Documentary

Appunti per una Orestiade Africana(Pasolini)XviD Ita TNTVILLAGE SCAMBIOETICO ORG

  • Download 5x Faster
  • Download torrent
  • Direct Download
  • Rate this torrent +  |  -

Torrent info

Name:Appunti per una Orestiade Africana(Pasolini)XviD Ita TNTVILLAGE SCAMBIOETICO ORG

Total Size: 699.55 MB

Magnet: Magnet Link

Seeds: 0

Leechers: 0

Stream: Watch Online @ Movie4u

Last Updated: 2016-10-05 03:59:34 (Update Now)

Torrent added: 2008-07-01 21:36:08



VPN For Torrents

Torrent Files List


[www.tntvillage.scambioetico.org] Appunti per una Orestiade Africana.avi (Size: 699.55 MB) (Files: 1)

 [www.tntvillage.scambioetico.org] Appunti per una Orestiade Africana.avi

699.55 MB
 

tracker

leech seeds
 

Torrent description

Appunti per una Orestiade Africana(Pasolini)[XviD-Ita] TNTVILLAGE.SCAMBIOETICO.ORG

TNT Village è ora raggiungibile a questo indirizzo:

http://www.tntvillage.scambioetico.org

:::->Scheda del film<-:::

Titolo Originale: APPUNTI PER UN’ORESTIADE AFRICANA
Anno: 1970
Regia: Pier Paolo Pasolini
Soggetto: Pier Paolo Pasolini
Sceneggiatura: Pier Paolo Pasolini
Fotografia: M. Bagnato, Emore Galeassi, G. Pellone
Musica: Gato Barbieri
Produzione: IDI Cinem
Durata: 72’
B/N - Colore: b/n
Interpreti:
Distribuzione: BMG Video
Genere: documentario

:::->Trama<-:::

Desideroso di ambientare in Africa un film tratto dall’Orestiade di Eschilo, Pasolini compie alcuni sopralluoghi in Kenia, Tanganika e Uganda per poi mostrare il frutto delle sue ricerche a studenti africani in Italia.
Il restauro dell'Orestiade di Pier Paolo Pasolini, affidato al laboratorio L’Immagine Ritrovata di Bologna e che ha fatto la sua prima apparizione pubblica al Festival di Cannes proprio quest'anno, è un'operazione importantissima per la cultura italiana; un'opera da cui non si può prescindere, e che inevitabilmente aveva subìto, all'epoca della sua realizzazione, l'idiota trattamento della censura della Rai, che prima aveva commissionato il film e poi ne evitò accuratamente la trasmissione.

È il produttore e regista Gian Vittorio Baldi (possessore del negativo in 16mm da cui è stata tratta la copia in 35mm) a presentare uno degli appuntamenti più significativi di questo festival.
Il restauro dell'Orestiade di Pasolini, affidato al laboratorio L’Immagine Ritrovata di Bologna e che ha fatto la sua prima apparizione pubblica al Festival di Cannes proprio quest'anno, è un'operazione importantissima per la cultura italiana; un'opera da cui non si può prescindere, e che inevitabilmente aveva subìto, all'epoca della sua realizzazione, l'idiota trattamento della censura della Rai, che prima aveva commissionato il film e poi ne evitò accuratamente la trasmissione.
La Cineteca di Bologna è depositaria da più di un anno del Fondo Pier Paolo Pasolini, trasferito a Bologna per volontà di Laura Betti. La manifestazione presenterà anche un Dossier Pasolini, curato da Loris Lepri e Roberto Chiesi del Centro Studi – Archivio Pier Paolo Pasolini della Cineteca di Bologna, nel quale, oltre ad interviste e testimonianze di amici e collaboratori, viene ricostruito Alibech, l’episodio del Decameron che Pasolini ha girato e doppiato, ma poi tagliato per esigenze produttivodistributive.

