Movies - Other

[xvid dvdrip ac3 ita][Alfred Hitchcock Project] La finestra sul cortile (1954)[colombo bt org]

  • Download 5x Faster
  • Download torrent
  • Direct Download
  • Rate this torrent +  |  -

Torrent info

Name:[xvid dvdrip ac3 ita][Alfred Hitchcock Project] La finestra sul cortile (1954)[colombo bt org]

Total Size: 1.37 GB

Magnet: Magnet Link

Seeds: 2

Leechers: 0

Stream: Watch Online @ Movie4u

Last Updated: 2015-09-03 22:40:49 (Update Now)

Torrent added: 2009-08-29 05:58:32




Torrent Files List


[Xvid ITA] Alfred Hitchcock - La finestra sul cortile (1954).avi (Size: 1.37 GB) (Files: 1)

 [Xvid ITA] Alfred Hitchcock - La finestra sul cortile (1954).avi

1.37 GB
 

tracker

leech seeds
 

Torrent description

DATI FILM:

Titolo: La Finestra Sul Cortile
Titolo originale:Rear Window
Nazionalit?:USA
Anno: 1954
Genere: thriller
Durata: 121'
Regia:Alfred Hitchcock

TRAMA:
L.B. Jeffries, detto Jeff, ? un fotoreporter costretto ancora per due settimane su di una sedia a rotelle da una gamba ingessata, ricordo di uno scatto fotografico un po' troppo ardito. Ad alleviare le sue pene ci sono la loquace infermiera Stella e la bellissima Lisa, con la quale Jeff continua a mantenere un rapporto in perenne divenire. Ma ci? che riempie maggiormente le giornate di questa sua noiosa degenza ? la vista che la finestra del soggiorno offre sugli appartamenti dei vicini, in cui egli ama sbirciare furtivo. E se questo suo scrutare curioso era prima un passatempo sporadico, ora ? diventato una fissazione che quasi gli toglie il sonno: nell'appartamento dei coniugi Torwald ? accaduto qualcosa di sinistro....

CAST:
* James Stewart: "Jeff" Jefferies
* Grace Kelly: Lisa Freemont
* Raymond Burr: Lars Thorwald
* Thelma Ritter: Stella, l'infermiera
* Wendell Corey: Thomas J.Doyle
* Judith Evelyn: miss Cuore Solitario
* Ross Bagdasarian: il compositore
* Georgine Darcy: miss Torse, la ballerina
* Irene Winston:la signora Thorwald

DATI XVID:
Dimensione: 1,400 MB
Durata: 01:48:41

Video Codec: XviD
Video Bitrate: 1603 kb/s
Risoluzione: 640x416 (1.54:1) [=20:13]
FPS (Frames/sec):25.000
QF (Frame quality): 0.241 bits/pixel

Audio Codec Ac3
Audio Bitrate: 192 kb/s (96/ch, stereo) CBR
Freq Audio: 48000 Hz

RECENSIONE:
Con la prima ufficiale tenutasi a New York nel 1954, vide la luce uno dei film pi? sorprendenti di tutta la storia del cinema, un'opera capace di gettarsi avanti nel tempo di decenni, tanto la sua concezione si rivel? innovativa in quel dato periodo storico. Sorprendente fu allora e sorprendente rimane ancora adesso, a dispetto del tempo e della vorticosa evoluzione cinematografica. Uno dei pregi principali de "La finestra sul cortile", difatti, sta proprio nel non portarsi appresso il peso degli anni; una prerogativa, questa, quasi esclusiva dei capolavori. Se la confezione non pu? non lasciar trapelare il distacco dalla modernit? filmica, la genialit? e la maestria che giacciono alle spalle di questa pellicola non possono altres? conoscere scadenza, ed anzi debbono rappresentare oggi un modello, un punto di riferimento e di comparazione per la cinematografia attuale, cos? immersa nel terzo millennio ma troppo spesso incapace, nella sua indolenza e faciloneria, di elevare un'idea semplice a livelli assoluti: esattamente quello che fece Alfred Hitchcock con questo suo film.

