, nella perdita di relazione, in un uso strumentale e non creativo dell’oggetto. Nell’album “Un Aldo Qualunque”, emerge una modernità che toglie aria e spazio al sentimento e alle cose vere, penso in particolare a canzoni come “Fresco”, “Treno magico” e ancora “Il Mare nella Strada” e “Vivo alla giornata”.

Il viaggio

Infine, il tema cardine di una carriera, il Viaggio. Due dischi, in particolare, furono imperniati attorno a questo tema: “Viaggio senza vento” del 1993 e “El topo grand hotel” del 2001. Si tratta di due album, ispirati ai concept degli anni '70, protagonista dei quali è, il già citato Joe, guerriero alla ricerca di sé stesso. Indagato dai Timoria, sempre come viaggio interiore, filosofico e non necessariamente dal punto di vista fisico e geografico, il viaggio trova qualche spazio anche nell’ultimo lavoro (pensiamo a “Fresco”, che è viaggio attraverso la malattia, a “Treno magico”, fuga dalla realtà). Un viaggio, quest’ultimo, dalle tinte autobiografiche, che vede protagonisti i Timoria stessi, la loro storia (“Casa mia” e “Non è divertente”), travagli, disagi e cambiamenti nell’arrivo a Milano, in un luogo inospitale, che segue logiche e dogmi che non si confanno certo agli animi “santi” e “perdenti”. La soluzione finale sarà la lunga fuga sul Treno magico, fuga da cui i Nostri, purtroppo, non torneranno più.

Lo stile perduto

Oltre alle suddette rivisitazioni tematiche, in questo disco, va a compimento il lavoro di archivio sviluppato negli anni, le sonorità dei brani sono totalmente mutuate dagli anni ’70, dal Beat, dal rock psichedelico e dai gruppi che prestarono servizio in quel periodo: I Camaleonti, l’Equipe 84, The Mamas & The Papas, i Bee Gees. I Timoria da questo punto di vista, si dimostrano accurati ed armonici divulgatori, dando pregevoli interpretazioni, leggermente più elettrificate e potenti, anche di grandi brani del passato. Due chicche su tutte, viene reinterpretata egregiamente la hit “To love somebody” dei Bee Gees, più che una scelta, una necessità, dato che le royalties richieste per la canzone originale avrebbero superato l’intero budget del film stesso, e Symbolum ‘77, grande classico del canzoniere oratoriano conciliato con il gusto molto seventies dell’album grazie ad una impetuosa elettrificazione.

Classici e avanguardia

Lontani dalle logiche di mercato e da quelle del facile alternativismo, quel che più si apprezza ascoltando gli ultimi Timoria è un suono classico che restituisce un album dalla piacevole atemporalità, ad un tempo avanguardia e vecchio vinile da collezione, suoni analogici e passati, vibrazioni vere e sane contrapposte alla disillusione e ad un sentimento di perdita e privazione. Si ha tra le mani un prodotto complesso, ricco di accezioni e simbolismi, che per essere compreso appieno esige la conoscenza delle fonti da cui il gruppo attinge; conoscenza che per la musica d’autore andrebbe sempre tenuta in considerazione. E’ poco assennato sparare a zero su questi signori che hanno lavorato con artigiana perizia, solo per la virata stilistica scelta e ricercata. Per chi vi scrive tale cambiamento era al tempo un approdo necessario; lo è sempre, quando viene a mancare un tassello fondamentale del quadro, meglio mischiare le carte, reinventarsi e ripartire, evitando di approssimare sterili copie di se stessi (Litfiba).
Diceva Henri Bergson: “Esistere è modificarsi. Modificarsi è maturare. Maturare è ricreare incessantemente se stessi”. Ma il dubbio è sacrosanto.[/color]

[color=green]:::->Dati Tecnici<-:::[/color]
[color=red]mp3 320 kbps cbr[/color]


[color=green]:::->Cover<-:::[/color]

[tntvillage org] [mp3 320] Timoria   Discografia preview 12

[color=green]:::->Dati Album<-:::[/color]
Titolo: Timoria Live - Generazione senza vento
Anno: 2003

[color=green]:::->Tracklist<-:::[/color]

CD 1
01. Intro domo
02. Mandami un messaggio
03. Un altro giorno (senza di te)
04. Joe (Part 2)
05. Fresco
06. Sole spento
07. Valentine
08. Europanic
09. Casa mia
10. Mexico
11. Un volo splendido
12. Via padana superiore
13. Frankenstein
14. Cielo immenso
15. Uomo nudo blues

CD 2
01. Treno magico
02. 1971 (Live in Amsterdam)
03. Senza vento
04. E' così facile
05. Mork
06. Brain machine
07. Non è divertente
08. Vincent Gallo blues
09. Mr.Run
10. Jugendflucht
11. Sacrificio
12. Supermarket
13. Sangue impazzito
14. Atti di bellezza funk
15. Mi manca l'aria
16. Bella bambola


[color=green]:::->Recensione<-:::[/color]

[color=red]Doppio album live con cui i Timoria si congedano dal pubblico prima di una pausa indefinita. Le registrazioni sono state effettuate principlamente nel corso degli ultimi due Tour dei Timoria, in particolare in occasione dell'Happening al Leoncavallo in conclusione del Topo Electrico Tour e del Treno Magico Tour.[/color]

[color=green]:::->Dati Tecnici<-:::[/color]
[color=red]mp3 320 kbps cbr[/color]


[color=green]:::->Note<-:::[/color]

Tutti rip da cd originali; mp3 lame 3.97 a 320 kbps cbr tranne "Macchine e dollari" a 256 kbps vbr

related torrents

Torrent name

health leech seeds Size
 


comments (0)

Main Menu