"Era quindi una sorta di documentario, di saggio. Non lo potevo concepire che in questa forma. Ma allora a chi lo avrei destinato, se non alle poche élites politicizzate che si interessano ai problemi del Terzo Mondo? Per estendere questo pubblico prevedibile, avrei dovuto fare un film 'giornalistico'. È difficile trattare un argomento del genere in tutta tranquillità, sia sul piano ideologico che politico. Penso che ai marxisti ufficiali certe verità non sarebbero state del tutto gradite. Anche i contestatori a loro volta vi avrebbero trovato materia di controversia" (P.P. Pasolini).
Ecco allora l’idea geniale che rende questa pellicola un esperimento unico nella storia del cinema, un documento dalla portata impressionante se si considerano i mezzi con cui è stato prodotto. L’idea, in un progetto meta-filmico (la pellicola inizia addirittura con Pasolini che si riprende specchiato sulla vetrina di un negozio in una città africana) che nessun altro autore ha mai avvicinato, è quella di costruire il film sulla sua costruzione, di nascondere la messinscena dietro la sua preparazione, di far credere – in altre parole – allo spettatore di stare guardando (come da titolo) degli appunti per un film, per fargli rendere conto solo a visione terminata di aver visto invece il film vero e proprio. E che film!
Il regista finge di fare prove, sopralluoghi, casting, e sfrutta l’audio per nascondervi dietro la messinscena: dice “questo potrebbe essere Agamennone” e invece quello è Agamennone, si chiede cosa potrebbe simbolizzare le Furie, e invece al tempo stesso le Furie sono sullo schermo, rappresentate dagli alberi in conflitto col mondo moderno. Non è un caso che sia Pasolini stesso a manovrare l’Arriflex 16mm a spalla, perché con la macchina da presa Pasolini scrive, con tutta la sua abilità di letterato; perché le parole da cogliere non sono quelle pronunciate, ma quelle mostrate; perché la sua versione dell’opera di Eschilo è ideata e realizzata per il cinema, e, di conseguenza, impostata attraverso un discorso sul cinema. Appunti per un’Orestiade africana è cinema allo stato puro, embrionale, un cinema che ormai non si vede più, un cinema che fa teoria cinematografica.
La poetica drammaticità del testo filmico sopraggiunge quasi con naturalezza, mentre Pasolini sembra quasi un novellino della macchina da presa che si esercita nella costruzione dell’immagine.
Particolarmente efficaci ai fini della poetica dell’opera sono le sequenze in cui il regista discute dei temi dell’opera con un gruppo di studenti africani residenti a Roma; in quegli interventi, dei diretti interessati, si coglie il dramma intenso della questione, si comprende che l’utopia suggerita da Pasolini deve fare i conti con la sua inattualità. Le onde poetiche di Pasolini si infrangono contro le parole dei ragazzi africani, l’intuizione drammatica si scontra con le vicissitudini della vita e della situazione reali. I ragazzi africani, papabili novelli Oreste, rappresentano d’altra parte il tribunale delle Eumenidi, chiamato ad esprimersi (di nuovo ora, alle soglie del 2000) sulla situazione di un popolo.
Tutto si richiama all’analogia pasoliniana, anche le musiche, che miscelando sonorità tipicamente “bianche” ad altre tipicamente “nere”, sono lo specchio dell’Africa occidentalizzata, quell’Africa occidentalizzata che Pasolini inquadra sin dall’inizio, sin da quella vetrina su cui si specchia con la mdp, in veste, ad un tempo, di Eschilo e di Oreste. E, naturalmente, di autore, autore di quest’opera.
«Una nuova nazione è nata, i suoi problemi non si risolvono, si vivono... Il futuro di un popolo è nella sua ansia di futuro, e la sua ansia è una grande pazienza». È il commento che chiude il film, che però non ha conclusione; l’Orestiade africana è in sospeso, è sospesa e lenta come le immagini finali, come la vita dei contadini di un’Africa che forse, prima o poi, sarà finalmente libera.

A cura di Sandro Lozzi (19/09/05)

Si ringrazia http://www.positifcinema.com per questa recensione e http://misticobabbeo.splinder.com per le immagini

:::->Scheda tecnica del DivX<-:::

Dimensione: 699 Mb
Durata: 01:10:03

Video Codec: XviD
Video Bitrate: 1339
Risoluzione: 512 x 384
FPS (Frames/sec):25.000
QF (Frame quality): 0.272

Audio Codec: MP3
Audio Bitrate: 48000Hz 138 kb/s total (2 chnls) LAME3.90.°
Freq Audio: 48000Hz

related torrents

Torrent name

health leech seeds Size
 


comments (0)

Main Menu