Affascinante, intrigante, persino divertente, "Rear Window" ? un'opera che avvolge splendidamente lo spettatore sin dai primissimi minuti per mano di una regia scrupolosamente dosata, con la macchina da presa che si muove sorniona scrutando ambienti ristretti come fossero immensi spazi aperti da setacciare, dando l'impressione che ci debba sempre essere qualche cosa di diverso e di interessante da mostrare in un'ambientazione circoscritta all'appartamento di Jeff e alla veduta del cortile con annesse abitazioni sovrastanti (uno dei set pi? imponenti mai costruiti sino ad allora dalla Paramount). Su quest'impalcatura Hitchcock (con il supporto dello sceneggiatore John Michael Hayes) si diverte, tramite il personaggio di James Stewart, a dare libero sfogo al suo debole per il voyeurismo, vero e proprio motore della vicenda, ma la grandezza del suo lavoro risiede soprattutto nell'aver saputo creare una straordinaria commistione di giallo-thriller, note da commedia e un pizzico di humour nero che a volte sfocia nel macabro appena accennato e mai evidenziato, sempre smorzato come si conviene all'atmosfera del film. I suddetti elementi beneficiano di un bilanciamento sottile e perfetto che li rende addirittura complementari l'uno con l'altro nel corso della narrazione, rendendola cos? ricca e sfaccettata, senza per? mai penalizzare il crescendo di mistero proprio della storia di fondo.
Hitchcock impartisce una vera e propria lezione di linguaggio visivo applicato alla cinematografia, comunicando con lo spettatore innanzitutto tramite le immagini, ovvero mostrandogli (non raccontandogli verbalmente, laddove le parole non siano necessarie), ci? che gli occorre sapere, e utilizzando oculatamente i dialoghi soprattutto per relazionare e quindi definire i personaggi nel migliore dei modi, rendendoli assolutamente piacevoli e interessanti. La relazione che intercorre fra Jeff e Lisa, il loro bizzarro interagire, incuriosisce ed intrattiene tanto quanto il mistero della vicina di casa svanita nel nulla, e le scene che coinvolgono i loro vivaci dibattiti costituiscono uno stacco perfetto e consistente da situazioni pi? cupe e di minore distensione per i protagonisti: una complessa, squisita alternanza di ironia e suspense.

Se Grace Kelly si presenta a noi, fin dalla sua primissima apparizione (il bacio di Lisa a Jeff ? nella sua semplicit? uno dei pi? belli mai visti al cinema), come una vera gioia per gli occhi, completamente immersa e a suo agio in un personaggio creato su misura per lei, la nostra attenzione viene giocoforza catalizzata dal grande James Stewart, che attraverso il suo viso mobile e morbido riesce a rendere viva un'infinita gamma di stati d'animo: dalla curiosit? all'ansia, dalla noia alla paura, dallo stupore all'apprensione; sempre con eguale efficacia e naturalezza. E' lui il vero mattatore del film, seppure in un ruolo atipico e tutt'altro che comodo. Citazione doverosa anche per la brava Thelma Ritter nelle vesti di Stella, infermiera tuttofare al servizio del malconcio e spesso caustico Jeff.

Con "La finestra sul cortile", Hitchcock ci propone un microcosmo che racchiude un'infinit? di situazioni comuni a contornare un accadimento invero brutale. Ma a dispetto di ci?, l'atmosfera che domina il film emana calore, intimit?, condivisione, e immedesimandoci nel protagonista riusciamo a comprendere i motivi per i quali il personaggio interpretato da Stewart senta l'esigenza di interessarsi alle vicende che gli si parano dinanzi, di scrutarle attraverso l'obiettivo della sua macchina fotografica: egli ? incerto, vulnerabile e insoddisfatto quanto le vite dei soggetti che osserva, e per questo ne ? attratto in maniera quasi morbosa. Una sorta di metafora dell'ironia e dell'ambiguit? della vita.

Non termineremmo mai di spendere parole utili a porre in risalto tutti gli aspetti e le sottigliezze che rendono questo film del tutto unico e particolare, scena dopo scena: se ne potrebbero scrivere veri e propri trattati. E' quindi per questo motivo che, giunti a questo punto, ci limiteremo a racchiuderne definitivamente la grandezza in un'unica, solenne definizione: capolavoro.

related torrents

Torrent name

health leech seeds Size
 


comments (0)

Main Menu